La mozzarella di bufala campana dop della Casearia Caputo di Teverola

Letture: 549
Casearia Caputo, il punto vendita

di Antonella D’Avanzo

“Ti fai dare mezzo chilo di quella di Aversa, freschissima! Assicurati che sia buona: pigliala con due dita, premi la mozzarella, se cola il latte te la pigli, se no desisti!”

Così Enzo Turco in una memorabile scena “la spesa” del film Miseria e nobiltà istruiva il principe della risata Antonio De Curtis, in arte Totò, sulla riconoscibilità della freschezza della mozzarella di bufala. Un ottimo indirizzo dove trovare l’originale prodotto certificato e con le gustose caratteristiche di cui parlavano i due celebri e indimenticabili attori, è il caseificio Caputo che ha sede a Teverola, una delle prime realtà casearie bufaline dell’agro aversano del sistema dop.

Enzo Turco e Totò nella scena “la spesa” del film Miseria e nobiltà

La storia della famiglia Caputo come casari, parte nel 1977 quando Alberto, il capostipite, avvia la sua attività aprendo un caseificio in società con produzione artigianale e vendita diretta nella provincia di Napoli. Erano anni in cui esisteva ed era molto conosciuta la figura professionale del “caricatore”, persona che caricava su un furgone la mozzarella posta in cassette di plastica e questo, Alberto lo faceva personalmente, per poi portare il prodotto nelle aree commerciali di Napoli, dove il mercato era fiorente.

Casearia Caputo, l’ingresso

Nel 1985 Alberto, con lo spirito di migliorarsi si mette in proprio, fonda la Casearia Caputo a Teverola producendo trenta chilogrammi di mozzarella al giorno, lavorando completamente da solo e  fermandosi poche ore in una giornata. Negli anni riesce a trasmettere l’amore per questo lavoro ai due figli Luca e Luigi e oggi, grazie alla passione, al costante impegno e al continuo miglioramento della qualità, la casearia è un punto di riferimento in questo territorio che usualmente rappresenta il baricentro della tradizione della mozzarella di bufala campana.

Il latte proveniente da allevamenti bufalini del casertano, di cui uno in comproprietà, viene trasformato su una linea artigianale, dove la filatura avviene in mastelli di legno per usi leali e costanti e la formatura è prevalentemente a mano e su richiesta a macchina. Oltre alle sfere, le trecce, le ciliegine e i nodini, presso il fornitissimo punto vendita della casearia si possono trovare anche ricotta, formaggi e yogurt di bufala.

Casearia Caputo, mozzarella di bufala campana dop aversana 500g

 

Casearia Caputo, treccione a 4 corde

I Caputo sono presenti in prima persona in campo fieristico del settore, nazionale ed internazionale ed il loro prodotto è sul mercato
francese e statunitense. Sono stati i fornitori per gli eventi e i banchetti del G7 a Napoli, hanno partecipato alla trasmissione “Fornelli d’Italia” con il conduttore Davide Mengacci, inoltre protagonisti di un servizio della rubrica del Tg2 “Eat Parade” in cui spiegavano e mostravano le fasi di lavorazione della regina aversana.

Sulla bontà organolettica e sicurezza della mozzarella certificata non si discute, in quanto a dimostrarlo sono le migliaia di controlli cui sistematicamente è sottoposta, una qualità che il mondo intero ci invidia e tenta di imitare.



Foto di Antonella D’Avanzo


Casearia Caputo S.r.l.

via Roma, 90

81030
Teverola Ce

Telefono: 081 8119478 fax 081 5016591

Sito web: www.caseificiocaputo.it

Mail: info@caseificiocaputo.it

Orari di apertura: dal lunedì al sabato 07:30-13:30/15:30-20:30

domenica e giovedì dalle 07:30-13:30

Visitabilità dell’azienda: per gruppi e su appuntamento

Altri punti vendita: Via Martiri Atellana, 180/182 Orta di Atella (Ce) tel. 081 8910595

Viale Olimpico, 182 Aversa (Ce) tel. 081 8113312

 

2 commenti

  • Ant

    (5 febbraio 2014 - 13:04)

    Ottima la mozzarella di caputo a teverola detto da un aversano DOC

  • Marcello

    (6 febbraio 2014 - 06:50)

    Nel casertano una delle migliori in assoluto

I commenti sono chiusi.