Lo Stoccafisso all’Anconetana: ricetta e bevuta!

Letture: 197
Lo Stocco all’Anconetana
Lo Stoccafisso all’Anconetana

di Andrea de Palma

Non voglio raccontarvi solo una ricetta, ma la passione di questa città per lo Stoccafisso, tanto da organizzare un bellissimo evento, e in più una commissione formata da Roberto Orciani, Andrea Marchetti, Alberto Magnani e naturalmente io, dovevamo giudicare il miglior Verdicchio in abbinamento al piatto. I vini in degustazione erano quaranta e ad ogni sorso dovevamo valutare la capacità di abbinamento di ogni vino. In sei abbiamo mangiato trenta chili do stocco… e che nessuno si permetta di dire che ci divertiamo… a fare questo lavoro !!! fortunatamente avevamo dieci asciugamani a testa per il sudore… hahahahah

Lo Stocco all’Anconetana
Re stocco

Immaginate la fatica; forchettata e poi sorso di vino, valutazione in centesimi e poi ancora così, fino allo stremo.

Il ristorante che ci ha ospitati è “il Giardino” ambienti grandi e ben organizzati, un locale stile anni ottanta, ma sempre pieno. Un posto dove si va per mangiare, dove trovi una cucina con prodotti del territorio, e non si fa mancare qualche estrosità di stile moderno e la pizza cotta nel forno a legna.

Non contenti di quello che abbiamo mangiato, prenotiamo per la sera, e visto che avevamo bevuto poco… abbiamo portato delle “bocce” da casa…hahahah

Lo stocco all'anconetana, le persone
Ristorante il Giardino

Nelle foto l’allegra combriccola e per i vini lascio a voi giudicare… mi limito solo a evidenziare che abbiamo bevuto quasi tutto…

Lo Stocco all’Anconetana
Allegra combriccola
Ristorante il Giardino, I vini
Ristorante il Giardino, I vini

Ma eccovi la ricetta dello chef  Vincenzo Caccavale

 

“STOCCAFISSO ALL’ANCONETANA”

per circa 6/7 porzioni

 

kg 1,5 Stoccafisso qualità ragno

kg 2 di patate

gr 100 di cipolla

gr 100 di carota

gr 100 di sedano

gr 250 di pomodorini freschi

n° 4 spicchi di aglio

q.b di rosmarino, origano, maggiorana e peperoncino

 

Preparazione:

 

  • Mettere a bagno lo stoccafisso per 3 giorni, cambiare ogni 24 ore l’acqua fredda. Una che è bello umido pulirlo togliere le spine che rimangono e la pelle.
  • Tagliarlo a tranci più o meno di egual misura di circa 3 cm per 2,  considerando qualcosina in più quando si arriva verso la coda. Una volta pronto mettere sotto acqua corrente fredda.
  • Lavarle bene le patate e pelarle, tagliandole a grossi spicchi.
  • Metterle in un recipiente capiente con acqua fredda.
  • Preparare un mix di cipolla, carote, sedano, aglio, rosmarino, origano, maggiorana. peperoncino, tritare finemente il tutto,
  • Tagliare in quattro i pomodorini.
  • Ora possiamo cominciare a creare la pentola, che deve essere larga e bassa, posizionando su un solo lato i pezzi di stoccafisso strizzati dall’acqua in eccesso. sopra di essi mettiamo sale, pepe, il nostro trito, olio evo, vino bianco ( se verdicchio dei castelli di jesi è meglio ), facciamo così ad ogni strato.
  • In un recipiente capiente versiamo il trito rimasto, le patate, sale ,olio evo e vino, rigiriamo bene e andiamo a riempire il vuoto della pentola.
  • ricopriamo con i pomodorini tagliati, un foglio di carta da forno bagnato e strizzato. sul fuoco dolcissimo per 1 ora e 40min.

 

P.S.: storicamente sotto il tegame si mettevano delle canne ben sterilizzate e poi si creavano gli strati di stoccafisso, in modo che non si attaccassi sotto al tegame.

 

Ristorante il Giardino

Via Fabio Filzi, 2/C,

60123 Ancona

Telefono:071 206847

http://ristorantegiardinoancona.it/#