ALMA e l’appello delle 20 Scuole d’Eccellenza al governo

29/4/2020 717
Card scuole mestieri - ALMA e l'appello delle 20 Scuole d'Eccellenza
Card scuole mestieri – ALMA e l’appello delle 20 Scuole d’Eccellenza

Tornare ad insegnare il prima possibile in totale rispetto delle norme di sicurezza.
20 prestigiose Accademie di Arte & Mestiere italiane lanciano un importante appello alle Istituzioni nazionali affinché, nel panorama generale dell’Istruzione, si valuti la sostanziale specificità di queste realtà di alta formazione, grande patrimonio di cultura e di imprenditoria.

Sono oltre 20 le realtà formative di eccellenza nel campo dell’artigianato, della manifattura e dell’ospitalità in Italia che hanno sottoscritto l’appello promosso da ALMA – La Scuola Internazionale di Cucina Italiana – volto a sensibilizzare le Istituzioni sulla necessità di adottare delle misure specifiche in merito alla riapertura della propria attività didattica.

Come indicato nell’Appello: “Siamo ovviamente consci del bene supremo della Salute Pubblica e siamo altresì preparati ad agire nel massimo rispetto delle norme igienico sanitarie che verranno imposte. Tuttavia non possiamo esimerci da far sentire la nostra voce e lanciare questo messaggio. Pur rendendoci conto delle esigenze dettate dall’emergenza, siamo infatti fortemente preoccupati che l’orientamento prevalente sia quello di riaprire in blocco il settore scuola a settembre. Questa prospettiva per realtà come le nostre, che in gran parte sono costituite da imprese private, rappresenterebbe un danno gravissimo”.

Ciò che viene chiesto all’interno della lettera inviata alla Presidenza del Consiglio dei Ministri ed ai Ministeri competenti, è di optare per un distinguo in termini di riapertura tra le scuole di ogni ordine e grado, i master e le strutture che possano eventualmente erogare in ogni caso la loro formazione anche online e le realtà come le accademie il cui impianto didattico si regge in massima parte su attività di tipo laboratoriale.

Il messaggio è stato veicolato con il prestigioso sostegno della Fondazione Cologni, realtà sostenitrice dell’alto artigianato e promotrice con ALMA del MAM – Maestro di Arte & Mestiere, il più importante riconoscimento italiano per i professionisti che hanno la missione di tramandare il sapere artistico e artigianale d’eccellenza del nostro Paese.

Di seguito sono riportate le Scuole di alta formazione che hanno sottoscritto l’iniziativa e la loro area di competenza.

  1. ALMA La Scuola Internazionale di Cucina Italiana – Ospitalità – Colorno (PR)
  2. Academia Cremonensis – Liuteria – Cremona
  3. Accademia Nazionale dei Sartori – Sartoria – Roma
  4. Accademia Teatro alla Scala – Mestieri dello spettacolo – Milano
  5. Arsutoria School – Calzatura e pelletteria – Milano
  6. Fondazione ForModa – Sartoria – Pescara
  7. Galdus Accademia Orafa – Oreficeria – Milano
  8. Istituto Secoli Moda e Sartoria – Milano
  9. LAO Le Arti Orafe – Oreficeria – Firenze
  10. Palazzo Spinelli – Restauro – Firenze
  11. Politecnico Calzaturiero – Calzatura e pelletteria – Capriccio di Vigonza (PD)
  12. Sacred Art School – Arte sacra – Firenze
  13. Scuola del Cuoio Firenze – Pelletteria – Firenze
  14. Scuola del Vetro Abate Zanetti – Vetro – Murano (VE)
  15. Scuola Mosaicisti del Friuli – Mosaico – Spilimbergo (PN)
  16. Scuola Orafa Ambrosiana – Oreficeria – Milano
  17. SIAM 1838 – Sartoria – Milano
  18. TADS – Tarì Design School – Oreficeria – Marcianise (CE)
  19. Associazione Villa Fabris Centro Europeo dei Mestieri del Patrimonio – Thiene (VI)
  20. MAC Mestieri d’Arte Contemporanei – Biella

Sostengono questo appello anche:

  • CAST Alimenti
  • Intrecci – Alta Formazione di Sala

Appello Scuole Arte & Mestiere Italiane

Alla cortese attenzione di
PRESIDENTE DEL CONSIGLIO – Signor Presidente/Onorevole Giuseppe Conte
MINISTERO DELLA SALUTE – Ministro Onorevole Roberto Speranza
MINISTERO DELL’ISTRUZIONE, DELL’UNIVERSITA’ E DELLA RICERCA – Ministra Onorevole Lucia Azzolina MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO – Ministro Onorevole Stefano Patuanelli
MINISTERO PER I BENI E LE ATTIVITA’ CULTURALI E PER IL TURISMO – Ministro Onorevole Dario Franceschini

Con il presente Appello, gli Istituti di Arte e Mestiere (Scuole o Accademie), con il supporto della Fondazione Cologni dei Mestieri d’Arte di Milano, desiderano far presente alle Autorità in indirizzo, la sostanziale diversità delle nostre realtà formative rispetto alle modalità con cui vengono somministrate le lezioni da parte delle Scuole pubbliche e Università basate sostanzialmente su un insegnamento teorico, rispetto alla prevalente modalità esperienziale e pratica che caratterizza la nostra didattica.

La nostra preoccupazione deriva ovviamente dagli effetti che potrebbero avere le ultime disposizioni in materia di apertura e chiusura del sistema scolastico che se così applicate, in modo generalista, potrebbero procurare dei danni alle nostre realtà di gravissimo rilievo.

Sottolineiamo che la didattica di queste strutture formative in cui si insegnano e tramandano i mestieri d’arte della tradizione italiana, fondamento imprescindibile del nostro Made in Italy, è fortemente e prevalentemente basata sull’attività pratica di laboratorio e che gran parte delle nostre Scuole occupano un gran numero di dipendenti, aiutando inoltre lo sviluppo ed il mantenimento dell’occupazione di molti giovani che proprio per il mezzo dei nostri percorsi formativi, trovano importanti lavori in Italia ed all’estero.

A tal proposito i firmatari del presente Appello si fanno estensori della richiesta di una misura specifica per le nostre realtà, rispetto a quanto attualmente deliberato nella recente normativa (riferimento del DCPM Scuola).

L’esigenza delle Scuole qui rappresentate è quindi quella di aprire il prima possibile un tavolo di confronto per ricercare una soluzione che, pur nel rispetto dei temi di sicurezza della salute che evidentemente sono oggi prioritari, possano venire incontro anche alle esigenze delle nostre strutture.

Dobbiamo in tutti i modi evitare il danno gravissimo, in alcuni casi irrimediabile, che deriverebbe alle nostre realtà, con una perdita straordinaria di competenze e di professionalità che il Paese soprattutto in questo momento crediamo non possa assolutamente permettersi.

Certi di trovare attenzione e ascolto, ci rendiamo subito disponibili per un dialogo al fine di trovare congiuntamente soluzioni con tutta l’urgenza possibile.

Per contattare gli estensori di questa lettera si prega di scrivere a [email protected] oppure telefonare allo 0521-525257.