Bristace 2007 bianco passito Calabria igt

Letture: 167

TENUTA IUZZOLINI
Uva: greco
Fascia di prezzo: da 10 a 15 euro
Fermentazione e maturazione: legno


La famiglia Iuzzolini al completo
Mamma mia, un passito del caldo 2007 nella calda Calabria. Che sarà mai, una marmellata di uva? Certo, se in alcune zone non è stata mai curata la tecnica dell’appassimento è perché le condizioni non lo consentivano, in particolare, più di tutte le altre, la fermentazione senza la temperatura controllata.
Da alcuni anni però la musica è cambiata e il Greco calabrese si conferma essere uva di inaspettata e inusitata eleganza quando viene lavorato in questo modo. Pensiamo alle esecuzioni di Stelitano nel Reggino. Alle spalle di questa tecnica c’è nel Cirotano una famiglia solidamente piantata da almeno tre generazioni nella terra, in particolare nella fornitura alle cantine di Cirò di tutti i prodotti agricoli possibili e immaginabili. Prima l’acquisizione delle terre, poi la costruzione di una cantina museo: le premesse ci sono tutte.
Quando abbiamo aperto questo passito ci siamo trovati di fronte a qualcosa di fine ed elegante, basti pensare al semplice fatto che l’alcol dichiarato è di 14 gradi, ossia meno di qualche Taurasi blasonato per non parlare di Fiano e Falanghine: la costruzione enologica dunque appare già moderna, meglio style life, perché punta a tirare fuori la freschezza e la dolcezza della frutta riuscendo a centrare perfettamente l’equilibrio necessario. Ne esce fuori un bianco con tutti il repertorio olfattivo del caso, ossia il fico secco, le albicocche sotto spirito, i datteri, ma anche spinto da una rinfrancante acidità che finisce per dominare la beva tenendo il palato pulito e senza alcuna tarccia di stucchevolezza.
Se non fosse per la sontuosa presenza fruttata in bocca, si farebbe difficoltà a riconoscere nel Bristace (il nome è quello antico di un territorio di Umbriatico, comune della provincia di Crotone) un vino dolce del Sud. Ancora una volta dunque i luoghi comuni costituiscono un deragliamento dalla realtà: il vino è coloro giallo oro brillante, i profumi sono intensi e molto persistenti con perfetta corrispondenza al gusto, un compito ben eseguito dunque, in una vendemmia sicuramente non facile per questa tipologia di vino e per i bianchi in genere. Speriamo che le prossime edizioni riescano a confermare lo stile scelto da Pasquale, il giovane enologo di famiglia: leggerezza ed eleganza sono le due qualità che in questo momento maggiormente si richiedono ai vini.
Lo berremo, grazie alla sua freschezza, su una sontuosa torta con Pan di Spagna zeppa di crema pasticcera. Voilà e tié.

Sede a Cirò Marina, sede legale in via Sottopalazzo 48
Tel. 0962.371326 e 0962.371326, fax 0962.379152
Sito: http://www.tenutaiuzzolini.it
Enologo: Pasquale Iuzzolini
Bottiglie prodotte: 300.000
Ettari: 500 di cui 30 vitati
Vitigni: gaglioppo, magliocco, cabernet sauvignon, greco, chardonnay