Zuppa cicciata ciceralese di Giovanna Voria

Letture: 112
la cicciata ciceralese di Giovanna Voria - foto di Luigi Savino
la cicciata ciceralese di Giovanna Voria – foto di Luigi Savino

Questa zuppa, di origine contadina, veniva preparata il 1° maggio, a semina già avvenuta, con l’auspicio di un nuovo e abbondante raccolto. Per buon augurio veniva offerto un piatto ai vicini. Giovanna Voria di Corbella l’ha conservata, rilanciata e registrata su www.mysocialrecipe.com

Tutti i semi avanzati, circa una ventina, tra legumi e cereali, venivano, separatamente, messi a bagno e cotti. Infine, a cottura ultimata, venivano mescolati insieme per dare vita all’autentica cicciata che ancora oggi, nonostante la preparazione lunga ed elaborata, rappresenta uno dei piatti più gustosi della nostra realtà cilentana.

Zuppa cicciata ciceralese

Di

Ingredienti per 4 persone

  • 20 g per ognuno dei seguenti semi:
  • ceci di Cicerale
  • cicerchia, fave
  • fagioli borlotti
  • fagioli cannellini
  • fagioli di Controne
  • fagiolino di maggese
  • fagioli rossi
  • fagioli a pisello
  • fagioli d’acqua
  • fagioli striati
  • fagioli dell’occhio
  • farro
  • avena
  • orzo
  • tre tipi di grano cilentano
  • piselli secchi
  • lenticchie
  • Per il soffritto:
  • olio extravergine di oliva DOP Cilento
  • mezza cipolla
  • uno spicchio d’aglio
  • un ciuffo di prezzemolo e uno di sedano
  • sale

Preparazione

Mettere a bagno, separatamente, i vari legumi e cereali la sera precedente, lessarli e solo a cottura ultimata mescolarli in un’unica pentola, regolando di sale e continuare con la cottura a fuoco lento.
In una padella, mettere l’olio, la cipolla, l’aglio, il sedano e il prezzemolo tritati, peperoncino (facoltativo) e versare il soffritto nella zuppa, cuocere ancora qualche minuto in modo che si insaporisca. Servire calda con crostoni di pane casereccio.