Pallagrello Bianco 2005 Terre del Volturno igt

Letture: 48

ROSSETTI

Uva: pallagrello
Fascia di prezzo: da 1 a 5 euro
Fermentazione e maturazione: acciaio

Siccome ormai è difficile trovare pessimi vini in giro, gli ultimi <contadini> resistono solo nella zona del Cilento dove la cultura enologica moderna si è affermata da poche vendemmie ed è ancora minoritaria nel senso comune della gente, diventa sempre più divertente e interessante girare nel Mezzogiorno tra piccole cantine alla ricerca di proposte interessanti: non bisogna avere l’illusione di trovare nuovi vini evento perché questi possono nascere, come spesso ripete Luigi Moio, da un progetto e mai per caso. Ma è però possibile scoprire tanti vini buoni, tipici e ad ottimo prezzo. Una di queste possibilità è a due passi dal ponte sul Volturno che separa, dopo Amorosi, la provincia di Benevento da quella di Caserta dove Alberto Rossetti, giovane studente di Veterinaria, ha ripreso la proprietà comprata dal nonno e che era sempre stata impegnata per la vendita delle uva, con piante che hanno oltre trent’anni. Nella cantina alla stanza della lavorazione, si usa solo l’acciaio, è affiancata una bella e suggestiva saletta degustazione dove accogliere gli ospiti. Si tratta di una azienda monovitigna, impegnata da sempre solo ed esclusivamente nella coltivazione del pallagrello, bianco e rosso. I vini sono fatti da uno studente di Moio a Foggia. Il bianco è davvero interessante, si presenta molto naturale con un giallo paglierino carico, buona mineralità, frutta interessante, già abbastanza morbido e pronto ad affrontare belle zuppe di legumi e caciocavalli freschi. Noi lo abbiamo abbinato ad un tenero agnello speziato con sgrassanti erbe di campo.

Sede ad Alvignanello,
Tel. e fax 0823.863088
Enologo: Andrea Biccari
Bottiglie prodotte: 8000
Ettari: 3 di proprietà
Vitigni: pallagrello bianco e nero