Reverano 2004 Falerno del Massico doc

Letture: 68

PERROTTA AMORE

Uva: aglianico, piedirosso
Fascia di prezzo: da 10 a 15 euro
Fermentazione e maturazione: acciaio e legno

Questa piccola azienda, siamo ancora sotto le 10.000 bottiglie anche se il potenziale è triplo, ha la caratteristica che a me piace molto in simili circostanze, ossia: one cellar one wine. Pochi in effetti hanno seguito l’esempio del Montevetrano e di Fontana Galardi che pur essendo griffe di successo non hanno mai ceduto alla tentazione di fare rosso di ricaduta o, peggio ancora, un bianco. Spero che anche questo diventi un caso simile. Rispetto al 2003, che presentava le difficoltà ben evidenziate da Fabio nella scheda e che comunque sono simili a tutti i rossi di quella terribile annata, stavolta l’enologo Nicola Trabucco ha saputo giocare meglio sull’eleganza, combinare il blend tra aglianico e piedirosso e infine sfruttare una vendemmia incerta capace però di regalare maggiore eleganza al vino. Il risultato è un Falerno tipico, sicuramente strutturato,dai tannini ancora parzialmente da sciogliere con l’elevamento in bottiglia che farà solo bene a un vino che si annuncia longevo e ricchissimo di soddisfazioni. L’ennesimo esempio positivo di una zona che, con Irpinia, Taburno e Cilento, forma il quadrilatero del rosso campano grazie alla esposizione delle colline di Sessa e soprattutto al suolo vulcanico che rende davvero unici i prodotti. Ma la tipicità è assicurata anche dalla bassa resa per ettaro, naturale, del vigneto che non spinge mai sopra i 40 quintali, e la cura appassionata di Antonella, la proprietaria impegnata a fare quello che tutti dovrebbero quando hanno un consulente esterno, cioè curare di persona il prodotto: gli enologi infatti non sono maghi, ma tecnici bisognosi di qualcuno capace di seguirli giorno dopo giorno, questo è il segreto dei grandi vini. Lo beviamo a Pasqua,  su agnello e capretto, oppure sul formaggio podolico stagionato.

Sede a Sessa Aurunca. Via delle Rose, 1. Tel. 0823.937657. Enologo: Nicola Trabucco. Ettari: 2,5 di proprietà. Bottiglie prodotte: 10.000. Vitigni: aglianico, piedirosso.