Spaghetti di Oldani al profumo di Norma | Staffetta estiva di Compagni di Blogger

Letture: 424
Spaghetti di Oldani al profumo di Norma

Ecco l’ultima ricetta della staffetta estiva di Compagni di Blogger: Spaghetti di Oldani al profumo di Norma di Appunti di cucina di Rimmel.

Sembrava facile se non banale trovare una ricetta con il pomodoro, l’ingrediente forse più usato al sud. Ma noi di Compagni di Blogger volevamo qualcosa di diverso e infatti in questa staffetta non è mancata la fantasia.

Chi conosce la mia cucina sa che amo gli alimenti semplici ed i piatti ancorati alla tradizione. Ho la fortuna di vivere in una terra ricca di prodotti e tradizioni e non è difficile venire sollecitati dai colori e profumi dei suoi frutti. La cottura della pasta nel sugo al pomodoro fresco ha le sue origini nella tradizione di famiglia quando mamma mi preparava la pastina o il riso cotto nel sugo passato di pomodoro fresco cosa che ho fatto spesso anch’io a mio figlio quando era piccolo, poi con il tempo avevo dimenticato questa tecnica di cottura.

Ho recentemente avuto il piacere di visionare un video in cui lo chef Davide Oldani mostrava proprio la cottura precedente descritta per il suo piatto di spaghetti al pomodoro” e allora i ricordi sono tornati.

L’ unica difficoltà nel realizzare questo piatto squisito è quella di dosare opportunamente la quantità di pomodoro ed acqua per ottenere una pasta scivolosa e ben condita ma assolutamente priva di quell’acqua in avanzo che ne inficia bontà oltre che l’ estetica. Sembra semplice ma è uno di quei piatti che come spesso dico bisogna “sentire” nelle mani per evitare anche di ritrovarsi la pasta scotta per aspettare che si asciughi tutto il sugo.  Ho voluto riprodurre questo piatto aggiungendo una delle verdura dell’ estate che più amo: la melanzana per amore che ho verso la pasta alla Norma e ho usato il metodo che il maestro Sica spiega nel forum gennarino per la cottura del pomodoro. Ho inserito le melanzane nel piatto in due diverse consistenze; fritta e frullata insieme al pomodoro e come chips croccante per guarnire .

E questo è il  suggerimento di L.Pignataro   per il vino che infinitamente ringrazio:

Per gli spaghetti alla Norma ci vuole un abbinamento territoriale. Adoro il Microcosmo 2012, un rosso siciliano ottenuta da uva Pericone di Marilena Barbera. Un vino che rispetta l’ambiente, buono, fresco, bevibile, dissetante su un piatto così complesso.


Questo piatto chiude la staffetta, ma vi ricordo i piatti di Maria, Rossana, CarisSaraAssuntaPasqualina pubblicate nei giorni precedenti…Alla prossima!

Spaghetti di Oldani al profumo di Norma

Di

Ingredienti per 2 persone

  • 200 g di spaghetti
  • 500 g di pomodori datterino maturi
  • 2 melanzane lunghe
  • 1 spicchio d'aglio
  • olio evo q.b.
  • basilico, sale e ricotta salata q.b.

Preparazione

Mettete i datterini in una pentola e schiacciateli con le mani. Fare sobollire a fiamma bassa per circa 10-15''.
Trascorso il tempo spegnete e passate i pomodori al passaverdure.
Riportate sul fuoco e continuate la cottura aggiungendo basilico e uno spicchio d'aglio, lasciate andare per altri 10' mescolando continuamente per ottenere la consistenza giusta.
Spegnete, regolate di sale e aggiungete altro basilico e l'olio.
Intanto friggete le due melanzane tagliate a cubetti e unitele al sugo, fate insaporire per alcuni minuti e passate di nuovo tutto al passaverdure.
Lessate la pasta per 3'.
Aggiungete al sugo mezzo bicchiere di acqua bollente e versate gli spaghetti prendendoli con una pinza e portateli a cottura girandoli continuamente.
Verso fine cottura se dovesse esserci troppo sugo aumentate la fiamma, ma non dovrebbe succedere.
Potete anche tenere un po' di sugo da parte che aggiungerete solo in caso di necessità.
Completate il piatto con ricotta salata grattugiata e basilico fritto.

Vini abbinati: Microcosmo 2012