Ristoranti Senigallia per sette giorni, la prima guida oltre Cedroni e Uliassi:-)

Letture: 1579
Senigallia, una rotonda golosa sul mare
Senigallia, una rotonda golosa sul mare

di Bruno Petronilli

Uscire dal duopolio Uliassi/Cedroni è difficile per molti gourmet, in particolare per il sottoscritto. Ma per una volta Senigallia l’abbiamo vissuta a 360°.
Ecco la cronaca di una settimana idilliaca alla ricerca dell’anima golosa di una piccola/grande città di cui siamo innamorati.

_____
Lunedì
_____

Su consiglio di Mauro Uliassi (che ne è un fedele avventore) iniziamo il nostro tour da un minuscolo locale del centro storico, il Nana. D’estate questo piccolo e delizioso bistrot si amplia con i molti tavoli all’aperto che vivacizzano la bella via Carducci: pochi piatti, variati di continuo, bella mano, semplicità e idee chiare. Ottime le presentazioni e prezzi onestissimi. Di rilievo la carta dei vini, personale e ricca di spunti interessanti. I 3 migliori assaggi:

Risotto Acquarello canocchie e zucchine

Nana, risotto Acquarello canocchie e zucchine
Nana, risotto Acquarello canocchie e zucchine

Tempura di gamberi, alga nori e fiori di zucca

Nana, tempura di gamberi, alga nori e fiori di zucca
Nana, tempura di gamberi, alga nori e fiori di zucca

Tartare di Tonno rosso “Balfegò”, avocado e sesamo

Nana, tartare di Tonno rosso Balfego, avocado e sesamo
Nana, tartare di tonno rosso Balfego, avocado e sesamo

Nana, Via Giosué Carducci 19, tel. 071/64999 – prezzo medio 3 piatti 40 euro circa

______
Martedì
______

Nonostante il desiderio di emancipazione non possiamo ovviamente sottrarci a dedicare una serata a Mauro Uliassi: cosa dire (per evitare di apparire scontati) di uno chef straordinario, per tecnica, cultura, bravura e estro? Che nelle infinite frequentazioni del suo atelier abbiamo assaggiato in pratica tutti i piatti degli ultimi anni, godendo della sua straordinaria capacità di parlare al mare e alla caccia con una sicurezza e una creatività uniche. Lo sfidiamo a sfoderare qualche piatto d’antan e rimaniamo semplicemente folgorati dal suo Guazzamollo di scampi e cozze, annata 1993: una concentrazione di sapori disarmante, una tecnica culinaria sopraffina, crea dipendenza vera. I 3 migliori assaggi:

Guazzamollo di scampi e cozze (1993)

Uliassi, guazzamollo di scampi e cozze
Uliassi, guazzamollo di scampi e cozze

Calamaretto Rimini Fest (2008)

Uliassi, calamaretto Rimini Fest
Uliassi, calamaretto Rimini Fest

Tagliatelle di seppia, con pesto di alghe nori e quinoa fritta (2004)

Uliassi, tagliatelle di seppia, con pesto di alghe nori e quinoa fritta
Uliassi, tagliatelle di seppia, con pesto di alghe nori e quinoa fritta

Ristorante Uliassi, Banchina Di Levante 6, Tel. 071.65463, prezzo medio 130 euro

________
Mercoledì
________

Entriamo nel cuore di Senigallia, Trattoria Cibo e Vino. Locale minimal, piccolo e intimo, semplicissimo e accattivante. Qualche tavolino traballante sulla tranquilla via Fagnani, molti sorrisi, poche parole e molti fatti: ogni piatto è diretta conseguenza del mercato del pesce di Senigallia, trattato con rispetto e gusto: materie prime strepitose, come delle indimenticabili Canocchie bollite da primato. Concentrarsi su più assaggi golosi proposti a prezzi risibili. I 3 migliori:

Canocchie bollite

Cibo e vino, canocchie bollite
Cibo e vino, canocchie bollite

Pane e sgombro

Cibo e vino, pane e sgombro
Cibo e vino, pane e sgombro

Sardoni di lampara spinati e gratinati, limone e pomodoro

Cibo e vino, sardoni di lampara spinati e gratinati, limone e pomodoro
Cibo e vino, sardoni di lampara spinati e gratinati, limone e pomodoro

Trattoria Cibo e Vino, Via Fagnani 16/18, Tel. 071.63206, felici con meno di 30 euro

______
Giovedì
______

Ci consigliano il Pagaia, storico locale di fronte al Porto e a circa 60 metri da Uliassi. A vederlo esternamente non ci avremmo mai messo piede: impostazione anni ’70 del classico ristorante di pesce delle città adriatiche, dall’arredo alla concezione dell’infinito menù, bustine di fazzoletti profumati d’ordinanza. E avremmo preso un abbaglio colossale se non ci fossimo andati: al Pagaia si mangia benissimo, pur nella classicità assoluta delle preparazioni qui sanno il fatto loro, dagli antipasti ai primi alle grigliate, ai fritti. Unica fondamentale precauzione: le porzioni sono in pratica doppie rispetto al normale, se ordinate tre piatti rischiate (come noi) di esplodere (soprattutto con le paste). Limitatevi. I 3 migliori assaggi:

Gnocchi alle pannocchie

Pagaia, gnocchi alle pannocchie
Pagaia, gnocchi alle pannocchie

Il Fritto

Pagaia, il fritto
Pagaia, il fritto

Chitarra agli scampi con cozze e vongole

Pagaia, chitarra agli scampi con cozze e vongole
Pagaia, chitarra agli scampi con cozze e vongole

Ristorante Pagaia, Via Bovio 1bis, Tel. 071.7922557, prezzo medio, limitandosi, neppure 40 euro).

______
Venerdì
______

Per la legge gourmet vigente a Senigallia, se vai da Uliassi non puoi non visitare Cedroni, e viceversa. Località Marzocca, prosecuzione naturale del lungomare Mameli. La cifra stilistica dell’altra parte della luna senegalliese è il segno distintivo di uno Chef intimo e riflessivo: ci facciamo guidare dal suo percorso mentale e gastronomico, cercando di indagare piacevolmente la sua visione di una cucina modernissima e personale. Alla fine una graditissima sorpresa, un dessert appena creato che entrerà presto in carta: Strudel di fichi, salsa di fichi verdi e latte di soia, semplicemente divino. Al pari dei piatti numero 2 e 3. Eccoli:

Strudel di fichi, salsa di fichi verdi e latte di soia

Madonnina del Pescatore, strudel di fichi, salsa di fichi verdi e latte di soia
Madonnina del Pescatore, strudel di fichi, salsa di fichi verdi e latte di soia

La “Cassouela” di pesce con fagioli e salsiccia

Madonnina del Pescatore, cassouela_ di pesce con fagioli e salsiccia
Madonnina del Pescatore, cassouela_ di pesce con fagioli e salsiccia

Ostrica con ciliegie, fegato grasso e caramello al lampone

Madonnina del Pescatore, ostrica con ciliegie, fegato grasso e caramello al lampone
Madonnina del Pescatore, ostrica con ciliegie, fegato grasso e caramello al lampone

Madonnina del Pescatore, Lungomare Italia 11, Tel. 071.698267, prezzo degustazione 130 euro

_____
Sabato
_____

Chiudiamo la settima ritornando nel cuore di Senigallia per conoscere un locale aperto da pochi mesi: Ferro e Fuoco. Fin dai primi assaggi ci sorprende la mano di uno Chef giovane e capace: Paolo Ferretti, allievo dello stesso Mauro Uliassi per 5 anni, ma anche del grande Vincenzo Cammerucci (ha insegnato a cucinare a generazioni di cuochi). E’ bravo Paolo e siamo certi che il suo locale avrà il successo che merita: piatti d’ispirazione classica, tecnicamente perfetti, equilibrati e gustosi. Ne avremmo segnalati almeno 6, ma ecco i 3 migliori:

Passatelli con gamberi e la loro bisque

Ferro e Fuoco, passatelli con gamberi e la loro bisque
Ferro e Fuoco, passatelli con gamberi e la loro bisque

Coniglio disossato in potacchio

Ferro e Fuoco, coniglio disossato in potacchio
Ferro e Fuoco, coniglio disossato in potacchio

Il Fritto

Ferro e Fuoco, il fritto
Ferro e Fuoco, il fritto

Ferro e Fuoco, Via Marchetti 39, Tel. 071.65336, prezzo medio 40 euro  

________
Domenica
_______

Lasciamo mestamente Senigallia con alcune certezze assolute:

–        Mauro Uliassi e Moreno Cedroni sono due fenomeni, punto e basta.

–        Oltre a loro due Senigallia è una città dove si mangia divinamente.
–        Abbiamo segnalato 6 locali, ma sicuramente, con qualche giorno in più a disposizione, la lista sarebbe stata molto più lunga.
–       In questo breve tour la cosa più sorprendente è la maturità gastronomica di una cittadina così piccola: nulla appare banale o scontato.
–       I ristoranti erano pieni, anche in un periodo considerato di bassa stagione: si consiglia di prenotare per tempo.
–       Non vediamo l’ora di ritornarci…

8 commenti

  • Giancarlo Maffi

    (18 settembre 2015 - 12:22)

    Da cibo e vino mi portò MAuro due inverni fa. Dignitosissimo.

  • veronica

    (18 settembre 2015 - 13:51)

    Se ci tornate Osteria Palazzo Barberini in via Mastai Ferretti :)

  • Paolo Principi

    (18 settembre 2015 - 14:20)

    Quanto descritto lo condivido ma la prossima volta visitate il “CUOCO DI BORDO ” .
    Saluti.

  • Fabbro

    (19 settembre 2015 - 01:52)

    Da visitare L’OSTERIA DEL TEATRO in via F.lli Bandiera, vicino al Teatro La Fenice, in pieno centro.
    Carne e primi piatti squisiti, anche gli antipasti ottimi, cantina di vini completa e personale simpaticissimo.
    Ambiente caratteristico anche all’aperto.
    Prezzo medio sotto i 35€.

  • Hilla

    (19 settembre 2015 - 08:27)

    Sempre fedele al Raggiazzurro!!! Merita!

  • galli ombretta

    (19 settembre 2015 - 15:00)

    se vi piacciono i ristoranti col pesce freschissimo fate un giro anche al King Boy angolo via Savona e via Rieti a vederlo non dareste un euro ma dichiara che usano solo pesce del loro peschereccio ed è vero il menù cambia in base al pescato ho mangiato un risotto favoloso e una grigliata da leccarsi le dita <3

  • Soirt

    (20 settembre 2015 - 07:52)

    Concordo, nn perdete il Raggiazzurro!! Merita e tornerete più volte per scoprire tutto il menù

  • martina

    (27 settembre 2015 - 16:19)

    Anche se nascosto da provare assolutamente il panzer otto da zeng lungomare ponterosso …Come sapori porzioni e prezzo del pesce sempre fresco non ha paragoni

I commenti sono chiusi.