Fiano di Avellino 2007 docg Feudi di San Gregorio

Letture: 61

Uva: fiano di Avellino
Fascia di prezzo: da 5 a 10 euro
Fermentazione e maturazione: acciaio

Stavolta ci siamo davvero. Dopo la svolta impressa nel 2006 frustrata da una stagione certamente non favorevole al Fiano, nel 2007 si avverte, in questo base, uno scarto notevole e una voglia di riscatto. La più importante azienda del vino campano si presenta all’appuntamento del Vinitaly con un Fiano di notevole spessore, a iniziare da un naso abbastanza complesso, abbastanza intenso, sicuramente persistente, in cui la pera si alterna con un mineralità che sicuramente è destinata a diventare l’elemento preponderante da qui a qualche anno. Che sia l’annata buona lo dimostra il fatto che questo bianco di battaglia, prodotto in alcune centinaia di igliaia di mezzi, è di gran lunga superiore a quasi tutti i 2006 sgagiati sinora, compresi alcuni blasonati che si sono presentati davvero in affanno, segno di un millesimo da saltare a voler essere coerenti fino in fondo. In bocca poi è la solita storia: freschezza, ancora tanta, anche se pur ammorbidita dalla sensazione di dolcezza tipica del vitigno, struttura piena che consente al vino l’occupazione imperiale del palato, tanta persistenza per un finale lungo e molto interessante. Con il variare della temperatura il Fiano 2007 si è ulteriormente aperto offrendo una esecuzione convincente, piacevole. Nessun fastidioso segno di diluizione. Per questo, come per il Greco, vale il discorso di fare grande acquisto di scorte e di iniziarlo a bere fra un paio di anni. Sono sicuro che si potrà esprimere più che bene. Quale di questi due campioni riuscirà a corre di più è difficile da capire, vedremo i prossimi assaggi e soprattutto le degustazioni coperte. A Diodato Buonora dell’Amira Paestum e alle commissioni di Vini Buoni d’Italia, convocate per il 10  l’11 giugno, l’arduo responso.

Sede a Sorbo Serpico, Località Cerza Grossa. tel. 0825.986266. www.feudi.it. feudi@feudi.it. Enologi: Riccardo Cotarella e Mario Ercolino. Ettari: 250 di proprietà. Bottiglie prodotte: 3.500.000. Vitigni: aglianico, piedirosso, merlot, fiao, greco, falanghina, coda di volpe.