Millemetri Rosato 2010 Etna doc Feudo Cavaliere, la sfida di Margherita Platania | Voto: 90/100

Letture: 292
Margherita Platania, l’Etna nel sangue

 

Vista: 5/5 Naso: 26/30 Palato: 27/30 Non omologazione: 32/35

FEUDO  CAVALIERE


Uva : 100% nerello mascalese
Fermentazione e maturazione: acciaioa
Fascia di prezzo: da 5 a 10 euro

Siamo sul versante sud – ovest dell’Etna tra i 950 e i 1000 metri sul livello del mare nell’areale di Santa Maria di Licodia. I terreni sono composti da sabbie vulcaniche e ‘Ripiddu’ il nome del tipico suolo etneo, fatto di pietre e lastre di origine lavica, dove le viti allignano coltivate ad alberello ad alta densità d’impianto; i  vigneti di Nerello,già presenti in azienda al momento dell’acquisto, risalgono al 1880 e non sono stati mai reimpiantati. Gli stessi sono stati soltanto selezionati per la riproduzione in  impianti più recenti. Il Carricante è presente invece in forma promiscua al Nerello Mascalese nell’antico vigneto e in forma specializzata nel nuovo. Anche qui sono state selezionate e riprodotte piante già esistenti.

I ‘ripiddu’ sono  molto ricchi di minerali tendenzialmente acidi, ben esposti e con un’ottima ventilazione; la piovosità è bassa, con importanti escursioni termiche giorno – notte fino a 30° durante la maturazione da inizio ottobre. I vigneti sono sistemati in terrazze con ‘muretti a secco’, tipici del paesaggio etneo e favoriscono un ottimo drenaggio.   Si vendemmia da metà a fine ottobre. Le uve sono sottoposte ad accurata selezione su pianta  qualche giorno prima della vendemmia e poi di nuovo al momento della raccolta. La vendemmia è manuale con pigiadiraspatura soffice e crio macerazione per 8 – 10 ore; a seguire sgrondatura e decantazione statica per circa due giorni. Fermentazione lenta per 20 – 25 giorni a bassa temperatura. L’affinamento avviene  in vasche d’acciaio , a bassa temperatura, sulle fecce fini per circa un anno con frequenti ‘batonnage’.

Il vino si presenta di un seducente colore cerasuolo intenso e luminoso con lenta roteazione al bicchiere, il che  preannuncia buona freschezza, struttura (13 gradi alcolici) e promessa (mantenuta) di longevità: a tre anni dalla vendemmia il prodotto è perfettamente integro. L’ingresso al naso è intenso, quanto complesso: floreale, fruttato, leggera speziatura e una decisa vena minerale. Al palato si presentano i caratteri tipici dei vini d’alta quota: ingresso dolce con una vena acidula, decisamente fresco, sapido e molto persistente. La piacevolezza di beva è davvero notevole, un sorso tira l’altro, ammaliati dal colore unico e accattivante. Margherita Platania ha saputo aspettare: consapevole delle potenzialità del vino ha avuto il coraggio di pazientare prima di immetterlo al consumo ed è stata premiata. Il risultato è un vino che promette ancora grandi perfomance, in grande forma, magari da abbinare a piatti struuturati sia, di mare che, di terra come ad esempio il cous cous di pollo e verdure o crostacei di Peppe Buffa a San Vito Lo Capo o a carni bianche elaborate, oppure a formaggi e salumi semistagionati e perché no? alla pizza Primavera de  Il Foro dei Baroni con pancetta di maiale, fave, Fior di Latte, Pecorino di Laticauda e olio extravergine.

E’ un piacere assistere alla crescita di questa viticoltura etnea fatta da giovani uomini e donne entusiasti e innamorati della propria terra, capaci di percorrere migliaia di chilometri pur di comunicarla. Brava Margherita, ha vinto la scommessa.

Questa scheda è di Giulia Cannada Bartoli

Az. Agricola Cavaliere di Platania Margherita: Contrada Cavaliere Bosco, Santa Maria di Licodia (CT). Tel. 3487348377  www.feudocavaliere.it   (sito in rifacimento) feudocavaliere@tiscali.it; Enologo:Maria Carella; bottiglie prodotte circa 30.000;vitigni:nerello mascalese, nerello cappuccio, carricante:ettari:20.

3 commenti

  • MICHELE

    (4 maggio 2013 - 13:44)

    COMPLIMENTI…
    SARA’ MIA PREMURA PROVARLO…
    GRAZIE PER LA PASSIONE CHE CI DONA.
    MICHELE DELL’ENOTECA LETTERARIA DI SICILIA VINODIVINO.

  • LORENZO

    (17 luglio 2013 - 16:38)

    dove si puo’ acquistare ?

  • Alessandro

    (29 luglio 2013 - 23:42)

    Vorrei poter lasciare un commento anch’io, complimentandomi del vostro vino, e dei miglioramenti dell’ambito amministrativo, il non poterlo fare mi rincresce. Dato che, non ho avuto il piacere di assaggiare il vostro vino, ne di lavorarci, nonostante vi abbia contattato più volte al numero di cellulare da voi stessi indicato (persino nelle guide),a colei che vi risponde, ho chiesto e richiesto per due mesi un listino prezzi, ogni volta questo mi veniva promesso, ma mai inviato, motivo per cui, per quanto riguarda il settore amministrativo\addetto alle vendite, credo sia meglio evitare un commento, semplicemente vi consiglio di consideare la possibilità che di progressi ne avete ancora veramente tanti da fare, altrimenti i vostri “miglioramenti nella struttura aziendale” sono fine a se stessi..

    Buon lavoro

    Alessandro

I commenti sono chiusi.