Giovane Campania gourmet: dieci cuochi trentenni Saranno Famosi

Letture: 232
Benevento, Hortus Conclusus di Mimmo Paladino. Uno dei miei posti preferiti in Campania

Certo la crisi picchia e costringe a ripensare alle spese. E dunque anche i locali devono rivedersi. Una nota di ottimismo viene dal fatto che nonostante tante difficoltà in Campania non manca ai giovani la voglia di investire e misurarsi.
E siccome aprile e maggio sono i mesi più belli per girare, vi segnalo alcuni locali gourmet low cost ancora non molto conosciuti nel circo gastronomico dove vi potete divertire uscendo dalle consuetudini e capire anche che la grande spinta in avanti non si è ancora fermata.

Partiamo da Napoli dove il Veritas è tappa obbligata

Gianluca D'Agostino del ristorante Veritas

Gianluca D’Agostino sta creando piatti divertenti in cui è facile riconoscersi: si lavora alle forme e ad alcune combinazioni di sapori tradizionali.
Il range di spesa è tra i 35 e i 50 euro.

Fuori Napoli,a  Portici, il gioane Eduardo Estatico è ai fornelli del Cd restaurant: tra orto, scuola marchesiana e creatività letteraria ci si inizia davvero a divertire.

Edoardo Estatico

Piatti e sapori di territorio, in primo piano verdure del Vesuviorto curato con Gino Oliviero e un conto che oscilla tra i 30 e i 40 euro con ricarichi professionali sul vino capaci di far girare le bottiglie.

A Palma Campania Era Ora di Pietro Parisi

Pietro Parisi con Magda Boccia e Rachelina Parisi

I due anni da Ducasse si fanno sentire nella organizzazione della cucina e nell’approccio tecnico alla materia prima. Funziona la formula pizzeria e bistrot con tanta ricerca e passione sul territorio.
Sui 30 euro

In Irpinia la novità si chiama Mirko Balzano di Villa Assunta a Mirabella Eclano: giovanissimo, effervescente, anche audace.

Lo chef Mirko Balzano

Girate tra vigne e cantine per approdare ad una cucina di territorio ricca di fantasia e supportata da buona tecnica che promette una bella maturazione.
Spenderete dai 30 ai 40 euro.

In provincia di Salerno nessun dubbio: la novità si chiama Cristian Torsiello con la sua Osteria Arbustico a Valva.

Arbustico, Christian Torsiello

Siete a trenta minuti da Paestum, a quindici dall’uscita autostradale di Contursi. Anche qui buona creatività e tanta tecnica.
Sui 30-35 euro.

Entriamo adesso in una delle province più sottovalutate d’Italia: il Sannio papalino ricco di tradizioni, reperti archeologici straordinari, centri storici da favola.
Proprio a Benevento è al lavoro da poco più di un anno Angelo D’Amico alle Macine dell’Una Hotel.

Lo chef Angelo D'Amico
Lo chef Angelo D'Amico

Solida scuola da Antonello Colonna, passione per il proprio territorio nella ricerca. Il locale è nell’ex pasticificio Rummo molto ben ristrutturato e trasformato in albergo.
Sui 50 euro.

A San Giorgio del Sannio, proprio a cavallo tra le provincie di Avellino e Benevento, Daniele Luongo ripropone l’orto sannita alla Locanda della Luna.

Daniele Luongo

La cucina è diretta, equilibrata. Il riferimento è la tradizione dell’Oasis di Vallesaccarda che preferisce far parlare la materia prima e presentarla in modo aggiornato, pulito e supportata da tecniche di cucina nomn necessariamente familiari.
Sui 30 euro.

Poi Giuseppe Iannotti con il suo Kresios a Telese, giovane emergente per l’Espresso 2013

Krèsios. Giuseppe Iannotti ai fornelli

Autodidatta e curioso, Iannotti non obbedisce ai tabù del territorio e preferisce spaziare in Italia e  all’Estero. Bella cantina, tanti spunti divertiti e ricerca a tutto campo.
Lunch a 30 euro, dai 60 a salire.

Poco lontano una piacevole sorpresa, Luciano Villani alla Locanda dell’Aquapetra Resort

Il giovane chef Luciano Villani
Il giovane chef Luciano Villani

Anche qui tanta scuola francese, cucina organizzata, sapori precisi.
Sui 40-50 euro.

E nel mio Cilento?
Il riferimento giovanile resta La Cantinella del Mare a Villammare di Mario Riccardi con la cucina di Nando Melileo.

Nando Melileo e Mario Riccardi

Tanto divertimento sulla materia prima e sapori ben disegnati del mare pescoso.
Sui 35 euro.

11 commenti

  • enrico malgi

    (31 marzo 2012 - 14:39)

    Non voglio offendere nessuno, ci mancherebbe: sono tutti bravi.
    Ma vorrei spezzare una lancia a favore di Nando Melileo, che poi conosco di più, tanto che sono stato da lui e da Mario appena la settimana scorsa.
    Per me è bravissimo, capacissimo, fantasioso e molto umile e poi è ancora molto giovane. Ne sentiremo parlare in appresso anche dalle parti di Salerno…
    Abbracci.

  • stefano giancotti

    (31 marzo 2012 - 15:13)

    Caro Luciano,grazie mille per la stima e per le belle parole. In effetti noi del Veritas ci stiamo divertendo e stiamo conquistando i nostri ospiti nonostante la crisi economica e le limitazioni che essa ci impone. E’ proprio vero che la necessita’ aguzza l’ingegno! Ma un piatto con il foie gras prima o poi lo faremo:)

  • Monica Piscitelli

    (31 marzo 2012 - 16:05)

    Un post davvero interessante, Luciano. Lo avrei scritto anche io uguale. Un pò al maschile … ma alcune giovani chef donna sono già volate oltre. Ci sono in queste immagini i ragazzi che anche io sto vedendo crescere. Christian Torziello ricordo bene, ad esempio, avermi molto imrpessionata a Paestum. Gianluca D’Agostino è di impeccabile efficacia. E che dire degli altri? Sono cosi’ bravi e cosi’ giovani che mi fanno sentire una vecchia giornalista. Bellissima selezione. m.

  • donatella valentino nicolais

    (31 marzo 2012 - 19:05)

    Su sollecitazione di una cara amica esperta di cucina che frequenta spesso questo blog, siamo andati in cinque, tutti intenditori rompiballe, alla scoperta della cucina di Christian Torsiello e siamo rimasti sorpresi, data la giovane età dello chef, dalla straordinaria maturità tecnica che sorregge i suoi piatti: tradizione e innovazione si bilanciano perfettamente nello Zampetto di maiale, verza e mandarino, nei Ravioli di borragine, pecorino e castagne e nell’Agnello ai carciofi. Un plauso anche a Thomas in sala. Vista splendida sulla vallata. I dolci e la carta dei vini possono migliorare, ma già così va benissimo! Forza ragazzi, siete bravi e coraggiosi e diventerete famosi…e Valva èuna splendida location!

  • enrico malgi

    (1 aprile 2012 - 14:39)

    Scusa Luciano, hai saputo della scomparsa dell’ impareggiabile e nostro conterraneo Antonio Ghirelli, mio primo e grande maestro e di tanti cronisti, giovani e meno giovani? Sono profondamente addolorato. E’ stata una persona schietta, disponibile al dialogo, sempre coerente con le sue idee, onnicompetente, perché la sua attività spaziava dallo sport alla politica, dalla cultura all’economia, dalla storia all’attualità. Un giornalista completo e un grande uomo. Ne sentiremo sicuramente la mancanza. Sentite condoglianze alla sua famiglia.

  • il Sanfedista

    (5 aprile 2012 - 19:10)

    Con tutto il rispetto per Antonio Ghirelli (Pace all’Anima Sua e salute a noi) non comprendo perchè si sostiene che sia stato “sempre coerente con le sue idee”. E’ stato fascista ed alla caduta del fascismo si è scoperto, come tanti, comunista! Dove sta la coerenza?

  • diodato buionora

    (18 agosto 2012 - 21:37)

    Tra tutti gli che citati, conosco molto bene Cristian Torsiello. Bravo, talentuoso e umile. Sicuramente diventerà un grande. Complimenti a Luciano, un bel post.

  • Oreste

    (23 agosto 2012 - 20:24)

    Una passeggiata a Solopaca on. Questi giorni della festa dell’uva da abbinare ad un’altra installazione di Mimmo Paladino!

  • Oreste

    (23 agosto 2012 - 20:25)

    Una passeggiata a Solopaca in questi giorni della festa dell’uva da abbinare ad un’altra installazione di Mimmo Paladino!

  • Giancarlo De Gregorio

    (26 agosto 2012 - 11:26)

    peccato manchi l’ottimo Raffaele D’Addio del Foro dei baroni a Puglianello. È l’unico posto, forse al mondo, dove è possibile gustare cucina gourmet a meno di 30€!

I commenti sono chiusi.