I vini pugliesi de L’Astore Masseria

Letture: 123
Vini L'Astore Masseria
Vini L’Astore Masseria

di Enrico Malgi

E’ innegabile che la viticoltura pugliese negli ultimi venti anni abbia compiuto progressi enormi. Una sterzata sulla via della qualità che ha portato a riconsiderare i vini rossi autoctoni pugliesi da semplici “tagliatori” a prodotti di assoluta eccellenza richiesti in tutto il mondo. C’è da aggiungere che l’onda lunga del successo ha coinvolto in parte anche i vini rosati, un po’ meno i bianchi salvo qualche rara eccezione, che riguarda specialmente i vini prodotti con varietà aromatiche come la malvasia, il moscato ed il minutolo.

Controetichette Vini L'Astore Masseria
Controetichette Vini L’Astore Masseria

L’azienda agricola biologica L’Astore Masseria dei fratelli Benegiamo di Cutrofiano, nel Salento, produce una gamma di ottimi e vincenti vini territoriali, in cui spiccano proprio un eccellente bianco aromatico ed un rosato superlativo, che proprio in questi giorni ho avuto modo di assaggiare.

Krita Malvasia Bianca Salento Igp 2015 – Fermentazione e maturazione in acciaio per sei mesi e successivo affinamento in vetro. Tredici i gradi alcolici. Cromatismo giallo paglierino luminoso, con riflessi dorati. Profilo aromatico  in cui primeggiano profumi di frutta tropicale come l’avocado, il litchi e la papaya, accompagnati poi da sussurri floreali di lavanda e di glicine, da percezioni vegetali e da odori salmastri. Ingresso in bocca del sorso subito fresco, seducente, fragrante ed elegante e connotato da un centro bocca ampio e polposo. Giochi sapidi e leggermente minerali avviluppano poi tutto il cavo orale. Finale appagante e godibilmente pervasivo. Prezzo in enoteca di 8,00 euro. Da preferire come semplice aperitivo o meglio ancora su cruditè di pesce, linguine ai ricci di mare e formaggi freschi. Prosit!

Massaro Rosa Salento Negroamaro Igp 2015 – Circa quindici ore di macerazione a freddo delle bucce per estrarre un colore rosato cerasuolo carico e brillante. Poi sei mesi di maturazione in acciaio ed in boccia. Tasso alcolico di tredici gradi. Al naso salgono intensi ed inebrianti profumi fruttati di sottobosco e di visciole e poi di petali di rosa, di violetta e di macchia mediterranea. In bocca freschezza, di armonia, di morbidezza, di sapidità e di rimembranze fruttate e floreali. Modulato e piacevolissimo il retrogusto. Prezzo conveniente sugli 8,00 euro in enoteca. Da abbinare a latticini, pesce anche in guazzetto e carne bianca. Prosit!

 

Sede a Cutrofiano (Le) – Via G. Di Vittorio, 1

Tel. e Fax 0836 542020 – Cell. 392 5001000

info@lastoremasseria.itwww.lastoremasseria.it

Ettari vitati di proprietà: 13, più 4 in affitto

Bottiglie prodotte: 80.000

Vitigni: negroamaro, primitivo, aglianico, susumaniello, malvasia bianca e minutolo.