Caputo brut millesimato

Letture: 114

Uva: asprinio
Fermentazione e maturazione: spumantizzazione ottenuta con metodo classico

Una delle migliori espressioni dell’asprinio, un prodotto su cui si può lavorare ancora. A tutto pasto o come aperitivo. Conservato nelle cantine di tufo del palazzo della regina Giovanna a 14 metri sotto terra nell’unica cantina destinata unicamente alla produzione del metodo classico. Siamo di fronte ad uno dei classici della viticoltura campana di cui si innamorarono Veronelli e Soldati. Un vino certo difficile per il palato internazionale, ma sicuramente tipico e ineguagliabile.

Sede a Teverola, Via Garibaldi, 64
Tel. 081 5033955, fax 081 5034307
Sito: http://www.caputo.it
Email: cantine@caputo.it
Enologi: Lorenzo Landi e Sergio Romano
Bottiglie prodotte: 1.000.000
Ettari: 24 di proprietà e 30 in fitto
Vitigni: asprinio d’Aversa, falanghina, greco, aglianico, piedirosso, casavecchia