Falerno del Massico rosso 2004 doc

Letture: 37

VILLA MATILDE

Uva: aglianico e piedirosso
Fascia di prezzo: da 5 a 10 euro
Fermentazione e maturazione: acciaio e legno

Il rosso base di Villa Matilde è buono, economico, tipico. Siamo ormai quasi a dieci vendemmie di Riccardo nella cantina di Cellole e le misure sono state prese molto bene, del resto davvero basta un po’ di piedirosso e un’annata più magra per poter fare un vino pronto, abbastanza morbido e di carattere: così si impone con grande personalità, struttura, alcol giusto e soprattutto con la freschezza meravigliosa che lo rende abbinabile e interessante in ogni circostanza, dunque vino quotidiano. Coloro i quali vedono in Cotarella il diavolo in questo settore dovrebbero riflettere sulle pieghe dell’impegno quotidiano come stanno veramente le cose quando poi ci si siede a tavola, magari solo per un vino da spendere sulla pizza o una pasta al pomodoro e come a volte la realtà concreta sia esattamente opposta al senso comune diffuso in certi ambienti. Fermo restando che ciascuno è padrone in casa propria, vero è che la strada per l’affermazione dei vini campani rossi di fascia media, un segmento in cui la regione appare abbastanza debole, passa proprio per la caratterizzazione dei prodotti e non per la loro piallatura perché, proprio in questa fascia, la concorrenza internazionale non lascia spazio sui costi e sull’uniformità del gusto, altrimenti si rischia di far fare all’aglianico la stessa fine che ha fatto la maggior parte del Nero d’Avola. Dunque il nostro campioncino si è presentato all’appuntamento con le pizze alle alici e al San Marzano da Filippo’s a Sapri (doppia lievitazione) in grande forma, con un naso abbastanza intenso e piacevole, legno e frutta in buon equilibrio, in bocca ha confermato il vigore annunciato dal colore rosso rubino vino ancora con qualche sfumatura violacea, dimostrando la sua superiorità nella beva più che all’olfatto. Chiusura classica dell’aglianico, meno amara grazie alla presenza del piedirosso, lunga e convincente. Una annata che adesso ha raggiunto la sua maturità e per la quale si possono prevedere almeno altri tre o quattro anni in grande spolvero prima di iniziare la fase calante.

Sede a Cellole,  Via Domitiana, 18, Km 4,700. Tel. 0823 932088, fax 0823 932134  info@fattoriavillamatilde.comwww.fattoriavillamatilde.com. Enologo: Riccardo Cotarella. Ettari: 90 di cui 62 vitati. Bottiglie prodotte: 550.000. Vitigni: aglianico, piedirosso, abbuoto, coda di volpe rosso, falanghina, coda di volpe.