Villammare di Vibonati, Cilento. Cambio chef al ristorante La Cantinella sul Mare

Letture: 425
lorenza riccardi, violetta cheaga e alessandra carleo

Corso Italia, 129
Tel.  0973 365442 – Cell. 328 8266853

lacantinellasulmare@virgilio.it

Aperto a pranzo e a cena
Chiuso il lunedì
Coperti: 30
Lunch di mezzogiorno: 18,00 euro
Menù degustazione con sei portate: 40,00 euro, bevande escluse

di Enrico Malgi

Si dice che la fine di un amore porti inevitabilmente a rompere tutti i rapporti con l’ex persona amata e a considerarla da oggetto del proprio desiderio a nemica giurata. Nel settore della ristorazione assistiamo frequentemente al cambio di gestione in cucina, ma fortunatamente, a parte casi sporadici, di solito queste separazioni avvengono in modo pacifico ed indolore. E questo è proprio quello che è capitato a La Cantinella sul Mare di Villammare di Vibonati, dei fratelli Mario e Lorenza Riccardi.

mario riccardi

Un locale elegante e raffinato che in breve tempo è diventato un sicuro punto di riferimento per la ristorazione di alta qualità di tutto il Cilento. Per ragioni personali e professionali, il giovane e promettente chef Nando Melileo dopo alcuni anni
di militanza
ha dovuto lasciare il suo incarico, ma l’ha fatto con stile e signorilità e in pieno accordo con la proprietà, tanto è vero che, nonostante gli impegni assunti altrove, continua ad assicurare parzialmente la sua collaborazione e disponibilità. Ai fornelli adesso “comanda” Lorenza, coadiuvata da Violetta Cheaga, che, sull’abbrivo dell’esperienza maturata a contatto di gomito con Nando in tutti questi anni, opera sulla stessa falsariga della precedente linea di condotta gastronomica, assicurando così una precisa impostazione di continuità.

E non potrebbe essere altrimenti, visto il notevole successo che hanno sempre riscosso gli esemplari e famosi manicaretti preparati da Nando. E allora, insieme con gli amici Antonio Sorice e Giovanni Vittorioso, s’incomincia proprio con gli assaggi storici creati dallo chef salernitano, con piccole variazioni sul tema: Tortiera di alici al crunch croccante di carbone vegetale su coulis di pomodoro San Marzano, burrata di bufala e valeriana; cappuccino di mare con trito di seppie al nero, vellutata di patate di cava calcarea e caviale di Mujol; crostone di alici, con pane di Nemoli, alici di menaica, pancetta di Casaletto Spartano caramellata allo zucchero di canna e cipolla rossa di Tropea.

antipasto la cantinella sul mare

 

entree di benvenuto
pani

Che dire, ci troviamo sicuramente di fronte a delle preparazioni goduriosamente piacevoli e fantasiose, in cui gli ingredienti sono perfettamente amalgamati in un riuscito equilibrio di sapori. Il cappuccino, poi, è diventato l’icona e l’emblema di questo ristorante ed è giustamente la leccornia più richiesta dalla clientela. Si continua poi con il saccottino di alga di Capitello con ripieno di pescatrice al croccante; fiore di zucca ai gamberi rossi e fior di ricotta di bufala; e perle del fondale, in cui tutte le rimanenze dello sfilettamento dei pesci vengono cotte a vapore e preparate a mò di palline. Anche qui provo nette sensazioni edonistiche che appagano il palato. Arriviamo adesso ad un altro piatto intrigante e gustoso: la mattonella di gamberi rossi con sfogliatella aperta, fior di ricotta di bufala su pane raffermo rinvenuto di Nemoli e colatura di alici.

lorenza e mario riccardi e enrico malgi

 

mattonella di gambero rosso

Qui il gioco diventa divertente e ammaliante, perché i sapori sono diametralmente opposti, ma si sposano benissimo ed arrivano al traguardo tutti insieme a braccetto per la sacrosanta vittoria del palato. Diciamo una meta segnata dall’all black Jonah Lomu. E adesso sotto con i crudi di pesce: gamberi del golfo; seppia e melone; marinatura di tonno con guacamole di avocado; ricciola ai sali delle Alpi e karkadé su tagliata di agrumi e misticanza di verdurine e yogurt; ostrica con fragoline di bosco e Fiano di Avellino. Personalmente nutro una certa idiosincrasia per i crudi e, pertanto, cerco di evitarli.

cruditè

Ebbene, qui è stato d’uopo fare un’eccezione alla regola, perché la caleidoscopica preparazione del pesce freschissimo ha letteralmente conquistato la vista e il palato. Sublime!  Ecco avanzare adesso un tipico piatto cilentano rivisitato: la ciaurella con peperoni, pomodori, melanzane, patate e con polipo verace planciato alla piastra e insaporito con olio, menta e peperoncino. Semplicemente stupendo. Per primo è stato servito il riso Carnaroli mantecato con cacioricotta e sfusato e con crudo di gamberi rossi al pesto leggero di fragole e guarnito di fragoline di bosco.

ciaurella cilentana
riso carnaroli

Piatto golosamente accattivante nella sua semplicità. Si sa che i risotti non sono di pertinenza della cucina meridionale, ma questo piatto ricorda vagamente una preparazione costardiana. Credo che sarebbe piaciuto anche a Maffi, notoriamente intransigente al riguardo. Terminiamo la maratona con i dolci: quello ai classici frutti cilentani; un tiramisù al limone; e una chicca di carote con yogurt di Vannulo. Paradisiaci! L’impagabile Mario Riccardi, com’è suo consueto costume di esperto e navigato sommelier, ci ha voluto gratificare poi con una fantastica verticale di Fiano di Avellino di Guido Marsella: 2010, 2009, 2008, 2007, 2006 e 2005, che ha accompagnato meravigliosamente tutto il pasto. Divino!

batteria fiano di marsella la cantinella sul mare

In conclusione, ecco qui le mie personali impressioni: dopo questa ennesima performance, penso che la Cantinella possa essere annoverata tra i migliori ristoranti della provincia di Salerno. I piatti sono centrati e voluttuosi e rasentano la perfezione; la carta dei vini è ampia e soddisfacente; l’ambiente è confortevole, accogliente e ben curato, col respiro del mare giusto di fronte; il personale è attento, preparato e gentile. I prezzi abbastanza contenuti. La supervisione di Mario in sala, poi, è rassicurante, ma discreta.  E poi qui si provano sensazioni uniche e coinvolgenti che fanno conciliare col mondo intero. Alla fine si esce dal locale felici e appagati, tanto che si vorrebbe baciare ed abbracciare tutti quelli che s’incontrano per strada. Io mi sono imbattuto in un vigile che mi aveva appena multato per sosta vietata, eppure quasi l’ho ringraziato. In fin dei conti sono stato più fortunato di lui!…

pre dolce con frutti cilentani

Per ultimo mi corre l’obbligo di ringraziare personalmente il bravo e modesto Nando Melileo, cui va un grosso in bocca al lupo per la sua carriera. E poi, last but not least voglio ricordare Lorenza Riccardi, la quale si è impegnata tantissimo per assimilare le istruzioni e la tecnica di Nando e, visto i risultati di questo pranzo, credo in tutta franchezza che ci sia riuscita benissimo, apportando, comunque, il suo tocco personale a tutte le preparazioni. Brava e ad majora!


Foto di Antonio Sorice

18 commenti

  • enrico malgi

    (30 agosto 2012 - 16:08)

    Speriamo che Lello non venga a sapere della verticale di Marsella, altrimenti potrebbe obiettare che il Fiano di Avellino è sempre meglio di quello cilentano!
    E come dargli torto, dopo questa stupenda performance?

    • Lello Tornatore

      (30 agosto 2012 - 16:32)

      …ho visto, ho visto!!! Non speravo che da noto esperto in drupacee tu riuscissi anche ad “incominciare ad entrare” nel gotha dei vini di qualità…;-)))))))))))

  • enrico malgi

    (30 agosto 2012 - 16:39)

    Oh poffarbacco! Sono stato scoperto! La prossima volta chiederò a Mario una verticale di Pietraincatenata, che sicuramente reggerà il confronto…

  • lorenzo cortese

    (30 agosto 2012 - 22:46)

    Splendida performance… ma sorge spontanea la domanda: cosa si prova nel bere un bianco di 6 anni? Oltre ai sapori, odori e colori cosa si prova? Complimenti…

  • enrico malgi

    (31 agosto 2012 - 10:55)

    Caro sig. Lorenzo,
    diciamoci le cose come stanno, ma sottovoce, perché non vorrei che sentisse un certo amico che bazzica dalle parti di Forino. Come ho già avuto modo di sperimentare con la precedente e quasi analoga verticale l’anno scorso (mancavano gli anni 2009 e 2010), e di cui ne ho tratto un servizio apparso su questo blog il 22.05.2011, il Fiano di Avellino di Marsella è innegabilmente uno dei più longevi e appaganti vini autoctoni a bacca bianca d’Italia. Può sicuramente durare dieci anni e oltre se conservato adeguatamente. Ovviamente, questo vale anche per gli altri Fiano prodotti nella vocata e meravigliosa terra irpina.
    Le sensazioni che si provano nel degustare questi millesimi datati sono complessi e coinvolgenti. Vada a leggersi il report suindicato, per scoprire l’esame organolettico di ogni annata. Oppure si compri alcune bottiglie o, ancora meglio, vada a visitare la Cantinella sul Mare e vedrà che Mario Riccardi le riserverà un trattamento speciale a nome mio.
    Abbracci.

    • Lello Tornatore

      (31 agosto 2012 - 11:11)

      …non è mai troppo tardi…per gli oggettivi riconoscimenti!!! ;-)) Lorenzo, forse è meglio se va in anonimato da Mario Riccardi…;-)))))))))

  • enrico malgi

    (31 agosto 2012 - 12:46)

    Oh, ha sentito, mannaggia! E, per di più, ha dato il consiglio sbagliato, forse perché è invidioso…;-))))))).
    Non dia retta sig. Lorenzo, segua le mie direttive e vedrà che si troverà benissimo.

    • lorenzo cortese

      (2 settembre 2012 - 12:16)

      carissimi signori lello ed enrico… accetto tutti i vostri consigli. Credo proprio che tornerò alla cantinella consono delle raccomandazioni del sig lello, ma senza menzionare a Mario parola alcuna…
      Cordialmente ricambio i suoi abbracci…

  • Linda Basile

    (31 agosto 2012 - 20:27)

    Approfitto di questa bella recensione per rinnovare i complimenti alla splendida cucina della “Cantinella sul mare”. Leggendo l’articolo e guardando le foto è stato impossibile non ricordare con piacere l’esplosione di sapori che ho provato circa un mese fa cenando presso questo delizioso locale. Alla “Cantinella” ho trovato una perfetta sintesi di accoglienza, raffinatezza e gusto. Ringrazio ancora i fratelli Riccardi e tutto lo staff del ristorante per aver dato un tocco in più alla mia vacanza nel fantastico Cilento e mi riprometto di tornare presto da quelle parti … anche perchè mi restano ancora altre deliziose pietanze da provare! ;-)

  • Luigi

    (2 settembre 2012 - 15:41)

    Davvero belli,complimenti a tutti……

  • Rosa

    (3 settembre 2012 - 14:09)

    Ho avuto il piacere di vivere questa emozione…La Cantinella sul Mare…atmosfera magica e delizia dei sensi!
    Un posto elegante e di classe, l’ alta professionalità di tutto lo staff, l’accoglienza ed il servizio impeccabili, l’ eccellente cibo che impiattato diventa opera d’arte e l’ampia lista dei vini, a mio avviso, rendono questo locale unico nel suo genere.
    Complimentoni! :)

  • Clara

    (4 settembre 2012 - 22:26)

    Nene finalmente tre donne cilentane alla ribalta non avevo visto i piatti molto belli e fonde talmente CILENTANI

  • laura livan

    (5 settembre 2012 - 19:32)

    Letta la notizia ero sorpresa…ci sono stata pochi giorni fa e non ho notato differenze nella qualità, cortesia, attenzione e soprattutto nell’equilibrio di gusti di cui ogni piatto è caratterizzato. Effettivamente il “cappuccino” che normalmente avevo modo di assaporare questa volta non ci è stato servito…e forse il cambiamento e la novità del nuovo chef ha dato un velo di freschezza ai piatti che sono stati ancora più invitanti e gustosi! Non nascondo che amo La Cantinella sul Mare… sembra di entrare in un “solito” piccolo ristorante ed invece ti ritrovi coccolato nel gusto e nella cortesia che raramente si incontra! Per non parlare dei vini e rum che studiati per accompagnare piatto per piatto, dolce per dolce … momento per momento … danno quel “tocco in più” che pochi ristoranti hanno!

  • DEL DUCA ELENA

    (13 settembre 2012 - 23:32)

    incantevole locale dove l’atmosfera incantevole e fascinosa si accompagna alla bontà e alla delicatezza dei cibi. sapori meridionali esaltati ad arte.
    Grande maestria della cuoca Lorenza degna discepola del maestro Nando! Elena

  • Luigi Spagnolo

    (18 settembre 2012 - 18:13)

    Confermo tutto quanto scritto nell’articolo e anche di più :-) Il menu degustazione era favoloso, in special modo gli antipasti.
    Complimenti di nuovo alle chef!

  • Antonio Morabito

    (19 settembre 2012 - 00:45)

    Anche se dal lontano Guatemala vi seguo sempre, il dna di famiglia non smentisce mai! Augurissimi!

  • mario riccardi

    (20 settembre 2012 - 14:03)

    BELLO IL NIPOTINO MIO, ANZI NOSTRO, un grande in bocca al lupo anche a te. Anche noi ti seguiamo sempre con la mente e con il cuore.BACI TANTI.

  • […] Riccardi, La Cantinella sul Mare, Villammare di […]

I commenti sono chiusi.