Colli del Mancuso Cirò Doc Rosso Classico Superiore Riserva 2010 | Voto 88/100, winner a Radici del Sud

Letture: 181
Colli del Mancuso Cirò Riserva Doc 2010 Ippolito 1845

Cantine Vincenzo Ippolito
Uva: gaglioppo
Fascia di prezzo: 12,00 euro in enoteca
Fermentazione e maturazione: acciaio e legno
Vista 5/5 – Naso 26/30 – Palato 27/30 – Non omologazione 30/35

Produrre vino in un territorio a forte vocazione enologica sembra scontato e naturale. Se poi ci si riferisce ad un’azienda in particolare che impiega soltanto specie varietali autoctone ed è anche depositaria di una lunga storia alle spalle di circa 170 anni, allora sicuramente le etichette acquistano un valore aggiunto e sono più affascinanti. Ecco questo è l’identikit dell’azienda calabrese Ippolito 1845 di Cirò Marina, che ha la fortuna di operare in un territorio estremamente privilegiato per la coltivazione delle uve e che con il capostipite Vincenzo ha iniziato nl 1845.

Qui sui cento ettari vitati si allevano soltanto vitigni autarchici come il gaglioppo, il calabrese, il greco bianco ed il pecorello, con i quali si ricavano quattordici tipologie esportate in Italia ed all’estero. Il fiore all’occhiello di tutta la produzione rimane comunque il gaglioppo, col quale sono confezionate sei etichette, tra cui anche un rosato. Tra queste quella dei Colli del Mancuso Cirò Doc Rosso Classico Superiore Riserva 2010 ha ottenuto meritatamente la prima piazza all’ultima edizione di Radici del Sud da parte della giuria nazionale.

Acciaio, legno grande e vetro per l’affinamento. Gradazione alcolica di quattordici e mezzo.

Controetichetta Colli del Mancuso Cirò Riserva Doc 2010 Ippolito 1845

Nel bicchiere colore rosso rubino chiaro, con lampi purpurei ai bordi. Al naso tipici profumi varietali fruttati e floreali, in primis la fragola e la viola a cui fanno da corollario spezie, liquirizia, note balsamiche, cuoio e tabacco. In bocca il sorso si espande voluttuosamente sulla lingua, rilasciando una perdurante traccia calda, terrosa, carnosa, austera e pungentemente tannica. Ma il vino è anche morbido, elegante, equilibrato, fresco, complesso, maturo ed evoluto. Respiro finale lungo, intenso e riccamente sapido e minerale. Eccellente vino senz’altro da provare in accompagnamento con piatti di pasta al ragù, brasati di carne e pecorino calabrese. Prezzo molto interessante. Prosit!

Questa scheda è di Enrico Malgi

Sede a Cirò Marina (Kr) – Via Tirone, 118
Tel. 0962 31106 – Fax 0962 31107
Ippolito1845@ippolito1845.itwww.ippolito1845.it
Enologo: Giovanni Di Mastrogiovanni
Ettari vitati: 100 – Bottiglie prodotte: 800.000
Vitigni: gaglioppo, calabrese, greco bianco e pecorello