Insalata di riso. Arcangelo Dandini ci fa sognare

Letture: 150
Insalata di riso di Arcangelo Dandini

Condannati d’estate alle insalata di riso come i malati in ospedale alla pastina con il dado? No, Dopo l’insalata di riso di Pietro Parisi ecco la spumeggiante proposta di Arcangelo Dandini.

Ingredienti per 4 persone:  

80 gr. di riso tipo Roma
1 peperone rosso
50 gr di fagiolini
125 gr di lamponi
4 sarde fresche
30 gr di olive di Gaeta
20 gr di pan grattato
olio evo, sale  di cervia
4 steli di lavanda
12 fiori di sambuco 
qualche foglia di mentuccia
qualche foglia di maggiorana

Procedimento
In abbondante acqua mettere in infusione la lavanda e la metà dei fiori di sambuco facendo attenzione a non superare i 70 gradi, dopo aver filtrato  l’infuso  cuocervi il riso fino a raggiunta consistenza.
 

In una teglia da forno adagiarvi le sarde dopo averle pulite e unte con l’olio evo; impanarle con il pangrattato, la mentuccia e la maggiorana: infornarle  per 7 minuti a 180 gradi.

Cuocere i fagiolini in abbondante acqua salata e lasciarli croccanti.

In un’altra teglia da forno mettere i peperoni, appena pronti privarli dei semi e della buccia.
Appena pronto il riso lasciarlo freddare, cosi come le sarde, i fagiolini e i peperoni.

Fare un’insalata con il riso, le olive, i fagiolini, la mentuccia, l’olio, la maggiorana, i peperoni tagliati a listarelle, i lamponi e i rimanenti fiori di sambuco.

In un piatto capace,  adagiarvi le sarde e sopra l’insalata di riso.

A piacere arricchite con altro olio evo.

8 commenti

  • Ilaria

    (1 agosto 2012 - 12:29)

    la voglio!

  • r

    (1 agosto 2012 - 20:38)

    interessante ed originale come sempre.Questa volta però non mi posso cimentre perchè senza lavanda e sambuco,non reperibili per me,sarebbe un nonsenso…

  • Virginia

    (1 agosto 2012 - 22:51)

    Grazie Arca’. Un’insalata di riso così è inevitabilmente legata a qualcosa di onirico. La dura realtà è fatta di scatolette di tonno e – peggio – di würstel imbustati :((

    • Arcangelo Dandini

      (2 agosto 2012 - 01:01)

      Vero, il sogno mio di eseere in vacanza ad Ischia:-)

  • Sonia

    (2 agosto 2012 - 07:22)

    Sicuramente originale e particolare. Unica perplessità è la lavanda che non ho mai mangiato. Ma vale sicuramente la pena sfatare il mito che serve solo a profumare la biancheria…..

    • Arcangelo Dandini

      (2 agosto 2012 - 11:44)

      In oriente si usa spesso cuocere il riso in infusione con le spezie: Qui ho usato la stessa tecnica ma con note piu’ mediterranee…..Provi e poi mi dira': Cordiali saluti,>A

  • Paolo Mazzola

    (2 agosto 2012 - 07:57)

    Una grande birra è fatta con la lavanda, la Novi Luna di Maiella, una blanche leggera, meno di 4.alc. e molto profumata, ovviamente floreale innanzitutto.

  • Sonia

    (2 agosto 2012 - 15:58)

    Lo farò sicuramente, grazie. Nella vita sono belle le novità, anche e soprattutto in cucina e sono lieta e ringrazio chi mi dà l’opportunità di sperimentare e provare nuove ricette.

I commenti sono chiusi.