Placido Rizzotto Catarratto 2007 Sicilia igt

Letture: 92

CENTOPASSI
Uva: catarratto
Fascia di prezzo: da 5 a 10 euro
Fermentazione e maturazione: acciaio

Mi è capitato di degustare qualche giorno fa questo ormai famoso Catarratto e mi ha riportato alla mente la singolare esperienza vissuta un paio di anni fa durante la manifestazione Radici del Sud nella Reggia di Caserta, alla quale ho lavorato promuovendo appunto questo vino. L’azienda è una cooperativa sociale, Cento Passi, della quale all’epoca sapevo ben poco, cominciata la manifestazione in breve tempo lo stand nel quale lavoravo si è riempito di gente curiosa ed attratta dalla singolare storia di questa cooperativa sorta su terreni confiscati alla mafia, erano tutti molto entusiasti di degustarne i vini ed è stato veramente difficile tenere a bada un così ampio numero di persone. Involontariamente era stata compiuta un’operazione di marketing di grande impatto sul pubblico, ho constatato che seguendo una linea pubblicitaria legata alle emozioni ed ai sentimenti, il successo è garantito, la gente vuole sognare oppressa com’è dalle tante difficoltà e dalle terribili notizie dei telegiornali. Cento Passi, si sa è il titolo del film cult che narra la storia di Peppino Impastato, militante di sinistra, e di Placido Rizzotto, sindacalista della Cgil, entrambi impegnati nella lotta alla mafia ed entrambi assassinati. L’azienda Placido Rizzotto è ubicata nell’Alto Baselice Corleonese e fonde tre cooperative sociali, la Placido Rizzotto che si occupa dei vini, Libera Terra e Pio La Torre, comprende ben 400 ettari di terreno, 42 dei quali a vigneto, e produce anche pasta, legumi e conserve praticando coltivazione biologica. Nel 2008, visto il successo ottenuto, ha inaugurato un bellissimo agriturismo dotato di ristorante e 16 posti letto, Portella della Ginestra, con annesso Centro Ippico Giuseppe Di Matteo, entrambi strutture confiscate a Bernardo Brusca. Questa zona è storicamente vocata per la produzione di vini di alta qualità, i vigneti si estendono su dolci colline tra i 300 ed i 600 metri s.l.m., i terreni sono di natura argillosa e sabbiosa, comprendono i comuni di Corleone, Piana degli Albanesi, San Giuseppe Jato, San Cipiriello, l’allevamento è di tipo spalliera v.s.p. e guyot, la coltivazione è rigorosamente biologica e si coltivano uve catarratto, grillo, nero d’avola e perricone, ma anche chardonnay, cabernet sauvignon, syrah e merlot. I vigneti sono. Vigneto Pietralunga nel comune di Monreale confiscato a Simonetti del clan dei Riina, Vigneto Pioppo e Vigneto Saladino a Monreale confiscati a Grizzaffi del clan dei Riina, Vigneti Muffeletto e Don Tommaso a San Cipiriello confiscati a Genovese del can dei Brusca; Vigneto Giambascio a San Giuseppe Jato confiscato a Genovese del clan Brusca, Vigneto Cerasa a Monreale confiscato a Guccione. L’impegno degli amministratori pubblici e dei Carabinieri affinchè questo progetto diventasse solida realtà è stato grande e costante nel tempo, inizialmente l’azienda era fortemente ostacolata dalla mafia, ma il forte sostegno delle istituzioni ha permesso che tutto ciò avesse buon fine, la cooperativa ha assunto molti giovani tra i quali diversi disabili dimostrando che quanto viene sottratto alla collettività dalla mafia può diventare occasione di sviluppo. Il Placido Rizzotto Catarratto 2007 nasce in quei luoghi dove sono stati pianificati i terribili attentati a Falcone e Borsellino,da vigneti di almeno venti anni, è uno straordinario e tipico cataratto, scelta alquanto singolare ed intraprendente poiché sono ormai poche le aziende che vinificano in purezza questa cultivar piuttosto impegnativa. Ha un bel colore giallo paglierino pieno, si colgono intensi e finissimi aromi di fruttato esotico e di fiore di zagara, in bocca è pieno ed avvolgente, caldo ma ben equilibrato da piacevole freschezza e sapidità, di lunga persistena gustativa, vinificato interamente in acciaio, da abbinare a crostacei o anche a formaggi caprini di media stagionatura.
Questa scheda è di Marina Alaimo

Sede a San Giuseppe Jato, via Porta Palermo 132
Tel. 0918577655
Sito: http://www.cantinacentopassi.it
Email: info@cantinacentopassi.it
Ettari: 400 di cui 42 vitati
Vitigni: grillo, catarratto, chardonay, nero d’Avola, perricone, syrah, cabernet sauvignon