Vini azienda Le Grazie a Montecorice

15/5/2022 768
Vini azienda Le Grazie
Vini azienda Le Grazie

di Enrico Malgi

Nel Cilento insistono eccellenti condizioni pedoclimatiche per produrre vini di assoluta qualità, come hanno ampiamente dimostrato nel corso degli ultimi trent’anni le aziende locali. Ad esse per fortuna si stanno aggiungendo sempre più giovani preparati ed intraprendenti, che si dedicano con forte motivazione ed orgoglio alla viticoltura territoriale perché, come afferma giustamente un viticoltore di Agropoli tornato a casa dopo una lunga esperienza formativa in giro per l’Italia, “Ciliento, è nu paccio chi nun crere int’a sta terra”.

Tra i filari dell'azienda Le Grazie
Tra i filari dell’azienda Le Grazie

E proprio in questo ci ha creduto veramente il giovane Bernardino Cera che lavorava in uno studio di commercialista a Novara, dove è nato da genitori cilentani, e non pensava minimante di tornare al suo paesello ed invece all’improvviso è scattata la scintilla che gli ha fatto cambiare idea.

Bernardino Cera
Bernardino Cera

Detto fatto, nel 2013 lascia tutto e torna a Montecorice e fonda l’azienda agricola Le Grazie, che prende il nome da una chiesetta di famiglia che si trova sulle colline del paese in località Madonna delle Grazie.

Vigna azienda Le Grazie
Vigna azienda Le Grazie

Dapprima inizia ad interessarsi di ulivi e di fichi della proprietà di famiglia e poi dopo si dedica alla viticoltura biologica, impiantando nel 2018 una vigna di tre ettari che già nel 2020 e 2021 ha dato i suoi frutti con la confezione di tre etichette, due bianche ed una rossa, con la collaborazione dell’enologo Alessandro Leoni.

Controetichette azienda Le Grazie
Controetichette azienda Le Grazie

Vincenzì Fiano Campania Igt 2021. Soltanto Fiano maturato in acciaio per sette mesi. Gradazione alcolica di dodici e mezzo. Prezzo finale di 11,00 euro.

Colore giallo paglierino non troppo carico ma striato di lampi verde clorofilla. Bouquet espansivo e godurioso, dal quale emergono molteplici note olfattive di pesca bianca, mela, pera, clementina, biancospino, ginestra e tracce vegetali e minerali che inebriano le narici. In bocca entra un sorso bello fresco e sospiroso, fruttato ed aggraziato, delicato e cristallino, arioso e sapido, suadente e succoso. Appeal seducente, goloso ed accattivante, che prelude ad un fraseggio finale morbido, felpato ed elegante. Vino che migliorerà sicuramente nei prossimi anni. Da preferire su frittura di pesce e mozzarella di Paestum.

Fiano azienda Le Grazie con frittura di pesce
Fiano azienda Le Grazie con frittura di pesce
Vino Bianco azienda Le Grazie con tortellini in brodo
Vino Bianco azienda Le Grazie con tortellini in brodo

Bianco Colli Montecoricesi Campania Igt 2021. Blend di Fiano al 70% e saldo di Falanghina. Affinamento per sette mesi in acciaio. Tasso alcolico di tredici gradi. Prezzo finale di 8,50 euro.

Alla vista si presenta un sontuoso colore giallo paglierino abbastanza carico. Corredo aromatico ottimamente modulato e veicolato poi da ricche impronte olfattive di mela verde, mandarino, banana, ananas, zagara, gelsomino e macchia mediterranea. Solidi dl spunti speziati di ottima fattura. Sentori balsamici. Impatto del sorso sulla lingua tagliente, fine, glicerico, polposo, armonico, reattivo, scattante e stuzzicante. Un’aria godibilmente fresca serpeggia per tutto il cavo orale. Coté ben ritmato, dinamico, vezzoso ed affascinante. Un bianco sicuramente tonico ed avviluppante. Chiusura appagante e persistente. Da abbinare ad un piatto di tortellini in brodo e carne bianca.

Il Sarto Aglianico Campania Igt 2020.  Aglianico in purezza affinato in acciaio per un anno. Gradazione alcolica di tredici e mezzo. Prezzo finale di 11,00 euro.

Splendida la livrea rosso violacea che risalta nel bicchiere. Incidenza olfattiva di ottima presa laddove il naso si erge a privilegiato protagonista, perché destinatario di un corollario di intense e sontuose nuances sotto forma di ciliegia, prugna, mirtilli, cassis, more, carruba, violetta ed erbe aromatiche. Schegge speziate in sottofondo. In bocca penetra un sorso asciutto, costumato, fiero, morbido, infiltrante e terroso. Acidità evoluta. Tannini affusolati. Timbrica sapida. La percezione tattile esplora una pregnanza gustativa fluida, bene equilibrata, arrotondata, espressiva, lineare, raffinata e senza esibizione di forza. Retroaroma edonistico. Perfetto su un piatto di pasta al ragù e formaggio grana.

In definitiva si tratta di vini in itinere ancora molto giovani e quindi avranno bisogno di tempo per perfezionarsi. Basta considerare poi che la vendemmia è frutto di un’imberbe vigna che esprimerà il meglio di sé solo tra alcuni anni. Comunque siamo sulla strada giusta. I prezzi delle bottiglie poi sono molto vantaggiosi.

 

Società Agricola Semplice Le Grazie

Via S. Antonio, 22 – Montecorice (Sa)

Cell. 339 8884189

[email protected]www.aziendalegrazie.it

Enologo: Alessandro Leoni

Ettari vitati: 3 – Vitigni: Aglianico, Fiano e Falanghina.

2 commenti

    FRANCESCO MONDELLI

    Grazie per la news cui posso solo aggiungere un paio di considerazioni e cioè la certezza che Alessandro Leoni saprà guidare l’azienda a traguardi notevoli e che il terroir vergine ed inesplorato,se ben lavorato,di sicuro contribuirà a dare vini di grande qualità FM

    15 Maggio 2022 - 12:48Rispondi

    Enrico Malgi

    Si caro Francesco, il Cilento ultimamente fa rima con fermento, nel senso che c’è grande interesse da parte di giovani di cimentarsi nella viticoltura locale con ottimi risultati. Speriamo bene per il futuro.

    15 Maggio 2022 - 16:01Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.