Slow Wine 2011, la nuova guida vini di Slow Food: ecco tutte le aziende con la Chiocciola, la Bottiglia e la Moneta. Prima l’agricoltura e la tradizione

Letture: 87
Slow Wine 2011

Ecco tutte le chiocciole italiane. Il riconoscimento si basa su una valutazione complessiva nella quale sono comprese sia la qualità dei vini che l’attenzione per la viticoltura ecocompatibile, coniugate ad una tradizione consolidata.


Val D’Aosta
Les Crêtes, La Vrille
Piemonte
Le Piane, Antichi Vigneti di Cantalupo, Bianchi, Cantina del Pino, Roagna – I Paglieri, Giuseppe Rinaldi, Cascina Ca’ Rossa, Brovia, Cavallotto Fratelli, Cascina Corte, Pecchenino, Anna Maria Abbona, Elio Altare – Cascina Nuova, Elio Grasso, Flavio Roddolo, Sottimano, Hilberg – Pasquero, Cappellano, Fiorenzo Nada, Alessandria Fratelli, Dacapo, Luigi Spertino, Vigneti Massa Iuli, La Raia, Carussin, Castello di Tassarolo
Lombardia
Ar.Pe.Pe., Sandro Fay, Togni Rebaioli, Il Pendio, Fausto Andi, Agnes
Trentino
Pojer & Sandri, Cesconi, Giuseppe Fanti, Maso Furli, Foradori, Francesco Poli, Eugenio Rosi
Alto Adige
Loacker Schwarhof, Nusserhof – Heinrich Mayr, Hoandlhof – Manni Nössing, Kuenhof – Peter Pliger, Manincor, Unterortl – Castel Juval, Haderburg, Garlider – Christian Kerschbaumer, Le Fraghe
Veneto
Antolini, Corte Sant’Alda, Lorenzo Begali, Monte dall’Ora, Villa Bellini, La Biancara, Prà, Filippi, Leonildo Pieropan, Ca’ Orologio, Casa Coste Piane, Silvano Follador.
Friuli Venezia Giulia
Meroi, I Clivi, Le Due Terre, Ronco del Gnemiz, Vignai da Duline, Borgo San Daniele, Edi Keber, Bressan Mastri Vinai, Gravner, La Castellada, Damijan Podversic, Radikon, Franco Terpin, Kante, Zidarich
Liguria
Ottaviano Lambruschi, Maria Donata Bianchi, Cascina delle Terre Rosse, Walter De Batté
Emilia Romagna
Vittorio Graziano, Camillo Donati, Vigne dei Boschi, Fattoria Zerbina, Paolo Francesconi
Toscana
Le Macchiole, I Luoghi, Altura, Tenuta di Valgiano, Salustri, Caiarossa, Fattoria di Bacchereto – Terre a Mano, Frascole, Fattoria Selvapiana, Fattoria Rodano, Fattoria di Fèlsina, Riecine, Querciabella, Fontodi, Monte Bernardi, Montevertine, Val delle Corti, orzano e Paterno, Stefano Amerighi, Baricci, Fattoi, Il Paradiso di Manfredi, Le Chiuse, Le Presi, Boscarelli, Fattoria le Casalte, Montenidoli
Marche
Collestefano, Fattoria La Monacesca, Fattoria San Lorenzo, Bucci, Fattoria Coroncino, Oasi degli Angeli, Aurora, Fattoria Dezi
Umbria
Adanti, Antonelli San Marco, Paolo Bea, Palazzone
Lazio
Sergio Mottura, Sant’Andrea
Abruzzo
Valentini, Cataldi Madonna, Praesidium, Emidio Pepe
Campania
Sorrentino, San Giovanni, Antica Masseria Venditti, Contrada Salandra, Giuseppe Apicella, Colli di Lapio Clelia Romano, Tenuta Cavalier Pepe, Vadiaperti, Contrade di Taurasi
Puglia
Giancarlo Ceci, I Pàstini, Agricole Vallone, Polvanera, Gianfranco Fino, Attanasio
Basilicata
Elena Fucci
Calabria
Librandi, Ceraudo
Sicilia
Marco De Bartoli, Ferrandes, Graci, Girolamo Russo, Palari, I Vigneri, Cos, Arianna Occhipinti
Sardegna
Capichera, Orlando Tondini, Panevino, Tenute Dettori

LA BOTTIGLIA
Assegnato per la qualità media di tutti i campioni presentati

Valle d’Aosta
Les Crêtes, Lo Triolet – Anselmet

Piemonte
Antoniolo, Antichi Vigneti di Cantalupo, Torraccia del Piantavigna, Sella, Gaja, Marchesi di Grésy, Albino Rocca, Bruno Rocca, Giacomo Brezza & Figli, Bartolo Mascarello, E. Pira & Figli Chiara Boschis, Luciano Sandrone, G. D. Vajra, Matteo Correggia, La Spinetta, Cavallotto Fratelli, Paolo Scavino, Vietti, Marziano Abbona, Ca’ Viola, Elio Altare – Cascina Nuova, Enzo Boglietti, Mario Marengo, Giuseppe Mascarello e Figlio, Domenico Clerico, Conterno Fantino, Giacomo Conterno, Paolo Conterno, Elio Grasso, Armando Parusso, Bruno Giacosa, Elvio Cogno, Ettore Germano, Ca’ del Baio, Michele Chiarlo, Coppo, Luigi Spertino, Pomodolce, Braida, Franco M. Martinetti, La Colombera, Claudio Mariotto, Giulio Accornero e Figli

Lombardia
Nino Negri, Mamete Prevostini, Battista Cola, Ferghettina, Monte Rossa, Fratelli Berlucchi, Bellavista, Ca’ del Bosco, Cavalleri, Enrico Gatti, Monsupello

Trentino
Pojer & Sandri, Cesconi, Giuseppe Fanti, Maso Furli, Foradori, Abate Nero, Ferrari

Alto Adige
Cantina Girlan, Cantina San Michele Appiano, Stroblhof, Hoandlhof – Manni Nössing, Kuenhof – Peter Pliger, Gottardi, Franz Haas, Falkenstein – Franz Pratzner, Cantina Terlano, J. Hofstätter, Köfererhof – Günther Kershbaumer, Strasserhof – Hannes Baumgartner

Veneto
Tenuta Sant’Antonio, Allegrini, Romano Dal Forno, Trabucchi, Roccolo Grassi, L’Arco – Luca Fedrigo, Giuseppe Quintarelli, Ca’ Rugate, Anselmi, Gini, Suavia, La Montecchia – Conte Emo, Capodilista

Friuli Venezia Giulia
La Tunella, Le Due Terre, Vignai da Duline, Roncùs, Schipetto, Villa Russiz, Borgo San Daniele, Livio Felluga, Doro Princic, Dario Raccaro, Ronco del Gelso, Franco Toros, Venica & Venica, La Castellada, Damijan Podversic, Vie di Romans, Lis Neris, Kante, Skerk, Zidarich

Liguria
Ottaviano Lambruschi, Poggio dei Gorleri, Terre Bianche, Bruna

Emilia Romagna
La Tosa, Cleto Chiarli, Fattoria Moretto, Giovanna Madonia, Villa Liverzano, San Patrignano, Fattoria Zerbina, Gallegati, Drei Donà – Tenuta La Palazza, Tenimenti – San Martino in Monte

Toscana
Tenuta dell’Ornellaia, Tenuta San Guido, Grattamacco, Castello del Terriccio, Collemassari, Fattoria Le Pupille, Terre del Sillabo, Morisfarms, Salustri, Castello di Potentino, Tua Rita, Fattoria Ambra, I Veroni, Castello di Monsanto, Isole e Olena, Fattoria Fèlsina, Castello di Ama, Rocca di Castagnoli, San Giusto – a Rentennano, Querciabella, Castello dei Rampolla, Fontodi, Monteraponi, Montevertine, Petrolo, Biondi Santi – Tenuta Il Greppo, Brunelli – Le Chiuse di Sotto, Cerbaiona, Col d’Orcia, La Cerbaiola – Salvioni, La Fortuna, Le Chiuse, Pietroso, Poggio di Sotto, Dei, Poliziano, La Lastra, Montenidoli, Tenuta di Trinoro

Marche
Piantate Lunghe, Santa Barbara, Gioacchino Garofoli, Fattoria La Monacesca, Fattoria Le Terrazze, Umani Ronchi, Bucci, Ester Hauser, Velenosi, Poderi Capecci – San Savino, Fattoria Dezi

Umbria
Antonelli San Marco, Arnaldo Caprai, Perticaia, Tabarrini

Lazio
Sergio Mottura

Abruzzo
Villa Medoro, Dino Illuminati, Valentini, Nicodemi, Cataldi Madonna, Barba Fratelli, Valle Reale, Masciarelli, Fattoria La Valentina

Campania
La Sibilla, Tenuta Adolfo Spada, Fontanavecchia, Cantina del Vesuvio, Di Prisco, Colli di Lapio, Donna Chiara, Vadiaperti, Villa Diamante, Contrade di Taurasi

Puglia
Giancarlo Ceci, Rivera, Tenute Rubino, Azienda Monaci, Cantele, Agricole Vallone, Francesco Candido, Gianfranco Fino, Mille Una, Attanasio, Morella

Basilicata
Armando Martino, Grifalco della Lucania

Calabria
Librandi, Senatore Vini

Sicilia
Marco De Bartoli, Agricola Valenza, Graci, Passopisciaro, Palari, Tenuta delle Terre Nere, Vini Biondi,

Sardegna
Capichera, Depperu, Porcu Fratelli, Agricola Punica, Pala

LA MONETA

Valle d’Aosta
La Crotta di Vegneron, Caves Coopératives de Donnas, Cave du Vin Blanc de Morgex et de La Salle

Piemonte
Produttori Nebbiolo di Carema, Nervi, Bianchi, Marco e Vittorio Adriano, Produttori del Barbaresco, Ronchi, Filippo Gallino, Renzo Castella, Osvaldo Barberis, Poderi Marcarini, Michele Reverdito, Franco Conterno – Cascina Sciulun, Alessandro e Gian Natale Fantino, Giacomo Fenocchio, Mossio Fratelli, Tenuta Il Falchetto, Molino Fratelli, Paolo Avezza, L’Armangia, Nicola Bergaglio, Borgo Maragliano, Erede di Armando Chiappone, Laura Valditerra

Lombardia
Ar.Pe.Pe, Sandro Fay, Contadi Castaldi, Ronco Calino, Bosio, Camossi, Villa, La Prendina, Marangona, Ca’ Lojera, Le Fracce, Castello di Luzzano

Trentino
Arcangelo Sandri, Cipriano Fedrizzi, Nicola Balter, Armando Simoncelli

Alto Adige
Messnerhof – Bernhard Pichler, Thurnhof – Andreas Berger, Cantina Valle Isarco, Cantina Cortaccia, Bessererhof, Ansitz Pfitscher, Cantina Nals Margreid, Cantina Termeno

Veneto
Le Fraghe, Antolini, Cavalchina, Sandro De Bruno, I Stefanini, La Cappuccina, Prà, Balestri Valda, Cantina del Castello, Vigneto Due Santi, Piovene Porto Godi, Andreola Orsola, Gregoletto, Le Bertole, Giorgio Cecchetto, Adami, Sorelle Bronca

Friuli Venezia Giulia
La Sclusa, Paolo Rodaro, Sirch, Valentino Butussi, Leonardo Specogna, Visintini, Ermacora, Pizzulin, Jacùss, Valchiarò, Drius, Thomas Kitzmüller, Francesco Vosca, Tenuta Villanova, Fiegl, Gradis’ciutta, Il Carpino

Liguria
La Ricolla, La Felce

Emilia Romagna
Cantina Valtidone, Francesco Montesissa, Casa Benna, Baraccone, Torre Fornello, Gianfranco Paltrinieri, Carra di Casatico, Camillo Donati, Francesco Vezzelli, Denny Bini – Podere Cipolla, Ermete Medici & Figli, Luciano Saetti, Isola, Floriano Cinti, Raffaella Alessandra Bissoni, Tenuta Pennita, Stefano Berti, Tre Monti, Villa Papiano

Toscana
Podere Terenzuola, Alberese, Fabbrica di San Martino, La Parrina, Frascole, Villa Pomona, I Fabbri, Fattoria Lornano, Il Palagio, Val delle Corti, Villa del Cigliano, Villa Montepaldi, Fattoria Migliarina, Tenuta San Jacopo, Baricci, Canalicchio – Franco Pacenti, Fattoi, La Palazzetta, Pian delle Querci, Terre Nere, San Quirico, Paterna

Marche
Fiorini, Roberto Lucarelli, Gioacchino Garofoli, Tenuta dell’Ugolino, Collestefano, Cantine Belisario, Terre Cortesi Moncaro, VignAmato, Tenuta De Angelis, Aurora, San Giovanni, Pasqualino Damiani

Umbria
Sportoletti, Cantina Roccafiore, Zanchi, Palazzone

Lazio
Casale della Ioria, L’Olivella

Abruzzo
Collefrisio, Dino Illuminati, Cantina Frentana, Cantine Mucci, Umberto Buccicatino

Campania
Viticoltori De Conciliis, Fattoria La Rivolta,  Mastorberardino, Perillo, Terredora, Cantina dei Monaci, Donna Chiara, Cantine Di Marzo

Puglia
Torrevento, Terravecchia – Alberto Longo, Cantina Ariano, Sergio Botrugno, Valle dell’Asso, Conti Zecca, Vecchia Torre, Duca Carlo Guarini, Plantamura, Polvanera, Accademia dei Racemi, Vetrere

Basilicata
Michele La Luce
Carbone

Calabria
Pasquale Ceratti
Tenuta Terre Nobili

Sicilia
Viticoltori Associati – Canicattì, Bosco Falconeria, Fondo Antico, Cantina Centopassi, Poggio di Bortolone, Riofavara

Sardegna
Cantina di Calasetta, Cantina Sociale Cooperativa della Vernaccia, Cantina Gallura

30 commenti

  • giulia

    (12 ottobre 2010 - 19:27)

    finalmente! sono questi i vini e i vignaioli che ci piacciono , prima l’Agricoltura e la tradizione. fantastico::))))

  • ENRICO MALGI

    (12 ottobre 2010 - 19:29)

    Sono contento per i riconoscimenti dati all’azienda San Giovanni di Santa Maria di Castellabate, di cui ho recensito su questo blog il Fiano Tresinus 2009, al grande Bruno De Conciliis e ad Angiolino Maule, ex operaio e pizzaiolo di Gambellara, dell’azienda La Biancara, uno dei pochi, veri produttori biodinamici italiani, insieme con Stanko Radikon, Fabrizio Nicolaini e Giampiero Bea, a parte, naturalmente Josko Gravner, che si spinge anche oltre. Abbracci.

  • Davide Canina

    (12 ottobre 2010 - 21:12)

    Queste sono le aziende premiate con cui collaboro.
    Sono felice per il riconoscimento del loro lavoro. Premi meritati.

    LE CHIOCCIOLE
    Alessandria Fratelli, Fattoria le Casalte, Tenuta Cavalier Pepe,
    LA BOTTIGLIA
    La Colombera,
    LA MONETA
    Erede di Armando Chiappone, Canalicchio – Franco Pacenti

    Saluti.
    Davide

  • Alessandro Russo

    (13 ottobre 2010 - 02:35)

    Leggere questi riconoscimenti mi fa venire in mente la scena di quando al tavolo si siede un cliente che vuol bere bene ed il ristoratore o il sommelier pescano dall’angolo della vetrina la bottiglia lontana dai riflettori ma di cui conoscono il valore.
    Una delle prime cose che mi salta all’occhio e’ l’assenza di alcuni giganti come in Toscana e in Campania.
    Che sia l’inizio di un nuovo corso?
    Per il momento godiamoci il riconoscimento di alcune aziende che hanno scritto storie e a cui venivano attribuiti solo righe analitiche.

    P

    P

  • luigi grimaldi

    (13 ottobre 2010 - 07:37)

    Se proprio la devo dire tutta, la vera lista che mi colpisce sono le chiocciole. Almeno chi come me segue questo blog, quello di Macchi, Erro, di Giuliani, Peretti e di Ziliani, i riconoscimenti ai vini sono una conferma, non una novità. Invece le chiocciole sono davvero una cosa straordinaria: la caduta della monarchia!

  • marco contursi

    (13 ottobre 2010 - 09:02)

    Un saluto a tutti dalla Danimarca anche a nome di Mila Vuolo,Vigne di Raito,De Conciliis,Polito.Oggi portiamo a conoscere ai Danesi le eccellenze campane.

    • Lello Tornatore

      (13 ottobre 2010 - 10:38)

      Hai portato i vini dell’Irpinia? (Ma non dirlo a Malgi!). ;))))))

    • ALBA

      (13 ottobre 2010 - 11:33)

      Ciao Marco, non perdere l’occasione per mangiarti una bella bisteccona di carne danese visto che sei in zona. Buon divertimento.

      • Lello Tornatore

        (13 ottobre 2010 - 11:43)

        Attenzione alle bisteccone danesi…ne hai una cilentana che t’aspetta ;-)))

        • ALBA

          (13 ottobre 2010 - 11:55)

          Ciao pure a te Lello che mi sei mancato: lunedi che hai combinato? scommetto che sei andato a caccia di ciammaruche ma quelle vere però non quelle S.F….

          • Lello Tornatore

            (13 ottobre 2010 - 12:23)

            Ormai vado solo a pesca di…false pezzogne, le ciammarruche, quelle vere, purtroppo non si trovano più, sono quasi estinte… ;-))) Au revoir, Alba!

      • marco contursi

        (13 ottobre 2010 - 23:09)

        appena pappata. :-D

  • Giancarlo Gariglio

    (13 ottobre 2010 - 10:52)

    Rispondo alle prime critiche che ci sono giunte:

    1) Todos caballeros, hanno vinto tutti!

    La nostra è una Guida che ha tre criteri di giudizio declinati su azienda e vino. Non si tratta di premi, ma di indicazioni ai nostri lettori sulle cose che secondo noi dovrebbero aver più risalto. Detto questo non voglio perdermi tra equilibrismi da prima repubblica (ma la seconda non sta meglio!).
    Abbiamo dato 160 Chiocciole su 1850 schede. Meno di una su dieci. Questo è il riconoscimento che ha più visibilità in assoluto perché a queste aziende dedichiamo una pagina intera. Siete proprio sicuri che tutti sono così contenti???? Io ho già ricevuto un mare di chiamate da aziende che non ce l’hanno e che mi chiedevano come mai e che pur avendo preso il Grande vino o Vino Quotidiano, o bottiglia o moneta… Non mi parevano così felici e contente… Quindi il Todos Caballeros di qualcuno lascia il tempo che trova.

    2) Qualcuno ha detto che ritrova sempre i soliti nomi…

    Perfetto. Questo non mi pare così vero. Però bisogna operare un distinguo importante tra le varie categorie di vini selzionati:

    – I Grandi Vini (quelli di altissima qualità dal punto di vista organolettico e basta) sono frutto della nostra visita e di conseguenti 4 degustazioni alla cieca. Mi pare normale che ci si ritrovi in questa categoria nomi famosissimi: Giacomo Conterno, Biondi Santi, Giacosa, San Guido, Gaja, ecc… altrimenti 25 anni di critica enologica sarebbe stata inutile e tutta una farsa??? Però, vi invito a leggere bene fra le righe perché una linea in questo senso ben precisa l’abbiamo tracciata e in questa lista di 215 vini (vi paiono tanti?) mancano alcuni vini molto famosi che a noi non sono piaciuti così tanto. Prendete ad esempio il Brunello, questi i Grandi Vini:

    Brunello di Montalcino 2005, Agostina Pieri
    Brunello di Montalcino 2005, La Cerbaiola-Salvioni
    Brunello di Montalcino 2005, Pian delle Querci
    Brunello di Montalcino 2005, Pietroso
    Brunello di Montalcino Phenomena Ris. 2004, Sesti-Castello di Argiano
    Brunello di Montalcino Ris. 2004, Le Chiuse
    Brunello di Montalcino Ris. 2004, Biondi Santi – Tenuta Il Greppo
    Brunello di Montalcino Ris. 2004, Poggio di Sotto
    Brunello di Montalcino Ris. 2004, Tenuta di Sesta

    Insomma ci siamo capiti. Queste le chiocciole di Montalcino, se non bastassero i Grandi Vini:

    Baricci, Fattoi, Il Paradiso di Manfredi, Le Chiuse, Le Presi

    Mi pare che ci sia un’evidenza incredibile, sui Gusti di questa Guida.

    3) Ci si sofferma sui Grandi Vini, ma la rivoluzione se c’è è quella dei Vini Slow, che voleva essere una collezione dei vini che ci hanno emozionato e che rispecchiano storia, territorio, vitigno, coltivazione pulita. Tanto per fare un esempio sono i famosi Coup de coeur dell’Hachette. Torniamo a Montalcino:

    Brunello di Montalcino Ris. 2004,Canalicchio di Sopra
    Brunello di Montalcino Ris. 2004,Canalicchio Franco Pacenti
    Brunello di Montalcino Ris. 2004,Fattoi
    Brunello di Montalcino Ris. 2004,Fornacina
    Brunello di Montalcino Ris. 2004,Brunelli Le Chiuse di Sotto
    Brunello di Montalcino Ris. 2004,La Fortuna
    Brunello di Montalcino Ris. 2004,La Palazzetta
    Brunello di Montalcino Piaggione Ris. 2004,Podere Salicutti
    Brunello di Montalcino Vigna Paganelli Ris. 2004,Tenuta il Poggione

    4) Non continuo con la litania, ma guardatevi la Sicilia, la Campania, la Puglia, la Lombardia, ecc… e vedrete che di differenze le troverete eccome.

    5) Infine chiudo dicendo che abbiamo scelto di indicare tre categorie nei vini perché quasi nessuno si sveglia la mattina e si vuole bere sempre e solo un Grande Vino, per cui guardate i Vini Slow e i Vini Quotidiani, per cui guardate anche queste.

  • Antonio Roma

    (13 ottobre 2010 - 11:12)

    Se uno guarda la premiazione dei vini slow e delle chiocciole la differenza con le altre guide è evidente. Come ha scritto Busiello è un’altra Italia del vino.
    La confusione nasce con i Grandi Vini.
    Cmq ha ragione, bisogna avere la guida in mano per valutare

  • fabiocimmino

    (13 ottobre 2010 - 11:25)

    Caro Giancarlo io l’unica obiezione che mi sento di fare leggendo tutta sta sfilza di riconoscimenti vari è che (come ho scritto all’amico Mauro Erro) ne è venuta fuori quella che a Napoli si dice una bella “MMESCAFRANCESCA”… esagerata, direi.

    • Mauro Erro

      (13 ottobre 2010 - 11:42)

      il punto è guardarli come premi o riconoscimenti.

      sono informazioni al lettore: le bottiglie quotidiane, così come la bottiglia a Villa Diamante, la cui gamma, dal punto di vista qualitativo è molto alta, giusto per fare un esempio.

    • Luciano Pignataro

      (13 ottobre 2010 - 11:44)

      ehm…siccome siamo letti anche un po’ fuori mi permetto di tradurre
      mmescafrancesca vuol dire confusione, miscela di cose divere tra loro:-)

  • Giuseppe P

    (13 ottobre 2010 - 11:51)

    Luca Maroni come consulente di comunicazione no?
    Non come degustatore, quello mai

  • Ida Budetta

    (13 ottobre 2010 - 12:56)

    La mia cantina, L’azienda agricola San Giovanni, ha ricevuto la Chiocciola, ne sono veramente contenta: un riconoscimento che ripaga un lavoro fatto con grandissima passione, legato al luogo meraviglioso, dove ho la fortuna di abitare, e che è diventato un tutt’uno col mio quotidiano.
    Ringrazio tutti i giornalisti e i degustatori che hanno saputo cogliere lo spirito che ci anima!!!

  • Enzo Vizzari

    (13 ottobre 2010 - 15:03)

    In totale serenità e col massimo rispetto per il lavoro di tutti, posso dire che in questa Guida non trovo proprio nulla di nuovo nè di originale?

    • Antonio Scuteri

      (13 ottobre 2010 - 15:14)

      Puoi dirlo, qui non c’è censura ;-)

    • Giancarlo Gariglio

      (13 ottobre 2010 - 15:39)

      Caro Enzo, in totale serenità e con il massimo rispetto, aspetta almeno di averla in mano!

      Giancarlo Gariglio

      • Enzo Vizzari

        (13 ottobre 2010 - 16:09)

        …certo Giancarlo, ma se viene presentata come tutte le altre Guide e cioè elencando i riconoscimenti (chiocciola, moneta, bottiglia) la sola differenza percepibile sta nella differenza dei simboli scelti, perché – come è stato rilevato – gli eletti paiono gli stessi di sempre…

        • Enzo Vizzari

          (13 ottobre 2010 - 16:11)

          …scusate per “differenza” ripetuto: non ho riletto…

        • Giancarlo Gariglio

          (13 ottobre 2010 - 16:15)

          Le chiocciole, ovvero il riconoscimento che verrà sottolienato con maggiore enfasi dalla grafica:

          Una regione su tutte.
          Lombardia: Ar.Pe.Pe., Sandro Fay, Togni Rebaioli, Il Pendio, Fausto Andi, Agnes

          Siamo sicuri che siano sempre gli stessi e non ne manchino alcuni?
          Con amicizia e stima
          Giancarlo

          • fabiocimmino

            (13 ottobre 2010 - 20:12)

            Caro Giancarlo,

            al massimo questa si chiama appropriazione indebita…

            Il PENDIO… Balestra… Porthos(quelli che dicono da almeno 10 anni quello di cui vi siete accorti solo ora…)..

            Ar.P..Pe: Ziliani, Giuliani (rima…)

            Scegli un’altra regione che è meglio… chessò la Campania ad esempio…

            Poi sul fatto di avere la guida tra le mani… Beh questo vale per tutte. Sono sicuro che anchel’Espresso al di là dei vini premiati sfogliando tra le pagine abbia altro da dire.

            Alcune tue affermazioni tipo il punto 2 le ho giuà sentite dal curatore di un’altra guida anzi no lka stessa guida fino a un anno fa…

            buona notte
            fabio

  • michele

    (13 ottobre 2010 - 21:21)

    se porthos facesse una guida…sarebbe molto più credibile…ma molto

  • monica

    (14 ottobre 2010 - 09:19)

    Non credo che le prime informazioni sulla guida le rendano merito. La lettura e il racconto, come ha detto Giancarlo, si capisce solo avendola in mano. Chi ne conosce il progetto editoriale da vicino, la differenza la vede tutta. A mio avviso chiocciole, bottiglie e monete servono solo a una rilettura veloce dei vini, nell’era degli ipertesti pensare di non dare una riconoscibilità grafica ad alcune sottolineature sarebbe grave errore. Indubbiamente facilita la lettura e per chi si vuol divertire facilita un minimo la comparazione. E’ un servizio per il lettore. Parliamo dunque di lettura veloce, fi qui. Poi viene quella lenta. E questa non manca. E’ una guida da leggere e non scorrere. Questa è la novità.

  • […] anni trascorsi al Gambero, è approdato a Slow Food Editore come curatore delle guide ai vini ( Slow wine ) ed alle Osterie […]

  • Slow wine 2011 ad Avellino | Foodie

    (4 dicembre 2010 - 18:33)

    […] sta girando l’Italia: dopo la presentazione nazionale, alla vigilia del Salone del gusto, Slow Wine sta toccando quotidianamente tutte le regioni. In progetto ci sono addirittura presentazioni in ogni […]

I commenti sono chiusi.