Salvatore Geraci di Palari a PIAZZETTA MILÚ per “Incontri Ravvicinati” il 10 Maggio 2018

3/5/2018 1.8 MILA
Salvatore Geraci
Salvatore Geraci

Esiste un luogo a metà tra due mondi, un luogo che ha visto il millenario passaggio di popoli ed antiche genti, un luogo Stretto tra le braccia della terra e l’odore del mare...

È da quel luogo che proviene l’ospite del nuovo appuntamento di Incontri Ravvicinati a Piazzetta MilúSalvatore Geraci, fondatore di Palari e creatore del più raro vino di Sicilia.

Da dinastia Messinese ed Architetto di professione, Salvatore Geraci inizia la sua avventura nel mondo del vino negli anni ‘80 quando conosce Luigi Veronelli e comincia a collaborare con la sua rivista L’Etichetta.

Nel 1990 Geraci accompagna Veronelli a vedere le sue vigne a Santo Stefano Briga, affacciate sullo Stretto di Messina: il grande giornalista ne intuisce subito l’importanza ed invita il giovane architetto a farne un vino importante e a salvare la minuscola Doc Faro costituita nel 1976.

Contemporaneamente conosce l’enologo Donato Lanati e lo convince a collaborare per fare un vino degno di quel terroir eccezionale, da quelle vecchissime viti che producevano poco. Si tratta di una viticultura eroica con vigne che si affacciano sul Mare Jonio, con pendenze che permettono di accudirle solo manualmente, senza alcun utilizzo di mezzi meccanici, se non una semplice motozappa.

Inizia così un’affascinante avventura facendo il vino come si faceva in Francia, sviluppando i lieviti, usando la temperatura, affinando a lungo in barrique, un vino che lascia la cantina, con sede in una bellissima villa patronale del ‘700, solo quando è realmente pronto, dopo aver avuto la propria giusta evoluzione.

Il primo grande millesimo fu il 1990: Veronelli quando l’assaggiò ne scrisse sull’Espresso definendolo il “Romanée-Conti d’Italia”.

Comincia così la storia che farà di Palari una chicca nel panorama vinicolo mondiale.

Sarà Emanuele Izzo, Delegato AIS Penisola Sorrentina e proprietario con la sua famiglia di Piazzetta Milúristorante stellato di Castellammare di Stabia (NA) ad ospitare proprio LUI:  Salvatore Geraci, che, seduto all’unico tavolo conviviale preparato per la prestigiosa occasione, racconterà ai pochissimi ed esclusivi ospiti la storia della sua azienda e ne condividerà i rarissimi vini: come molti dei grandissimi vigneron francesi, Geraci produce solo 2 vini: il Rosso del Soprano e il

Faro Palari.

Serviti dai Sommelier AIS del GDS della delegazione ed abbinati ad un menù Degustazione di 5 portate ideato per la speciale serata.

in realtà ci sarebbe anche una terza etichetta: un vino mai mandato alle Guide poiché il numero di bottiglie prodotto è troppo basso – circa 900 – il cui vitigno utilizzato è un’antica varietà di origine francese, a’Francisa, atta a creare il rarissimo Santa Nè.

Un vino che non conosce quasi nessuno. Quasi…

Giovedì 10 Maggio h21,

Posti limitatissimi.

Per info, costi e prenotazioni scrivere a: [email protected]