AAA, Stellato cerca personale di sala. Ma dimentica un requisito fondamentale….

12/3/2017 7.6 MILA

Facebook

La vita su Facebook prosegue tra alti e bassi e capita cosi che Stefano Giancotti, amabile patròn dello stellato napoletano Veritas decida di mettere su Facebook un annuncio per il personale di sala. Cuochi, si sa, quanti ne volete, come i sociologi negli anni ’70. Ma gente impegnata nella sala è davvero difficile. Mi ha colpito leggere questa cosa su Facebook, ma i tempi cambiano ed è bene che sia così.
Ecco l’annuncio

____________________________________________________________________

AAA cercasi
Veritas cerca personale di sala

Ecco cosa ci serve:
-diploma di scuola superiore
-bella presenza, bel portamento
– avere max 25 anni
– relativa conoscenza del mondo della ristorazione o attrazione per lo stesso
– lingua inglese
– avere una buona manualità
– capacità di interagire con pubblico di tutte le età
– disponibilità, gentilezza, voglia di lavorare

Ecco cosa offriamo:
– prova di un mese per poter verificare l’attitudine lavorativa
– contratto di tirocinio per un anno
– eventuale assunzione part-time dopo il tirocinio

Ecco come fare:
– inviare il CV, facendo riferimento a quest’annuncio, ESCLUSIVAMENTE via mail, all’indirizzo info@veritasrestaurant.it (i cv portati pro manibus non saranno presi in considerazione) e attendere una nostra risposta per un eventuale colloquio.

________________________________________________________

Mi auguro che Stefano e il Veritas trovino quello che cercano, è un locale che amiamo anche se non riusciamo, come per tutto, a frequentarlo quanto vorremmo. Però manca una cosa tra i requisiti. Sapete quale? Questo:

DISPONIBILITA’ A CANCELLARE IL PROPRIO PROFILO FACEBOOK PER NON COINVOLGERE IL LOCALE IN ASTI PERSONALI O COLLETTIVI COME IL TIFO PER LA SQUADRA, SCONTRI POLITICI E POLEMICHE INUTILI.

Ecco, sarò, lo ripeto, all’antica, ma per me il modello di sala è rappresentato da gente come Borghesi e Giraudo o Tasinato, professionisti che ci sono grazie alla capacità di non imporsi, capaci di mantenere uno stile adeguato al luogo dove lavorano. Vabbè, magari cancellare il profilo personale è una esagerazione nell’epoca della social-idiozia in cui uno se vede i ladri in casa fa un post invece di chiamare la polizia, ma almeno impegnarsi ad avere un contegno, lasciare solo messaggi positivi.
Chiedo troppo?
Si, lo slogan della mia gioventù è stato: siamo realisti, chiediamo l’impossibile. In questo caso, si tratta di volere il possibile, uno che in sala è perfetto ma che non si trasforma in Mr Hyde quando apre il profilo facebook insultando i clienti per la fede sportiva, quella politica, il credo religioso o anche per lanciare anatemi.
No, così non funziona.

3 commenti

    Pina

    (12 marzo 2017 - 16:41)

    Salve
    Al di la di come si cercano i profili lavorativi,che puo essere accettato nel mondo social,ma ho letto bene?
    Si cercano persone promettemti con tanta voglia di lavorare e che parlino almeno una lingua,bel portamento etc etc…
    poi si offre un mese di prova (e ci sta ,bisogna tutelarsi da varie cantonate),poi viene il bello ,un tirocinio per un anno,(e vabbe tanto io giovane motivato sto lavorando in un ristorante stellato dove ci sarà un grande maitre che mi insegnerà tante cose,quindi devo avere “pazienza”e fare tanta “gavetta”perche se ami questo lavoro hai bisogno di fare sacrificio),alla fine dell anno se tutto va bene, (non so dopo un anno potrei essere diverso e diventare poco motivato,dopo aver aspettato un anno di tirocinio),arriva la mia grande gratificazione, un contratto “part Time(evviva ,magari nel frattempo ho gia circa 24/25 anni e un futuro roseo davanti),che che se ne dica in tutti i ristoranti impotanti o meno che io ho frquentato hanno ragazzi che non lavorano mai meno di otto/nove ore al giorno se fai un turno di apertura,poi se fai il doppio turno non ne parliamo propio.
    Sicuramente questo lavoro ha bisogno di grandi sacrifici,sento dire e a volte leggo di grandi camerieri che ci dicono che con questo lavoro bisogna essere” sposati”,ma dove è la gratificazione per tutto questo sacrificio? E i Sign. ristoratori cosa fanno per puntare su persone capaci,tenendosi stretti ragazzi talentuosi?,e parlo anche e soprattutto per la ristorazione napoletana, ah giusto un lungo tirocinio e dopo un part time …però ti raccomando se sfori le 4/6 ore al giorno quello mettilo in conto ma come sacrificio per lavorare in questo grande settore.
    I grandi ristoranti,non sono grandi per il luogo,ma per le persone che ci lavorano,e se un ristorante funziona ,è dovuto alle persone che ci lavorano e che facendo squadra con entusiasmo rendono un ristorante piu bello e più accogliente rispetto ad un altro
    Uliassi in una intervista disse:”Io sono Uliassi perchè lavoro da piu di quindici anni con le stesse persone,per me sono una famiglia e con loro interagisco per far si che le cose vadano bene..”
    Chi sa quanti di loro lavorano da quindici anni nello stesso posto,con lo stesso entusiasmo, a livelli altissimi,…Per un part time.
    Scusate lo sfogo,ma la vita è un dare e avere,anche nella ristorazione.

    Giacomo Gironi

    (12 marzo 2017 - 18:39)

    Ciao tutti.

    Non mi é ben chiaro pe quale ragione uno dovrebbe cancellare il proprio profilo.

    I social fanno parte di quella che confindustria chiama “Rivoluzione 4.0” riferendosi, come é ovvio ad una quarta rivoluzione industriale in atto ed in essere, quella tecnologica.

    Il senso di questa mia sta nell’ineluttabilità del vivere occidentale in più realtà contemporaneamente.

    Chi annega nella volgarità sui social di sicuro non sarà un principe delle buone maniere nella vita pubblica, ma ciò non significa che chi é diretto sui social non possa mitigare la sua opinione in pubblico. Forti del fatto che nessuno di noi é il modello “0” della contemporaneità, neanche i creatori stessi della medesima.

    Sul tema della proposta di questo ristorante, come di altri Nmila, il difetto ce l’ha nella struttura della richiesta.

    Ti serve personale di sala? Quale?

    Se hai bisogno di un tirocinante devi rivolgersi alle scuole e agli istituti specializzati.

    Sceglie una via di comodo (da formatore di personale di sala, non lo biasimo, da restaurant manager si. E già siamo 2 in una persona ;))

    C’è da dire altresì che un tema sul quale concordo in pieno, é la scarsa capacità di adattamento dell’ attuale nova sala.

    Grazie.
    GG

    Diodato Buonora

    (14 marzo 2017 - 17:16)

    Questo annuncio è uno dei motivi della mancanza del personale di sala. Lo cercano giovane, bravo, bello, preparato e lo vogliono pagare molto poco. Io mi vergognerei di mettere un annucio del genere.

I commenti sono chiusi.