Florian Maison a San Paolo d’Argon, il cuoco campano e l’allineamento astrale

Letture: 810
Florian Maison, rosa su vetro, un posto per quote rosa su tacco dodici e per vedere la vita con un colore diverso dal grigio standard
Florian Maison, rosa su vetro, un posto per quote rosa su tacco dodici e per vedere la vita con un colore diverso dal grigio standard

di Marco Galetti

Un piatto deve essere buono, se saliamo di livello, se il sopra media deve essere una costante, un piatto deve essere anche bello a vedersi e accattivante, se si guarda in alto e oltre il cielo nuvoloso si spera di intravedere luminosità che gratifica, il contesto deve essere armonico e rilassante, le materie prime usate non devono far sollevare né palpebre, né dubbi, l’accoglienza in sala deve essere il filo che unisce il cliente alla cucina, con garbo, competenza e senza invadenza, i prezzi dovranno essere commisurati ma non smisurati.

Florian Maison, San Paolo D’Argon, la struttura
Florian Maison, San Paolo D’Argon, la struttura

Quando tutti i piatti degustati lasciano sorrisi sulle labbra e sul palato, oltre ogni aspettativa, quando tutte le condizioni di cui sopra sussistono, si può parlare di allineamento astrale, succede raramente.
A me è successo.

Florian Maison, targhe
Florian Maison, targhe
Florian Maison, tavolini in terrazza
Florian Maison, tavolini in terrazza
Florian Maison, non e' ancora primavera, nello specifico, pranzo del sei gennaio
Florian Maison, non e’ ancora primavera, nello specifico, pranzo del sei gennaio
Florian Maison, tavolo, cigni e il campanile di San Paolo D’Argon
Florian Maison, tavolo, cigni e il campanile di San Paolo D’Argon
Florian Maison, la sala
Florian Maison, la sala
Florian Maison, tavolo, sedute e mise en place
Florian Maison, tavolo, sedute e mise en place
Florian Maison, dettagli, non faccio in tempo ad alzarmi per una foto, che prontamente piegano il mio tovagliolo
Florian Maison, dettagli, non faccio in tempo ad alzarmi per una foto, che prontamente piegano il mio tovagliolo
Florian Maison, bollicine francesi
Florian Maison, bollicine francesi

Bollicine francesi dal fine perlage, le note agrumate ton sur ton con la stagione si sposano bene con i Gamberi Orange e anche con gli altri piatti, ricarico per nulla eccessivo anche in rapporto ai prezzi delle enoteche on line.

Florian Maison, stuzzichini iniziali
Florian Maison, stuzzichini iniziali
Florian Maison, benvenuto, anguilla glassata all'aceto balsamico, tartare di salmone e wasabi su cono di panna e  pasta fillo, alici in saor
Florian Maison, benvenuto, anguilla glassata all’aceto balsamico, tartare di salmone e wasabi su cono di panna e pasta fillo, alici in saor
Florian Maison, pane
Florian Maison, pani

Pane fragrante, ancora tiepido, spicca quello verde, (non riconosco il cavolo nero e per un mezzo toscano è cosa grave ), focaccia con cipolle in lontananza, grissini, anche al nero di seppia, burro centrifugato e olio da taggiasca arricchiscono l’offerta.
Il pane, per la cronaca e per il mio piacere, sarà prontamente sostituito prima dei secondi.

Florian Maison, gamberi orange...cotto e crudo di gambero rosso con burrata all'arancia e gelatina di Campari, il piatto che soddisfa papille e pupille
Florian Maison, gamberi orange…cotto e crudo di gambero rosso con burrata all’arancia e gelatina di Campari, il piatto che soddisfa papille e pupille
Florian Maison, riso
Florian Maison, riso

Riso carnaroli “Acquerello” alla zucca, astice in crosta di amaretti  e liquirizia.
Zucca e amaretti è strada già percorsa senza rischi, la polpa del crostaceo non è guarnizione ma ingrediente a tutto tondo per un risultato centrato.

Florian Maison, paccheri
Florian Maison, paccheri

Paccheri in salsa mediterranea ripieni di baccalà mantecato, bello anche l’impatto visivo di un piatto molto gradito

Florian Maison, filetto
Florian Maison, filetto

Filetto (non filettino) di branzino cotto sulla pelle, radicchio tardivo all’aceto balsamico ed essenza di speck versata al tavolo, (ma nel piatto e sul pesce), sapidità liquida.

Florian Maison, caffe' e piccola pasticceria
Florian Maison, caffe’ e piccola pasticceria
Florian Maison, la cucina
Florian Maison, la cucina

La cucina che ha lavorato davvero bene, forse una sola imperfezione, la temperatura di servizio del pur splendido piatto di paccheri, dovrò tornare, volentieri, per vedere Monia all’opera in sala, per provare un dessert e dare carta bianca allo chef per un fuori carta, per vedere se quel che ho provato non è solo l’entusiasmo di un indovinato pranzo del sei gennaio, per vedere se ritornando in questa bella realtà non cambio parere ma lo consolido.

Florian Maison, lo chef, Umberto De Martino da Sorrento al quale chiedo con parole sue, nun me lassa', nun darme stu turmiento
Florian Maison, lo chef, Umberto De Martino da Sorrento al quale chiedo con parole sue, nun me lassa’, nun darme stu turmiento

Ma da Sorrento insistono, torna, torna a Surriento, non ti mancano il mare, il sole, le stelle…allora intervengo ed interrompo il canto che ammalia con parole mie, care sirene, anche a me, facendo due conti manca una stella…andate ad ammaliare altrove.

Florian Maison
Via Madonna d’Argon, 4/6, 24060 San Paolo d’Argon BG

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>