Mezzi paccheri con salsiccia lucana fresca e radicchio

Letture: 645
Paccherotti con salsiccia lucana fresca e radicchio


La carne di salsiccia lucana fresca (senza finocchietto) accompagnata da una verdura di stagione è l’abbinamento ideale per un piatto di pasta tanto veloce quanto confortevole in questo gelido inizio d’inverno. Ho scelto di equilibrare il grasso e – soprattutto – la dolcezza della base di cipolle e porri con l’amarognolo deciso del radicchio. Da preferire un formato corto, come i mezzi paccheri — che poi l’intingolo va ad infilarsi golosamente dentro la pasta. Gnam :)

 

Mezzi paccheri con salsiccia lucana fresca e radicchio

Di

Ingredienti per 2 persone

  • 200 gr di mezzi paccheri (io ho utilizzato i "paccherotti" di Rummo)
  • 2 salsicce fresche
  • 4 cucchiai di olio extravergine di oliva
  • 1 piccola cipolla di Tropea
  • 1 porro
  • pecorino grattugiato a piacere
  • 1 cespo di radicchio
  • sale q.b.

Preparazione

Tagliate a rondelle sottili un porro di media grandezza ed una piccola cipolla rossa di Tropea. Lasciatele appassire (facendo attenzione a non farle asciugare troppo, nè, tantomeno, a bruciarle: devono solo sudare) nell'olio extravergine di oliva che avrete versato in una padella dal bordo alto. Liberate le salsicce dal budello e lasciate rosolare la carne nell'intingolo. Versate la pasta in acqua bollente salata e qualche minuto prima del termine della cottura - al dente - tagliate a striscioline sottili il radicchio, saltandolo in padella con la salsiccia giusto il tempo di farlo appassire. Spadellate i mezzi paccheri (io ho usato un formato con lavorazione artigianale perchè il plus di amido qui aiuta ad amalgamare il tutto). Prima di servire spolverate con un po' di pecorino romano grattugiato al momento.

Un commento

  • Vincenzo Caniparoli

    (27 novembre 2013 - 16:33)

    per questo piatto, quale tipo di radicchio avete utilizzato ? e quale pensate sia il più idoneo ? il Trevigiano a foglia sottile dal gusto leggermente amarognolo o il Veronese, a foglia lunga decisamente più amaro del precedente, o quello di Chioggia a foglia tonda, tipo incappucciata, più dolce ma con una resa in cottura non proprio eccellente… Grazie per una risposta. Vincenzo C.

I commenti sono chiusi.