Falerno del Massico Bianco Dop 2014 | Voto 87

Letture: 129
Falerno del Massico Bianco Dop 2014 Villa Matilde
Falerno del Massico Bianco Dop 2014 Villa Matilde

Villa Matilde
Uva: falanghina
Fascia di prezzo: 9,00 euro in enoteca
Fermentazione e maturazione: acciaio
Vista 5/5 – Naso 26/30 – Palato 26/30 – Non omologazione 30/35

Ho più volte accennato che esistono particolari etichette che nel corso degli anni diventano affidabili per la loro storia aziendale e territoriale, per la costante qualità, per il prezzo accessibile ed il fascino che esse emanano al punto tale da diventare quasi familiari.

Ecco uno di questi marchi è senz’altro il Falerno del Massico Dop di Villa Matilde dei fratelli Ida e Salvatore Avallone, che da giusto quarant’anni (la prima annata di produzione è datata 1975) fa ottimi vini. E non solo, perché questa bottiglia riesce sempre a conquistare lusinghieri apprezzamenti da parte dei critici. Ultima ed ennesima conferma in ordine cronologico si è avuta all’ultima edizione di Radici del Sud, ove il millesimo 2014 ha reiterato la seconda posizione dell’anno scorso con l’annata 2013, passando dal lodevole giudizio espresso dalla giuria nazionale a quello internazionale.

Criomacerazione delle uve di falanghina per ottenere una maggiore estrazione aromatica. Fermentazione controllata per circa venti giorni, affinamento in acciaio inox per tre mesi e subito dopo elevazione in boccia. Alcol a 14 gradi.

Controetichetta Falerno del Massico Bianco Dop 2014 Villa Matilde
Controetichetta Falerno del Massico Bianco Dop 2014 Villa Matilde

Splendente il colore giallo paglierino che si scorge nel bicchiere, con lampi verdolini.

Bouquet intenso e coinvolgente che risalta profumi variegati di agrumi, pesca, mango, pera, ginestra, salvia e rosmarino.

Al palato è decisamente accattivante, ccon un assetto tonico e reattivo e con uno slancio fresco, dinamico, equilibrato, fine ed elegante. Chiusura pulita e modulata da percettibili sfumature sulfuree.

Comprare la bottiglia e berla adesso su risotti, spaghetti allo scoglio, carne bianca e latticini, oppure farne scorta ed aspettare minimo quattro-cinque anni. Prosit!

Questa scheda è di Enrico Malgi

Sede a Cellole (Ce) – S.S. Domitiana, 18
Tel. 0823 932088 – Fax 0823 932134
info@villamatilde.itwww.villamatilde.it
Enologo: Riccardo Cotarella
Ettari vitati: 130 – Bottiglie prodotte: 700.000
Vitigni: aglianico, piedirosso, primitivo, abbuoto, fiano, greco e falanghina