La ricetta casalinga. Il polpettone

Letture: 2118
Il polpettone

Mai come per il polpettone, ognuno ha la propria ricetta di casa. Anche perchè si tratta, tradizionalmente, di un piatto di recupero — quando non proprio “svuotafrigo”. In questo caso il sapore è arricchito dalla pancetta e dal macinato misto: proprio come nel ragù, mettere insieme la carne di maiale con quella di vitello è sempre il segreto vincente!
 

 

 

Polpettone di carne

Di

Ingredienti per 4 persone

  • 350 g di macinato di vitello
  • 350 g di macinato di maiale
  • 5-6 pomodori ben sodi, da insalata
  • 100 g di formaggio grattuggiato (pecorino, grana o misto)
  • 2 uova
  • 100 g di pancetta tagliata a fettine larghe e sottili
  • 1 panino raffermo ammollato nel latte (0ppure, in alternativa, pangrattato q.b.)
  • 1 cipollina fresca
  • olio extravergine di oliva, burro e sale q.b.

Preparazione

In una scodella mescolate le due carni con le uova, aggiungendo a mano a mano tutti gli altri ingredienti, fino a farli ben amalgamare, per poi ottenere un grosso polpettone.

La variante dei pomodori freschi è molto utile per dare un po' di acidità al piatto, altrimenti sbilanciato verso il grasso.
Ungere bene una teglia di olio d'oliva adagiarvi il polpettone e rivestirlo con fettine sottili di pancetta arrotolata, qualche fiocchetto di burro e, infine, una cipollina bianca tagliata a fettine sottili che rilascerà un ottimo profumino in cottura.

Volendo, aggiungere nella teglia delle patate tagliate a dadi e farle cuocere e rosolare insieme alla carne, a forno ventilato a 180 gradi, per circa mezz'ora. Servire il polpettone a fette, sia caldo che tiepido.

Vini abbinati: Pecorino abruzzese

4 commenti

  • grecanico

    (21 agosto 2012 - 16:03)

    Un chilo circa di carne macinata (passata per il tritacarne una sola volta) ed impastata. ha bisogno di di un’ora di cottura a 220 gradi nel forno elettrico non ventilato (il ventilato lasciatelo ai nordici, non e’ roba nostra, serve solo a togliere l’umidita’ e gli umori che avete aggiunto). Le patate crude a dadini (cosa orribile) hanno un tempo di cottura di circa 50 minuti. Rifate i calcoli e riscrivete la ricetta, che resta un vostro merito ed e’ una meraviglia

    • Carla C.

      (22 agosto 2012 - 12:47)

      gentile Grecanico, grazie per i suggerimenti. Dosi e tempi di cottura della ricetta sono da me sperimentati in famiglia (ahimè) almeno tre o quattro volte al mese: una mezzoretta circa basta. E il ventilato è in uso anche qui al Sud :) Le assicuro che non si perde gusto e bontà, anzi ne trasferisce anche alle patate che metto a pezzetti e da crude proprio per questo.

  • Antonella

    (22 agosto 2012 - 10:21)

    Cara amica, come tu ben sai, da tempo ho scelto di eliminare la carne dalla mia dieta. Questo non mi permette di apprezzare questa tua nuova ricetta ma sono sicura della sua bontà!!

  • Rita

    (22 agosto 2012 - 14:49)

    L’aggiunta della pancetta rende il piatto più gustoso… era quella che mi mancava, come pure i pomodori. Lo proverò in questa nuova versione e ti farò sapere… sarà sicuramente squisito! :-)

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>