Le ricette > i primi > La Tavola di Pulcinella
5

Ricci, friarielli e provola affumicata

22 novembre 2012

Ricci, friarielli e provola affumicata

 

di Tommaso Esposito

Foglia e maccaroni sono andati sempre d’accordo nella cucina napoletana.
Soprattutto in campagna dove nasce questa ricetta di estrema semplicità, ma di grande succulenza.
L’amaro dei friarielli viene  esaltato dal grasso della salsiccia ‘e purmone ( confezionata con guanciale, ventresca, aglio, finocchietto e peperoncino) e dal suo piccante.
Come pasta va bene un formato riccio che raccolga la verdura e gli ingredienti.
E soprattutto sarà importante il riposo della minestra.

Ricci, friarielli e provola affumicata. Gli ingredienti

Ingredienti per 4 persone

Broccoli friarielli (cime e foglie piccole scelte)  700 gr
Provola affumicata 350 gr
Salsiccia ‘e purmone 150 gr
Alio 1 spicchio
Olio evo 80 gr
Ricci o fusilli corti 400 gr
Parmigiano grattugiato 80 gr

Preparazione

Imbiondire l’aglio in padella, levarlo, adagiare la salsiccia spellata e sbriciolata e infine i friarielli.
Portare a cottura e poi sminuzzarli grossolanamente.
Intanto calare la pasta in acqua appena salata.
Levarla a metà cottura e conservarne l’acqua.
In padella finire di cuocere al dente aggiungendo un poco alla volta l’acqua dei maccheroni e ancora un filo d’olio.
Fuori dal fuoco amalgamare con la provola affumicata tagliata a listarelle sottili e con il parmigiano se piace.
Lasciare riposare qualche minuto e poi servire.

Ricci, friarielli e provola affumicata.

5 Commenti a “Ricci, friarielli e provola affumicata”

  1. valerio scrive:

    Buongiorno, molto bella la ricetta ma sarei interessato al tipo di pasta… qualcuno sa dirmi di che pastificio e’? Grazie mille

  2. milady scrive:

    saporitissima!

  3. Tommaso Esposito scrive:

    Abbracci capresi de La Fabbrica della Pasta Gragnano

  4. francesco scrive:

    Complimenti,ricetta semplice ma ottimamente eseguita e penso assai gustosa;ottima la scelta del pastificio che sicuramente è attualmente uno dei migliori di Gragnano;bravo!