Vale 2018, Viticoltori Lenza, IGP Colli di Salerno, Aglianico Rosato, altri descrittivi

2/4/2021 549
Vale 2018
Vale 2018

di Galetti Marco

Del perché il rosato di Lenza ti prende all’amo.

Dalla vinificazione in bianco di sole uve Aglianico, sono nate nel 2018, a Macchia di Montecorvino Rovella, pendici dei Picentini, tremila bottiglie di questo rosato di nome Vale e di cognome Lenza.

La tradizione vitivinicola della Famiglia Lenza, inizia nel lontano 1881 con Stanislao Lenza, bisavolo di Valentino che oggi conduce l’Azienda con il supporto del figlio Guido, dell’Enologo Sergio Pappalardo e di Ida, moglie di Guido.

Oltre ad occuparsi delle vigne, i Lenza possiedono anche un allevamento di cavalli e producono un olio extravergine, DOP Colline Salernitane, estratto a freddo.

Questa famiglia, che con metodi via via più moderni, pigia l’uva da centoquarant’anni, è garanzia di serietà per il consumatore appassionato ed attento.

Quando ho chiamato in Azienda, per avere qualche informazione su questa bottiglia ricevuta in regalo da un amico, ho parlato con Guido che mi ha piacevolmente stupito per la sua gentilezza e disponibilità, ci sono persone che considerano i rapporti umani uno scopo per ottenere qualcosa, altre il cui scopo sono i rapporti umani e il resto arriva in modo naturale come l’uva sui tralci.

Tenuta Lenza, quanto amore nelle vigne… “cade l’acqua ma non mi spegne, voglio te”

Tenuta Lenza
Tenuta Lenza

Dall’amore per le vigne è nato questo rosato che profuma di fiori freschi, dall’acidità in equilibrio per nulla precario, una buccia di cipolla elegante, diciamo un rosa cipria con screziature oro, dalle dolci colline salernitane è arrivata alla mia tavola questa quota rosa, credo di averla trattata con galanteria facendole conoscere un guizzante salmone, sembravano fatti l’uno per l’altra…

Vale, controetichetta, ovvero il lato B di questa quota rosa

Vale, controetichetta
Vale, controetichetta

Questo post è dedicato alla mia amica Lucanina, una bella quota rosa che sta ristrutturando casa e il suo cuore, alla tua, cara Vale.

il mio calice di Vale e, ton sur ton, uno splendido medaglione di salmone appena scottato con pepe nero toscano e olio cilentano

Calice di Vale
Calice di Vale

5 commenti

    Marco Contursi

    Salmone guizzante…..in Lombardia forse che non avete il mare….qui c’è il cefalo. E guizza….e come se guizza…nonostante la taglia oversize. Per tutto il resto non è tempo, le ristrutturazioni si fanno in primavera, ma le stagioni climatiche non corrispondono a quelle cardiache. Ci sono inverni che durano a lungo anche qui al sud.

    2 aprile 2021 - 10:07Rispondi

    Mondelli Francesco

    @Il rosato Lenza ti prende all’amo.Bello vincere facile quando si ha il banco in mano per cui anche a parità di punteggio(stessa battuta) a perdere è sempre il giocatore.PS Premesso che anche nelle bottiglie preferisco il lato A quando si comincia a fantasticare sul lato B delle medesime vuol dire che i danni provocati da questa lunga ed interminabile cattività cominciano ad essere difficilmente quantificabili FM

    2 aprile 2021 - 11:40Rispondi

    Enrico Malgi

    E comunque l’amico brianzolo si sta rivelando un ottimo conoscitore di vini. alleluia!

    2 aprile 2021 - 16:12Rispondi

    Vale

    Aglianico, profumi, terre magiche e paesaggi che fanno bene al cuore!
    Non ci resta che brindare “all’amicizia, quella che Vale”

    7 aprile 2021 - 09:31Rispondi

      Marco Galetti

      Ah ah, la Lucanina è uscita allo scoperto…

      7 aprile 2021 - 10:19Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.