A Bacoli nasce la prima organizzazione di produttori del settore della Mitilicoltura in Campania

28/5/2021 235
Paolo Conte
Paolo Conte

La “OP Mytilus Campaniae” con sede a Bacoli è la prima associazione di produttori nel settore della mitilicoltura in Campania e la prima del Centro-Sud.

Importante traguardo raggiunto per la Marineria flegrea che conquista un prestigioso primato, costituendo la prima Organizzazione di Produttori di acquacoltura di mitili-cozze della specie mytilus galloprovincialis in Campania.

Con Decreto MIPAAF del 18 maggio 2021, pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 25 maggio 2021, l’ ”Organizzazione Produttori Mytilus Campaniae” ha ottenuto il riconoscimento ufficiale dal Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali.

La “OP Mytilus Campaniae” con sede a Bacoli è la prima associazione di produttori nel settore della molluschicoltura, e più specificatamente della mitilicoltura, in Campania, nonché la prima del Centro-Sud, commenta Paolo Conte, Presidente del Flag pesca flegrea.

Un vanto per tutto il comparto ittico campano. Le aspettative nel campo della mitilicoltura sono molte, spiega Conte, così come sono le sue potenzialità espresse dall’andamento dei dati contenuti nella ricerca, ma ancora numerosi restano i suoi nemici e scettici, soprattutto in quei contesti dove è stata svolta in maniera poco responsabile. Una messa in rete di una nuova cultura d’impresa, di una formazione dedicata e una programmazione possono creare un circolo virtuoso per interrompere un approccio all’acquacoltura di tipo tradizionale e localistico, trasformando nei fatti il settore da semplice “comparsa” nell’economia regionale in un soggetto protagonista di quel riposizionamento nazionale al quale la Regione Campania sta ormai dedicando da tempo molte sue energie.

Un plauso ai promotori della OP da parte dell’intero CdA e Soci del Flag Pesca Flegrea, ai quali va tutto il merito dell’instancabile tenacia tanto da perseverare in un progetto impensabile fino a poco tempo fa, convinto, conclude Conte, che questo importantissimo strumento possa finalmente segnare, dopo diversi anni di forte destabilizzazione del settore,  l’inizio di una nuova era di speranza per la Marineria flegrea.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.