Pompei, ristorante President

Letture: 271
Paolo Gramaglia

di Marina Alaimo

Finalmente Pompei ha il suo bel ristorante dove gustare piatti di alta cucina nei quali si incrociano la tradizione napoletana, i ricordi dei tanti viaggi in giro per il mondo e l’energia esuberante del patròn Paolo Gramaglia. Si perché prima che Paolo stringesse le redini del President, un certo tipo di clientela più esigente era costretta ad uscire dai confini dell’antica città romana alla ricerca del ristorante giusto. L’ingente flusso turistico attratto qui dalla bellezza disarmante degli Scavi di Pompei, ha generato nel tempo una risposta gastronomica mordi e fuggi.

Pertanto chi cercava qualcosa di più, trovava risposta in Penisola Sorrentina o nella città di Napoli.  Paolo si dedica alla cucina, ma spesso anche alla sala, potremmo dire che è un intrattenitore divertente in quanto è dotato del tipi humor partenopeo, con battuta pronta e graffiante. La moglie Eulalia Buondonno svolge servizio sommelier, e simpaticamente potremmo dire che fa da spalla a Paolo. La cucina è improntata soprattutto sui prodotti del mare, avendo il patròn origini partenopee, ma qua e la si ritrovano ingredienti proiettati nei piatti dai ricordi dei numerosi viaggi in giro per  il mondo.

E sì, Paolo ha viaggiato tantissimo da ragazzo, il padre lo ha spedito nelle cucine dei grandi alberghi per fare la gavetta e senza una lira in tasca perché imparasse il senso del dovere e  del sacrificio. Poverino! Ma il sacrificio è durato ben poco in quanto l’innata arte tutta partenopea dell’arrangiarsi ha dato ben presto i suoi frutti.

Eulalia Buondonno sommelier

I piatti della cucina napoletana che proponeva nei ristoranti nei quali ha lavorato sono stati ben presto fonte di gratificanti guadagni. Questo insieme di esperienze, colori e ricordi accompagnano tutti i piatti del President, esaltando la qualità sceltissima della materia prima.

Risotto al tè nero, pere spadone, pecorino d'alpeggio e bottarga di muggine
Fettucine di Venere con ostriche, gamberi di nassa e rucola
Linguine Vicidomini con pescatrice, pomodoro pachino, maruzzielli e tarallo napoletano grattugiato
Crudo e cotto di tonno con cristalli di sale nero hawaiano e insalatina di mele e caviale
Filetto di triglia gratinato al basilico e puttanesca appena scottata con riduzione di Aperol
Zuppetta dell'ostricaro. Antico piatto dell'800 Napoletano servito alla corte dei Borbone. Vongole, cannolicchi, lupini con fagioli cannellini bianchi e rossi
Dentice su salsa di limoni di Amalfi, olove del Cilento,con melanzana ripiena di olive e formaggio
Cannolo scassato (scomposto) e gioco di pastiera in tazzina
Sformatino di castagne con salsa al cioccolato bianco e rum

Il ristorante è aperto sempre. Da novembre ad aprile chiuso la domenica sera ed il lunedì. Chiuso per le tre settimane dopo l’Epifania.

Sede in via San Giuseppe 16 Pompei. Tel. 081 8507245.

7 commenti

  • Gaetano

    (13 dicembre 2011 - 12:46)

    Ed io che lo scoperto un po’ di tempo fa non riesco a stargli lontano Paolo è un grande delizia i suoi ospiti con piatti che ti lasciano senza parole e chiunque ha il piacere di gustare la sua cucina resta incantato grazie maestro!!!!!

  • Olimpia Lombardo

    (13 dicembre 2011 - 14:04)

    Grande chef Paolo … e grande persona….

  • Alessandro Russo

    (13 dicembre 2011 - 15:31)

    Paolo coniuga le doti del grande chef a quelle del grande uomo, qualità perfettamente armonizzate dalla moglie Laila. Il President è una tappa gastronomica in cui si legge la storia dalla grande ristorazione anni ’90 a quella gourmet corrente. La profondità della carta dei vini ne è testimonianza.Grande Paolo!

  • nicla

    (13 dicembre 2011 - 21:08)

    Grande Paolo, come chef e come uomo. Divini i suoi piatti e l’atmosfera che caratterizza questo ristorante alle porte del Santuario di Pompei…………..Un bacio

  • Luisa Del Sorbo

    (14 dicembre 2011 - 08:55)

    GRANDE PAOLO!!! :) Il President anni ’70 – la storia di Pompei!
    La famiglia Gramaglia: una storia, una tradizione. Il capostipite, Salvatore Gramaglia insignito dei premi più ambiti, targa con medaglia d’oro dalla stampa turistica internazionale AGIST, Nastro Verde d’Europa, Cavaliere della Repubblica, Ufficiale della Repubblica, ideatore di un gemellaggio tra pittura e gastronomia, e tanti altri riconoscimenti. Esperienza e professionalità ereditate con pari merito dal figlio Paolo Gramaglia, continuatore della “passione” di famiglia. E con Paolo l’evoluzione, la creatività e l’anticipazione dei tempi, tra cui la creazione e registrazione del marchio: CHEF DI BORDO! SEI UN MITO GRAMAGLIA!

  • […] Pompei, ristorante President […]

  • mimmo

    (14 dicembre 2011 - 20:31)

    PAOLO BRAVO. IN QUANTO OLTRE AD ESSERE UN BUON RISTORATORE DANDO ECCELLENZE SUI PRODOTTI , LO DEFINISCO
    UN GRANDE COMUNICATORE TANTO PIU’ PERSONA DI GRANDE UMILTA’ E PROFESSIONALITA’ . BRAVO PAOLO

I commenti sono chiusi.