Tramonti, il gran ritorno dell’Osteria Reale

Letture: 277
Gigino Reale con il fratello Gaetano

La prima bella notizia è che a Gigino Reale è ritornata la pancia. Quella pancia tonda e felice che ogni oste vero deve avere. La seconda bella notizia, in realtà, è all’origine della precedente. L’Osteria ha riaperto il 10 agosto, più in forma di prima – proprio come Gigino – dopo il brutto incendio della scorsa primavera. 

Osteria Reale, la vigna di fronte
La chiesa rupestre di Gete
Osteria Reale, il prato di fronte ai monti

C’è più luce, ora a Gete, la piccola frazione di Tramonti dove vivono le vigne, le terre e la passione della famiglia Reale. I lavori di ripristino sono stati fatti preservando il corpo principale della struttura, con la sala degli ospiti così com’era e una nuova saletta con camino che Gigino e il fratello Gaetano, che lavora con lui in sala, hanno destinato alle degustazioni.

Osteria Reale, la saletta per le degustazioni
Osteria Reale, la sala

Cotto artigianale, ceramiche di Vietri, tavoli e sedie in legno rustico per gli interni al pianterreno ma anche per le due camere al primo piano della locanda.
Queste splendide giornate di settembre regalano ancora il piacere di godersi il sole e il venticello ai tavoli fuori, tra le piantine di peperoncino e di menta. Persino il noce all’ingresso sembra aver acquistato vigore.

Osteria Reale, peperoncino, anche sui tavoli
Osteria Reale, il pozzo e l'accesso alla cantina

Per contro, nel menu troverete la storia di questo posto e di questa famiglia raccontata attraverso i piatti della tradizione.  A cominciare dalla “caponata”: piatto estivo poverissimo, con biscotto di pane di grano duro bagnato in acqua e condito con olio, sale, pomodoro, olive, origano e basilico.

Osteria Reale, la caponata

Oppure il “sarchiapone”, detto in genere delle persone grosse e un po’ stupide, per indicare la zucca lunga. Se cucinata da sola risulta infatti quasi insipida ma Gigino ha ripreso un’antica ricetta e la farcisce fuori e dentro con una leggera frittatina e un ripieno di ricotta e salsiccia, tanti pomodorini freschi e formaggio e una breve ripassatina in forno. Una vera bontà. E ancora, il tortino di fagiolini e patate, e uno dei classici, ormai, dell’Osteria: la parmigiana di melanzane e alici.

Osteria Reale, il "sarchiapone"
Osteria Reale, la parmigiana di melanzane e alici
Osteria Reale, tortino di patate e fagiolini
Osteria Reale, la selezione di olio
Osteria Reale, l'olio di Tramonti

Il pomodoro è buonissimo, come l’olio di Tramonti scovato da Gigino, e il pane, fatto in casa. Il profumo del basilico segna i piatti di tutto il pranzo. Il piatto della domenica, tradizionalmente di pasta fresca, è quello delle case della costiera amalfitana: lo dundero, gnocco con la ricotta grosso e morbido. Da Reale viene servito al ragù con il “sasicchione”, salsiccia semifresca con il colore e il profumo di peperone piccante oppure con la salsa povera originaria dei conventi: alici, noci e pecorino.

Osteria Reale, dunderi al ragu' di "sasicchione"
Osteria Reale, dunderi con noci, alici e pecorino

Piatti sapidi, abbondanti, nati per mettere insieme il poco che si aveva, oggi ricchezza incommensurabile di queste piccole comunità. Per i secondi saltiamo a malincuore il piatto di latticini freschi della zona per affrontare un ottimo capretto locale cotto nel Tintore e il coniglio imbottito. Carni impegnative, addomesticate grazie ai sapori di prodotti locali e cotte ancora come a casa.

Osteria Reale, il capretto con le patate
Osteria Reale, il coniglio imbottito

Si chiude con una crostata di stagione, con crema, mandorle e fichi freschi e il “fior di ricotta” al cioccolato.

Osteria Reale, crostata di fichi e mandorle
Osteria Reale, fiordiricotta al cioccolato

Tra i tavoli la simpatia e il sorriso di Gigino sono di grande compagnia, con la competenza del fratello Gaetano che si occupa dei vini, in primis quelli dell’azienda.

Osteria Reale, Aliseo
Osteria Reale Getis, , il rosato

C’è poco da fare. Il loro papà ha lasciato la sua preziosa eredità in buone mani. Ad avercene di figli così.

Via Cardamone, 75
Tel.089.856144
www.osteriareale.it

Aperto: a  pranzo e cena su prenotazione
Chiuso: mercoledì, mai in estate
Ferie: una settimana a febbraio e una a novembre
Prezzo medio: 35 euro escluse bevande

 

9 commenti

  • Antonio Prinzo

    (14 settembre 2012 - 10:49)

    Grande Gigino, anzi grandissimo e bravissimo. Che piatti!!!! Al rotondo amico un abbraccio e a presto prestissimo!!!!!!

  • Rino Di Maggio

    (14 settembre 2012 - 10:55)

    Post fata resurgo. Augurissimi, a presto rivederci, Rino e Tiziana.

  • Marco Contursi

    (14 settembre 2012 - 14:19)

    Come in un altro post ho parlato di una scortesia fattami da un ristoratore,in questo locale di Tramonti dieci anni fa mi fu fatto un piccolo gesto cortese che ancora ricordo con riconoscenza.La classe non è acqua.Grande Gigino e mitici gli ndunderi co sasicchione.

  • enrico malgi

    (14 settembre 2012 - 14:59)

    Un forte in bocca al lupo ai fratelli Reale, più in gamba che mai!

  • Lello Tornatore

    (14 settembre 2012 - 15:02)

    Giggì, sono situazioni che chi non vive in prima persona come noi (me e te), non può capire!!! Ma come si fa a non “arrotondarsi” stando tutti i giorni a contatto con questo ben di Dio??? Bello quel coniglio imbottito…ci sto facendo un pensierino, a prestissimo!!! ;-))

  • NINOTTO

    (14 settembre 2012 - 15:04)

    si mangia da dio ed anche le quantitè sono ottime: bravo gigino.

  • luciano pignataro

    (14 settembre 2012 - 19:41)

    Domenica sul Mattino si parla del fantastico bianco Aliseo, passato per la prima volta in legno per un terzo con un buon risultato.

  • Monica Piscitelli

    (14 settembre 2012 - 22:06)

    Ottimo Aliseo quest’anno. : )) Avevo avuto modo di complimetarmi con Gigino, davvero notevole. Di una delicatezza e personalità rara. Complimenti Luigi, son felice tu abbia realizzato a tempo di record un’Osteria anche più bella di come era. m.p.

  • pasquale pirani

    (15 settembre 2012 - 19:47)

    mi sa caro gigino che vengo a trovarti, un abbraccio amico mio

I commenti sono chiusi.