Napoli, Crudo Re a Piazza Vittoria: mare e bollicine

Letture: 276
Aldo Lanotte

Il ristorante è aperto sempre.
Piazza Vittoria 11/12. Tel. 081 7645295
www.crudore.it
info@crudore.it

Crudo Re, il pane

Siamo al quarto anno, ormai, di una formula tanto semplice quanto efficace pensata da Gianni Liotti: buone pescato, frutti di mare, ostriche, bianchi e bollicine.

Crudo Re, acciughe del Cantabrico e ricotta di pecora

Dal primo giorno il progetto non ha deviato mai da questa sostanza beatificante. Nel frattempo questa parte della piazza di fronte alle Villa e il lungomare sono stati liberati dalle autor, c’è un piccolo dehor esterno e tutto va alla grande.

Crudo Re, la mise en place

La novità è l’arrivo di Aldo Lanotte, un ragazzo timido, poco ossessionato dai riflettori e dalle citazioni su Facebook. Forse non guarda neanche Masterchef.

Crudo Re, fettucce su crema di fagioli e gamberi

La formula si è così arricchita di qualche piatto caldo pensato un po’ meglio. Niente di banale, ma neanche di cervellotico. La fettuccia di Gerardo di Nola è golosa, come pure la pasta e patate in variante marinara.

Crudo Re, dentice e broccoli

Nei secondi l’orto mare napoletano è assolutamente rispettato. Bei pesci fuori allevamento con verdure di grandissima qualità come solo i suoili vulcanici sanno regalare. Tutto gira perché c’è ricambio di prodotto in continuazione, ove si dimostra che la gente è disposta a pagare qualcosa in più se è sicura della qualità di quello che mangia.

Crudo Re, baccalà alla napoletana e scarola

La carta dei vini è varia e sincera. Vincono i francesi, ovviamente, ma ci sono tanti italiani e nel bianco dominano i campani. Siamo nel regno del professore Moio con isuoi bianchi ricchi e salmastri molto adatti a questo stile inconfondibile.

Crudo Re, la cucina a vista

Sta sempre aperto, e non è poco di questi tempi. La sera conviene prenotare, di giorno, invece, godrete di un bel pranzo a ridosso del lungomare più bello del mondo. Da Cru…doRè:-)

Sophia 2011 Campania igt

 

Crudo Re, i dessert

4 commenti

  • salvatore

    (10 febbraio 2014 - 12:53)

    Prima lo frequentavo spesso,poi secondo me è diventato un poco caro(80-100 euro a cranio).Meditate gente meditate

  • Gigi

    (10 febbraio 2014 - 14:07)

    La carta dei vini è varia e sincera. Vincono i francesi, ovviamente…. .

    Chiedo scusa ma non ho capito il senso “ovviamente”. Leggere su un sito italiano, peraltro pregevole come questo, che i vini francesi vincono “ovviamente” su quelli italiani mi sa un po’ da ….Tafazzi, ovviamente….

  • camilla

    (11 febbraio 2014 - 11:21)

    D’accordo con salvatore, i prezzi sono più che raddoppiato rispetto all’anno di apertura….e va bene che la qualità della materia prima non si discute….ma pensare ad un menù che sia accessibile a tutti?

  • alina

    (16 febbraio 2014 - 23:11)

    Bellissima carta dei vini e ostriche molto buone. Per il resto molto poco, cucina banale e troppo condita.

I commenti sono chiusi.