Falanghina del Sannio Dop 2013 | Voto 85/100, winner a Radici del Sud

Letture: 57
Falanghina del Sannio Dop 2013 Torre Venere
Falanghina del Sannio Dop 2013 Torre Venere

Azienda Agricola Torre Venere
Uva: falanghina
Fascia di prezzo: 12,00 euro in enoteca
Fermentazione e maturazione: acciaio
Vista 5/5 – Naso 25/30 – Palato 25/30 – Non omologazione 30/35

La falanghina è coltivata in tutte le province campane, ma i risultati migliori si ottengono soprattutto nell’area Flegrea, dove nell’Antichità i Tessali impiantarono i primi ceppi, e nel Sannio dove ha trovato il suo giusto habit con una condizione pedoclimatica perfetta. Ed il comune di Castelvenere nella Valle Telesina, il più vitato della Campania con millediciotto ettari destinati alla viticoltura, è quello che alleva più intensamente questa varietà.

Una delle aziende locali leader, rilanciata da pochi anni ma di antica e storica tradizione, è quella di Torre Venere gestita dalla famiglia Pacelli già dalla fine dell’Ottocento e che della falanghina ne fa un proprio cavallo di battaglia, frutto di una viticoltura ecocompatibile ed ecosostenibile per la tutela ambientale ed ecologica. Un prodotto di eccellenza che ha saputo razziare ovunque copiosi riconoscimenti. Come quelli prestigiosi conseguiti all’ultima edizione di Radici del Sud, laddove l’etichetta Falanghina del Sannio Dop 2013 si è piazzata al primo posto assoluto, come decretato dalla giuria internazionale, ed in seconda posizione assoluta così come hanno deciso i giudici nazionali.

Raccolta delle uve a fine settembre. Fermentazione a temperatura controllata in serbatoi di acciaio, ove il vino prosegue poi l’affinamento per quattro mesi prima di essere imbottigliato. Tasso alcolico di tredici gradi.

Colore giallo paglierino già carico. Sensazioni olfattive che evidenziano intensi ed intriganti profumi fruttati, floreali e vegetali. In primis si colgono note di pesca bianca, di mela verde, di agrumi, di fiori bianchi e di santoreggia, che poi essenze sapide e minerali di buona fattura. In bocca entra un sorso godibile per freschezza, morbidezza e fruttuosità. Elementi succosi e dinamici poi vanno a rimpolpare un gusto carezzevole, elegante ed equilibrato.
Finale guizzante e persistente che reitera in toto le sublimi percezioni olfattive. Ottimo vino, connotato da un prezzo eccezionale e da spendere su risotti, pesce, frutti di mare, carne bianca e formaggi freschi. Prosit!

Questa scheda è di Enrico Malgi

Sede a Castelvenere (Bn) – Via Sannitica, 157
Tel e Fax 082 4940695 Cell. 333 6254676
info@torrevenere.it www.torrevenere.it
Enologo: Michele Pacelli
Ettari vitati: 4 – Bottiglie prodotte: 15.000
Vitigni: aglianico, barbera del Sannio e falanghina