Fiano 2006 Sannio doc

Letture: 33

MUSTILLI

Uva: fiano
Fascia di prezzo: da 5 a 10 euro
Fermentazione e maturazione: acciaio

Due conferme da questa nuova bottiglia: la prima è la spiccata vocazione bianchista di questa bella azienda sannita in cui il passaggio generazionale è avvenuto lentamente e giudiziosamente. Dal Regina Sofia, un aglianico vinificato in bianco purtroppo tolto dalla gamma, alla classica Falanghina, al Greco, sinanche al passito, sempre dalle cantine di Sant’Agata dei Goti sono usciti grandi vini a strepitoso rapporto tra qualità e prezzo. La seconda è l’impressionante progressione del Fiano che da Lapio e dintorni continua ad espandersi lungo tutte le direttrici, cito anche Santi Dimitri nel Salento giusto per dare una idea. Effettivamente le tecniche di cantina e una attenta conduzione delle vigne rendono possibili risultati davvero straordinari e sempre piacevoli. Nel Sannio sono numerosi ormai gli esempi (La Rivolta, La Guardiende, Terre Stregate, Torre Gaia) di Fiano molto gradevole e assolutamente competitivo con quello irpino. L’interpretazione del bicchiere di Mustilli è leggermente acerba, con spiccate note vegetali ammagliate con erbe di campo e della macchia mediterranea a cui solo in un secondo momento subentra il frutto. Rispetto ad un assaggio di qualche tempo fa, l’evoluzione appare composta e molto interessante, capace di rispondere alle migliori aspettative rispettando tutti i parametri importanti, tra cui quello dell’equilibrio sostenuto da una buona base di freschezza, intensità e persistenza olfattiva e in bocca. Sono convinto anche in questo caso di poter aspettare qualche annetto prima di godere appieno della complessità del vitigno: intanto lo beviamo sicuramente con la cucina di mare dell’alta ristorazione.

Sede a Sant’Agata dei Goti. Via dei Fiori, 20. Tel. 0823.718142, fax 0823.717619. www.mustilli.com. Enologo: Mauro Orsoni. Ettari: 35 di proprietà. Bottiglie prodotte: 180.000. Vitigni: aglianico, piedirosso, merlot, falanghina, greco, fiano.