Le mie 15 grandi emozioni di cibo, vino e persone del 2015

Letture: 152

emozione

Cos’è una emozione gastronomica? Per me è quando si passa dal piacere al ricordo, alla suggestione, ossia quando quello che si mangia e si beve parla alla mente.
Il wine&food italiano sta evolvendo nella comunicazione, è decisamente aumentato il buono ma si è anche ristretto l’emozionale. Nel 2015 abbiamo fatto migliaia e migliaia di chilometri on the road, provato quasi duemila vini e mangiato quasi ogni giorno fuori casa.
Non c’è altro modo che questo, antico, artigianale e autentico, per poter proporre contenuti originali su un blog ed evitare di presentare finte recensioni frutto solo della ricerca in web.

I formaggi della Costiera Amalfitana di Paolo Amato

Caseificio Aurora, cagliata del Fior di Latte
Caseificio Aurora, cagliata del Fior di Latte

Paolo Amato è figlio d’arte, ma invece di adagiarsi ha studiato. Novello Titiro, cura le sue capre sui monti di Tramonti e Ravello, ha imparato a fare formaggi straordinari, di assoluto livello, adottati anche dai grandi ristoranti nonostante in Campania ci sia solo la cultura del latticino. Colpa della pressione demografica, non c’è tempo di conservare.

Coda di Volpe di Michele Perillo

Coda di volpe 2006 Perillo
Coda di volpe 2006 Perillo

Un grandissimo bianco d’autore. Questo è davvero un vino artigianale perché la sua fattura nasce da un sapere trasmesso e non introiettato da visioni ideologiche. Un bianco che, come il calabrone che vola, sfida le leggi della fisica.


Ravioli di aglio in consommé di mela di Salvatore Tassa

Le Colline Ciociare, ravioli di aglio in consommè di mela
Le Colline Ciociare, ravioli di aglio in consommè di mela

Un piatto di territorio, si di territorio, di un grande genio della cucina italiana. Equilibrato, perfetto, stupefacente. La cosa più buona dell’anno.

Spazio a Milano e il progetto di Niko Romito

Spazio di Niko Romito, gli chef
Spazio di Niko Romito, gli chef

Il pensiero forte e cocciuto dei montanari del Sud con la cucina essenziale nella città dell’immagine. Nel cuore del cuore di Milano, un progetto gastronomico vero e non inventato, nel quale ai giovani viene data non solo la possibilità di imparare, ma anche di lavorare.

La cucina di Faby Scarica

Faby Scarica
Faby Scarica

Una pranzo estivo con Cristina e Maurizio Cortese mi restituisce la gioia e la semplicità di una cucina nella quale i sapori restano quelli tradizionali, ma resi moderni dalla tecnica e dalla visione giovanile. Per me la vera stella Michelin mancata dell’anno: un progetto che coinvolge tutta la famiglia e che rappresenta la modernità, quella che coniuga sapore, tecnica e salubrità.

Il carciofo di Luca Abruzzino

Abruzzino, carciofo
Abruzzino, carciofo

Un carciofo? Si, un carciofo, da solo, senza pesce e senza carne. Ecco su quale terreno può vincere la nuova cucina calabrese: restare legata alle sue radici povere senza inseguire altri modelli ma al tempo stesso aggiornandosi e lavorando sodo.

La stella a Cristian Torsiello

Cristian Torsiello
Cristian Torsiello

Andammo a Valva distrutta dal terremoto del 1980. Mai avremmo immaginato che questo paese degli Alburni ci avrebbe regalato questa piccola grande soddisfazione. Cristian lo seguiamo da sempre e questo riconoscimento è un segnale preciso: non bisogna necessariamente lasciare la propria terra per avere successo. Magari si aspetta un po’ di più, ma è anche molto più bello. La propria terra è come un vero amore: si conquista con l’esercizio della pazienza.

Le Strade della Mozzarella 2015

Barbara Guerra e Albert Sapere
Barbara Guerra e Albert Sapere

In una regione dove ogni anno si organizza la prima edizione di qualcosa senza mai arrivare alla seconda, nella quale i soldi pubblici si sperperano in maniera indecorosa da destra e da sinistra, una manifestazione che si regge su se stessa, l’unica di respiro nazionale e internazionale in campo gastronomico, l’unico polo reale sotto il Po nel quale è importante esserci in una atmosfera unica e autentica.

Il caseificio Vannulo

Antonio Palmieri di Tenuta Vannulo (Foto Mauro Fermariello, www.winestories.it)
Antonio Palmieri di Tenuta Vannulo (Foto Mauro Fermariello, www.winestories.it)

Una visione talmente antica da essere la più moderna di tutte. E che adesso si arricchisce di creme insuperabili al cioccolato, al pistacchio, alla nocciola, di una taverna dove si preparano piatti cilentani, del pane fatto con il grano siciliano saragolla macinato a pietra (ma veramente). Una visione che racconta il futuro di una mozzarella libera dalla rincorsa sui prezzi perché pagata il giusto prezzo.

Lo spaghetto a devozione

Lo spaghetto al pomodoro di Giuseppe Di Martino
Lo spaghetto al pomodoro di Giuseppe Di Martino

Vabbé, siamo terroni. Ovunque e comunque, senza gli spaghetti al pomodoro ben fatti non possiamo stare e ogni volta è una emozione. Forse ci contentiamo di poco, ma sappiamo cos’è la felicità. Almeno a tavola.

La pizza bianca al burro di Negri a Pontecagnano

Pizzeria Negri, la pizza bianca
Pizzeria Negri, la pizza bianca

Siamo lontani dai canoni della pizza napoletana, ma questa bianca fatta con il burro davvero è un meraviglioso reperto gastro-archeologico perché creata negli anni ’20. Penso che in tanti dovrebbero inziare a ripensare strutto e burro sulle pizze per trovare il futuro.

I vermicelli di soia al sugo di ricciola di Francesco Apreda

Imago, Vermicelli di soia al sugo di ricciola e cozze
Imago, Vermicelli di soia al sugo di ricciola e cozze

Un piatto così denso di sapore di mare da restare ben impresso nella memoria dopo che lo hai mangiato. Realizzato in un ristorante che a Parigi avrebbe quattordici stelle.

Totani e patate di Gennaro Esposito

Torre del Saracino, cialda croccante di patate con totano e polvere di peperone dolce e salsa del fegato di calamaro
Torre del Saracino, cialda croccante di patate con totano e polvere di peperone dolce e salsa del fegato di calamaro

Gennaro è sempre in gran forma e nei piatti di mare esprime sempre al massimo la sua creatività. Qui gioca con totani e patate in maniera superba e deliziosa. Impagabile.

Omaggio a Bruno Borghesi del Mirabelle

Bruno Borghesi con Massimo Menta e Guido Barendson
Bruno Borghesi con Massimo Menta e Guido Barendson

Ultimo anno di servizio per un grande di sala: Bruno Borghesi in un ambiente classico, come a noi tanto piace stare spesso e volentieri in compagnia di grandi amici. Per ricordare quando sia importante il servizio. Sempre di più.

Heinz Beck

Heinz Beck, perfezione maniacale :-)
Heinz Beck, perfezione maniacale :-)

Qui è talmente tutto perfetto che ogni cena è una emozione. Un grandissimo ristorante gestito con professionalità.