Vandàri 2006 Falanghina Sannio doc

Letture: 47

VENDITTI

Uva: falanghina
Fascia di prezzo: da 5 a 10 euro
Fermentazione e maturazione: acciaio

Delicata e sensuale, la Falanghina di Nicola rivela al palato più che al naso la sua vera essenza perché i profumi sono dolci ma poco intensi e persistenti mentre al palato il vitigno riprende rapidamente sopravvento creando delle nuove e inaspettate opportunità. Stiamo parlando di una delle più antiche  Falanghina campane imbottigliate, questo produttore leader fu infatti un pionere  del vino di qualità in zona assieme all’amico Ciabrelli in uno dei comuni più vitati di tutto il Mezzogiorno dove il reddito degli abitanti è davvero determinato dall’andamento vendemmiale. Da questo versante della Valle Telesina, sul lato opposto della zona del Taburno rispetto a Torrecuso dove comunque è sempre il massiccio montuoso divenuto parco naturale a dominare, escono vini meno potenti e più tenui, starei per dire meno moderni ma in realtà il termine giusto è meno concentrati. La Falanghina 2006 ha ancora una sua scompostezza legata al fatto di essere da poco in bottiglia, ma sicuramente l’evoluzione non potrà che farle bene e migliorarla con il passare del tempo: struttura, corpo e sapidità, alcol ben dosato e freschezza, sono le componenti in buon equilibrio che ne fanno un prodotto in ottimo rapporto tra qualità e prezzo. La beviamo sul prosciutto di Pietraroja o sul culatello di Faicchio scoperto da Clara Barra, uno degli ultimi food scout ancora in circolazione on the road.

Sede a Castelvenere, via Sannitica122. Tel. 0824 940306, fax 0824 940301. info@venditti.it, www.venditti.it. Enologo: Nicola Venditti. Ettari: 11 di proprietà. Bottiglie prodotte: 100.000.  Vitigni: aglianico, montepulciano, piedirosso, barbera, olivella, grieco, cerreto, falanghina