Campantuono 2005 Falerno del Massico

Letture: 158

PAPA

Uva: primitivo
Fascia di prezzo: da 10 a 15 euro
Fermentazione e maturazione: acciaio e legno

Antonio Papa

L’assaggio ci ha riportato indietro di qualche mese, alla bella manifestazione pugliese, organizzata dal trio Porcelli, Scivetti, Campanile e alla affermazione dei primitivi di Gioia del Colle, con il Polvanera 17 in testa. Chiacchierando dopo gli assaggi con Antonio Papa, figlio di Gennaro, impegnato nella zona di Falciano del Massico sui suoi 5 ettari, scopriamo che il clone da lui utilizzato viene proprio da Gioia del Colle.Il discorso verte sulla capacità di esprimere una certa potenza, non priva di controllo e, ammantata dalla giusta eleganza e soprattutto complessità al naso, così come di una facilità di beva al palato. Ormai sono lontani (non per tutti) gli anni dei vini monolite, come le teste dell’isola di Pasqua, capaci di impressionare già nel colore che macchiava il bicchiere, attraverso cui non filtrava la luce, che al singolo sorso esplodeva, per poi rimanere lì, un “Ei fu, siccomeimmobile” manzoniano, che finiva per essere svuotato in un lavandino visto che nessuno era riuscito a berlo. Oggi, da una viticoltura che prende strade diverse fino alla maggiore consapevolezza dei produttori, pare che il vino torni alimento e si riaffacci, com’è giusto, sulle nostre tavole.
Nitido il frutto, mora matura, contornato da sensazioni di fico,liquirizia e terriccio, spezie, mormorii fumè e un tocco balsamico. Al palato ha buon ingresso, morbido, non mollo, buona ampiezza, sorso gustoso e profondo, buona trama tannica, fitta e di buona stoffa,finale aromatico di china chiuso dalla derapata dell’alcol leggermente sopra le righe.Da varie vigne per un’estensione totale di cinque ettari, con una densità di impianto di circa 6000 ceppi allevati a guyot, il vino sosta in barrique di primo, secondo e terzo passaggio per circa 13 mesi a cui segue un affinamento di 10 mesi in bottiglia. Da abbinare ad un ragù ricco; di cinghiale ad esempio.

Mauro Erro

Sede a Falciano del Massico, Piazza Limata 2. Tel. e fax 0823.931267. cantinapapa@libero.it. www.cantinapapa.it Enologo: Maurilio Chioccia. Ettari: 4 di proprietà. Bottiglie prodotte: 13.000. Vitigni: primitivo.