PARMIGIANA DAY/4. Parmigiana di melanzane di Amalfi

Letture: 266
Parmigiana di melanzane di Marina Grande

Da Amalfi una versione creativa.

Ingredienti per una persona

Millefoglie…
4 fette di melanzane
3 fette di pomodoro
3 fette di fiordilatte
3 foglioline di basilico
Una presa di parmigiano reggiano grattugiato
50 cl di passato di pomodoro
Sale e pepe Q.B.

Spiedo… in Tempura
4 tocchetti di melanzane
3 toccheti di pomodoro Sorrento
3 tocchetti di fiordilatte
3 foglioline di basilico
Tempura ottenuta con 100cl di birra e 30g di farina “00” e 10g di parmigiano reggiano grattugiato.

Bloody Mary… Rivisitato
2 parti di Vodka Premium
3 parti di succo di pomodoro
3 foglioline di basilico
1 cucchiaio di purea di melanzane
5 gocce di Tobasco
6 gocce di Worchestershire Sauce
3 gocce di Celery(sedano) Bitters
Un pizzico di sale e pepe
Un pizzico di parmigiano grattugiato
Qualche goccia di limone
1 buccia di melanzana fritta e un ramoscello di basilico come guarnizione

Procedimento
Per la Millefoglie: arrostire le fette di melanzane e di pomodoro salare e pepare. Formare una millefoglie alternando le melanzane, il pomodoro, il fiordilatte, il basilico e il parmigiano. Fermate il tutto con uno spiedo, dopo di che infornate a 200° per circa 6 minuti.

Spiedo in Tempura

Con l’aiuto di uno spiedo alternate gli ingredienti a tocchetti fino all’esaurimento. Infarinate lo spiedo e passatelo nella tempura, friggete in olio extravergine a 160° per circa 4 minuti.

Bloody Mary Rivisitato: unire in uno shaker il basilico pestarlo e poi aggiungere il ghiaccio, vodka premium, succo di pomodoro, purea di meanzane, tobasco,
worchestershire sauce, celery bitters, qualche goccia di limone, un pizzico di sale, pepe e parmiggiano. Shakerare bene e servire ben freddo nel tumbler alto, guarnire con la buccia di melanzana fritta e il ramoscello di basilico.

Ricetta dello chef Umberto De Martino del ristorante Marina Grande di Amalfi. Il Bloody Mary in abbinamento è di Giancarlo Esposito, patròn del ristorante.

3 commenti

  • Marina

    (13 agosto 2010 - 13:58)

    Appena torno da voi voglio provare quel Bloody Mary.

    • paolo

      (14 agosto 2010 - 01:25)

      Gentile patron va bene rivisitare le ricette, ma la lingua italiana non va rivisitata visto le ripetizioni nell’ elencare con l’ unità di misura”goccie” le ricordo, singolare goccia , plurale gocce, preferisco fermami lasciamo perdere tobasco e parmiggiano con abbondanti g.
      Niente di personale la ricetta sembra interessante spero quanto prima di degustare il tutto, salutoni
      Ha dimenticabvo non è per caso discepolo di Vissani o Luca Giurato?

      • Umberto

        (30 agosto 2010 - 14:29)

        Su un blog gastronomico, pensavo si parlasse di cultura del cibo. Sono un ragazzo di 35 anni con un diploma di terza media e non ho vergogna di sbagliare un doppia gg (ogni tanto), perchè da una persona così attenta come lei, mi sarei aspettato una più oculata lettura della ricetta….visto che una doppia gg è solo battuta una volta.
        Nulla togliere a Vissani, grande chef la mia idea è puramente personale, comunque accostarmi ad una persona come Vissani non può altro che farmi enormemente piacere.
        Anticipatamente le chiedo scusa per qualche altro errore di grammatica o di battitura, ma lei sarà una persona così oculata da distinguere i due errori.
        Le ripeto sono soltanto un ragazzo che ha la terza media e non me ne vergogno, chef e non professore di lettere.
        Saluti Umberto De Martino

I commenti sono chiusi.