Antica Osteria Marconi a Potenza: ode alla leggerezza gourmet di Giuseppe Misuriello

8/8/2017 3 MILA
Antica Osteria Marconi, Giuseppe Misuriello - foto di Michele Abriola
Antica Osteria Marconi, Giuseppe Misuriello – foto di Michele Abriola

di Novella Talamo

Una bella giornata estiva ci porta a Potenza, capoluogo lucano con un elegante centro storico che offre la possibilità di passeggiare piacevolmente lungo via Pretoria, la strada dello shopping che ruota intorno alla piazza intitolata a Mario Pagano, giurista lucano martire della Repubblica Partenopea, su cui tra l’altro si affacciano il palazzo della Prefettura, il Teatro Francesco Stabile e l’edificio dove ha sede la redazione potentina della Gazzetta del Mezzogiorno.

Potenza, Piazza Mario Pagano
Potenza, Piazza Mario Pagano

 

Proprio qui a Potenza, in una zona vicina al tribunale, nel 1994 nasce l’Antica Osteria Marconi su idea del compianto Frank Rizzuti scomparso prematuramente nel 2014. Inizialmente sorta come trattoria tipica viene poi indirizzata sulla strada di una cucina con impronta gourmet.

Nel 2005 Giuseppe Misuriello rileva la proprietà occupandosi sia della sala che della cantina e operando con la consulenza di Frank Rizzuti fino al 2013. Dal 2014 prende le redini anche della cucina.

Sin dall’inizio il suo obiettivo è stato quello di proporre una cucina incentrata sul territorio senza però che questa ne rimanesse imbrigliata.

Infatti certamente i piatti sono volti a valorizzare le eccellenze e le tipicità locali grazie alle migliori materie prime reperibili sul mercato, tuttavia ampio spazio viene dato anche a prodotti e ingredienti di spessore non lucani.

In carta troviamo piatti con l’agnello delle dolomiti lucane, il maiale nero, i fagioli di Sarconi, i peperoni cruschi di Senise, il baccalà, il canestrato di Moliterno, il caciocavallo podolico ma anche, ad esempio, la salsa olandese o la maionese di yuzu e il ponzu che strizzano l’occhio al Sol Levante.

Il menu cambia stagionalmente, quindi almeno quattro volte nell’arco dell’anno. A pranzo dal martedì al sabato viene servita la colazione di lavoro che varia ogni settimana.

Tre i menu degustazione disponibili, uno interamente di territorio a 32 euro (“Basilicata”, due antipasti, un primo, un secondo, un dolce e la piccola pasticceria), uno a 38 euro (due antipasti, un primo, un secondo, un dolce e la piccola pasticceria) e un altro a 48 euro (tre antipasti, due primi, un secondo, un dolce e la piccola pasticceria).

La sala, che all’interno è di 35 posti, è arredata in uno stile che crea un’atmosfera accogliente dal gusto vintage, con complementi di arredo classici che ben si integrano con dettagli dal sapore moderno. Il servizio è garbato ed efficiente.

Antica Osteria Marconi, la sala
Antica Osteria Marconi, la sala

Con la bella stagione si può pranzare e cenare in un giardino fiorito e ben tenuto dove vengono coltivate le erbe aromatiche utilizzate per la preparazione dei piatti.

Antica Osteria Marconi, il giardino con le erbe aromatiche
Antica Osteria Marconi, il giardino con le erbe aromatiche
Antica Osteria Marconi, i fiori in giardino
Antica Osteria Marconi, i fiori in giardino

Buoni e fragranti sia i pani che i grissini.

Antica Osteria Marconi, pane e olio
Antica Osteria Marconi, pane e olio
Antica Osteria Marconi, grissini
Antica Osteria Marconi, grissini

Il pranzo si apre con un benvenuto composto da baccalà mantecato, gelo di fragole e olive di Ferrandina disidratate dove l’acidità del frutto prepara le papille gustative nel migliore dei modi per l’assaggio delle successive portate.

Antica Osteria Marconi, benvenuto
Antica Osteria Marconi, benvenuto

A seguire gli antipasti, esplosione di freschezza con i gamberi rossi del Mediterraneo su una soffice crema di bufala e croccanti carciofi bianchi e un polpo arrostito in modo impeccabile servito con crema di cavolfiore e ponzu.

Antica Osteria Marconi, crema di bufala carciofi bianchi e gamberi rossi del Mediterraneo
Antica Osteria Marconi, crema di bufala carciofi bianchi e gamberi rossi del Mediterraneo
Antica Osteria Marconi, polpo arrostito, crema di cavolfiore e ponzu
Antica Osteria Marconi, polpo arrostito, crema di cavolfiore e ponzu

Passiamo ai primi. Abbiamo assaggiato gli spaghetti Benedetto Cavalieri alle vongole veraci, un grande classico reinterpretato in chiave contemporanea pur conservando la propria importante identità. “Prospettiva chiara, fresca e ben condita…” (Anto Ego nel film d’animazione Ratatouille). Notevole la sensazione vellutata e fluida in bocca grazie al sapiente incontro tra le vongole frullate e l’amido della pasta.

Antica Osteria Marconi, spaghetti Benedetto Cavalieri alle vongole veraci
Antica Osteria Marconi, spaghetti Benedetto Cavalieri alle vongole veraci

Saporiti i mezzi paccheri Gentile con asparagi, ricciola e le foglioline di menta che conferiscono un bel tratto di freschezza.

Antica Osteria Marconi, mezzi paccheri Gentile asparagi, ricciola e menta
Antica Osteria Marconi, mezzi paccheri Gentile asparagi, ricciola e menta

Per secondo maiale nero lucano con radicchio e pistacchi, un piatto che mostra il rispetto dello chef per la materia prima locale cotta in modo tale da esaltarne la tenerezza e il sapore.

Antica Osteria Marconi, maiale nero lucano, radicchio e pistacchi
Antica Osteria Marconi, maiale nero lucano, radicchio e pistacchi

In chiusura una rivisitazione della cassata siciliana, una sorta di scomposizione degli elementi che compongono l’intramontabile classico, operazione che la alleggerisce riuscendo, al contempo, a preservare intatte tutte le note gustative e olfattive tipiche di questo dolce che ci fa approdare, sebbene restando fermi, direttamente sulle coste isolane.

Antica Osteria Marconi, rivisitazione della cassata siciliana
Antica Osteria Marconi, rivisitazione della cassata siciliana

Tra gli altri dolci in menu lingotto croccante, cioccolato bianco e nero, lamponi e passion fruit, tiramisù 2017 con biscotto di mandorle e caffè caldo, semifreddo al torroncino, gel di arancia e frutti di bosco e terra di cioccolato, gelato al caramello e menta.

Antica Osteria Marconi, coccole finali
Antica Osteria Marconi, coccole finali

La lista vini comprende circa 500 etichette con una evidente preponderanza dei vini lucani e del Sud in generale e un occhio particolare verso i vini naturali. Non mancano anche referenze estere di ottimo livello.

La mano di Giuseppe è sicura e leggera, ci si alza da tavola con palato e mente appagati, senza alcun senso di appesantimento. In ogni pietanza emerge la cura millimetrica e quella parte di cuore che è indispensabile a far fare il salto da un piatto ben pensato e ben eseguito a un grande piatto. Un’esperienza che non si dimentica.

Antica Osteria Marconi
Via G. Marconi, 233
Potenza
Tel.: 0971.56900
www.anticaosteriamarconi.it
Chiuso domenica sera e lunedì
Ferie: due settimane variabili solitamente in agosto


Foto di Novella Talamo

2 commenti

    Luciana

    (8 agosto 2017 - 19:51)

    Chapeau !!

    Denny

    (9 agosto 2017 - 05:19)

    Questa e’ la Basilicata da scoprire, un posto che vale la pena raggiungere se siete in zona nord dal Vulture in giu’ ma che vale anche una deviazione apposita.
    Ottimi piatti con un ottimo rapporto qualita’/prezzo, bellissimo poi il giardino mangerete in una piccola oasi di pace e tranquillita’.
    Carpe diem

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *