Trentapioli, la distanza tra noi e la storia dell’asprinio

10/9/2019 732
Gilda, Salvatore Martusciello
Gilda, Salvatore Martusciello

di Gennaro Miele

Trovare tracce della storia richiede spesso di scavare, smuovere terreni per ottenere la visione di indizi che aiutino a svelarla.

Esiste nella viticoltura campana una realtà nella quale per arrivare alle tracce di una storia antica è necessario salire, è quella dell’Asprinio di Aversa dei Vigneti ad Alberata, praticata nella provincia di Napoli e Caserta.

Il nome deriva dalla pratica di permettere alla pianta della vite di poter crescere arrampicandosi sugli alberi di pioppo, di maritarsi con esso, per praticare la vendemmia è necessario salire nella parte alta delle viti, che possono raggiungere i 15 metri di altezza e per questo è necessario utilizzare scale strette costituite da 30 pioli

Questa viticoltura richiede d’esserne innamorati, Salvatore Martusciello coadiuvato dalla moglie Gilda, trae questo amore dall’esempio della sua famiglia, storici viticoltori.

I vini prodotti da Salvatore sono 5 come le carte di una partita nella quale lui vince per qualità usando l’asso del Trentapioli, un Asprinio d’Aversa DOC, un Brut spumantizzato con Metodo Martinotti.

Trentapioli, Asprinio d’Aversa DOC
Trentapioli, Asprinio d’Aversa DOC

Il millesimato 2017 è di un giallo paglierino tenue con gentili riflessi verdolini, dalla fine bollicina emerge al naso il frutto acerbo della pesca, con sentori di  cedro candito ed erbe officinali, all’alzarsi della temperatura sfuma in un leggero speziato.

All’assaggio è inequivocabile l’impronta acida del vitigno, secco, abbastanza morbido e con un gradevole ritorno fruttato.

Assaggio che ha le giuste premesse per poter sostenere il giudizio anno dopo anno potendone carpire le sfumature della sua evoluzione.

Impossibile non pensare di abbinarla alla Mozzarella di Bufala DOP vestita da un dorato filo d’olio.

Intenso e fresco, giovane e promettente questo assaggio evoca la voce graffiante di Noemi nel brano Sono solo parole, ma nel calice di Salvatore troviamo anche dei fatti convincenti.

***

www.salvatoremartusciello.it
Via Spinelli, 4 – 80010 Quarto (NA).
Corso della Repubblica, 138 – 80078 Pozzuoli (NA)
info@salvatoremartusciello.it

***

Fonte: www.metropolisweb.it

Un commento

    Francesco Mondelli

    Grazie.Grande bollicina e abbinamento millimetrico.Davide contro Golia:ma quando “ce vo ce vo”.Finalmente il coraggio di un nostro vino su una nostra eccellenza.Onore al prosecco ma fateci bere un aspirino come quando e meglio ci pare:possibilmente in riva al mare.PS E non scordiamoci del Gragnano sulla pizza! FM

    10 settembre 2019 - 16:49Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.