Vini Mila Vuolo

3/6/2020 610
Vini Mila Vuolo
Vini Mila Vuolo

di Enrico Malgi

L’azienda agricola e vitivinicola Vuolo è collocata in un areale fino a pochi anni fa sconosciuto ai più, quello dei Colli di Salerno, ma questo non le ha impedito di dedicarsi con passione e determinazione alla produzione di vini eccellenti e premiati, grazie all’impegno profuso dalla titolare Mila Vuolo insieme con l’enologo Guido Busatto.

La minuscola azienda salernitana, che pratica una viticoltura biologica, può contare su appena tre ettari e mezzo vitati e su una minimale produzione che a malapena supera le 13.000 bottiglie l’anno. Tre sono le etichette in commercio, di cui in questi giorni ha assaggiato le nuove annate.

Controetichette vini Mila Vuolo
Controetichette vini Mila Vuolo

Fiano Colli di Salerno Igt 2018. Soltanto Fiano lavorato in acciaio per dieci mesi e poi affinato in vetro per un anno. Tasso alcolico di tredici gradi. Prezzo finale in enoteca sui 15,00 euro. Bottiglie prodotte per questo millesimo n. 3.800.

Alla vista si presenta un bel colore giallo paglierino brillante. Profumi di pera, mela golden, albicocca, nocciola, agrumi, gelsomino, tiglio e acacia. Timbrica fumé in sottofondo. L’impatto è caratterizzato da un appeal secco, fresco, morbido, sapido, elegante, delicato, polposo e fine. Palato ben registrato su toni dinamici ed evoluti com’è nelle corde del Fiano in generale. Finale appagante e godurioso. Sull’ottima e classica cucina marinara salernitana.

Aglianico Colli di Salerno Igt 2013. Aglianico in purezza. Fermentazione in acciaio. Maturazione per circa due anni in legno ed altrettanto di elevazione in boccia. Gradazione alcolica di quattordici e mezzo. Prezzo in enoteca di 25,00 euro. Bottiglie prodotte n. 11.600. Vino premiato da tutte le riviste specializzate ed anche a Radici del Sud ha riscosso un grosso successo, con la vittoria del millesimo 2009 ed il secondo posto con l’annata 2010.

Colore rosso rubino carico e luminoso. Bouquet seducente ed intensamente profumato di un frutto puro, materico e concentrato di ciliegia, prugna, mora, ribes e mirtilli. Rimandi floreali di viola e di rosa appassita. Terziari di goudron e poi anche di liquirizia, tabacco, balsamo china, grafite e tartufo. In bocca sorso caldo, avvolgente, acido, corposo e sostenuto da un’impalcatura tannica tesa e sferzante. Portamento austero. Timbro terroso. Espansione palatale solida, profonda, scattante, croccante. Potenziale di serbevolezza a lunga scadenza. Da spendere su piatti di carne arrosto, cacciagione e formaggi stagionati. Un gran bel vino davvero.

Cabernet Vino Varietale di Salerno 2017. Cabernet Sauvignon al 100%. Affinamento in legno per un anno e poi elevazione in vetro. Tenore alcolico di quattordici gradi. Prezzo finale di 19,00 euro. Bottiglie prodotte appena 1.080.

Colore rosso rubino sfavillante. Impronta olfattiva di amarena, prugna, fragola, ribes e mirtilli. Avviluppanti e varietali gli estratti di peperone verde, foglia di pomodoro, pepe verde e menta piperita. Respiri balsamici. Cadenze speziate. Sussurri terziari a vasto raggio. In bocca sorso estremamente piacevole, esplosivo, tagliente, sapido, compatto ed ottimamente strutturato. Tattilità bene equilibrata tra la dolcezza del frutto ed il legno ben dosato. Palato di finezza e di espansione borgognona. Coté elegante, leggiadro, integro e fascinoso. Il retroaroma espande copiosamente le sue delizie per tutto il cavo orale, affermando ancora di più la bontà di questo eccellente vino. Longevità tutta ancora da scoprire. Carne ed ancora tanta carne.

Sede a Salerno – Località Passione di Rufoli
Tel. 089 282178 – Cell. 347 3428746
Enologo: Guido Busatto
Ettari vitati di proprietà: 3,5 – Bottiglie prodotte: 13.000
Vitigni: Aglianico, Cabernet Sauvignon e Fiano.