Alto Nero d’Avola Sicilia Doc 2012 | Voto 85/100

Letture: 264
Alto Nero d’Avola Sicilia Doc 2012 Rapitalà

Tenuta Rapitalà
Uva: nero d’Avola
Fascia di prezzo: 15,00 euro in enoteca
Fermentazione e maturazione: acciaio e legno
Vista 5/5 – Naso 25/30 – Palato 25/30 – Non omologazione 30/35

Esistono dei vitigni che si identificano principalmente con il proprio territorio di appartenenza, con cui formano un unicum. Alcuni di essi possono anche migrare in altri lidi, ottenendo spesso dei buoni risultati, altri, invece, sono legati indissolubilmente al terroir e rappresentano esclusivamente il patrimonio ampelografico locale. Ecco, questo è proprio il caso del nero d’Avola, che è coltivato quasi in tutta la Sicilia e che non ha attecchito in altre regioni a differenza dei nerello, che sono allevati anche in Calabria.

La Tenuta Rapitalà rappresenta una grossa azienda siciliana ed è inserita nel Gruppo Italiano Vini. La produzione vinicola è molto ampia con circa tre milioni di bottiglie l’anno e con variegate specie varietali impiegate, locali ed alloctone, tra cui naturalmente spicca l’alfiere regionale nero d’Avola coltivato a 550 metri di altezza.

Il Nero d’Avola Alto Sicilia Doc 2012 ha conseguito il secondo premio ex aequo a Radici del Sud da parte della giuria internazionale. Il vino trascorre più di un anno a maturare in acciaio, legno grande e piccolo e vetro. Tasso alcolometrico di quattordici gradi.

Controetichetta Alto Nero d’Avola Sicilia Doc 2012 Rapitalà

Luminoso e profondo colore amaranto, con effetti purpurei sull’unghia. Al naso predomina un intenso incipit fruttato di more, ribes nero, lampone, prugna e ciliegia, a cui si aggregano aromi speziati, balsamici, di liquirizia, di cioccolato, di cuoio e di tabacco. In bocca il vino è pieno, fresco, morbido, pulito, rotondo, elegante, equilibrato, strutturato e ricco di suadenze fruttate. La trama tannica è avvolgente e ben tessuta. Il finale è sontuosamente persistente ed appaga lungamente la beva. Vino abbastanza longevo. Prezzo molto interessante. Da preferire su pasta al forno, carni rosse e formaggi stagionati. Prosit!

Questa scheda è di Enrico Malgi

Sede a Camporeale (Pa) – Contrada Rapitalà
Tel. 0924 37233 – 37494 – Fax 0924 361115
cantinarapitala@givwww.rapitala.it
Enologo: Silvio Centoz
Ettari: 260, di cui 166 vitati
Bottiglie: 2.700.000
Vitigni: nero d’Avola, cabernet sauvignon, syrah, pinot nero, perricone, grillo, chardonnay, sauvignon blanc, viognier e catarratto.