Biancofiore Fiano Daunia Igp 2014 Kandèa – Azienda Agricola F.lli Tullio Cataldo – Secondo classificato a Radici del Sud 2016

13/11/2016 952
Biancofiore Fiano Daunia Igp 2014 Kandea
Biancofiore Fiano Daunia Igp 2014 Kandea

di Enrico Malgi

Azienda vitivinicola molto giovane quella di Kandèa, nata nel 2005 a Candela nella Daunia, per merito di Francesco Tullio Cataldo e dei suoi figli Antonio e Nicola. La proprietà, però, insiste sul territorio foggiano da molte generazioni e conduce circa settecento ettari di terreno (di cui venti vitati) posizionati nella cosiddetta “Terra di Mezzo” al confine tra la Puglia (Daunia), la Campania (Irpinia e Sannio) e la Basilicata (Vulture).

Controetichetta Biancofiore Fiano Daunia Igp 2014 Kandea
Controetichetta Biancofiore Fiano Daunia Igp 2014 Kandea

Le viti sono allevate ad una quota di 250 metri di altezza; vitigni soltanto autoctoni e uve lavorate in una cantina moderna e tecnologica, che danno luogo a vini di eccelsa qualità. Come il Biancofiore Fiano Daunia Igp 2014, che all’edizione 2016 di Radici del Sud è stato insignito del secondo posto assoluto da parte della giuria dei Giornalisti nella categoria “Fiano”.

Sei mesi in acciaio e tre mesi in vetro per la maturazione. Tenore alcolico di tredici gradi. Prezzo della bottiglia di circa 11,00 euro ben spesi.

Il colore è segnato da un giallo carico quasi dorato, nonostante la giovane età del vino. Ed anche l’impatto olfattivo è sintomatico, perché l’espressione aromatica è connotata da riverberi di agrumi, di melone, di pesca, di fiori bianchi, di eucalipto e d’infiltrazioni erbacee, che s’intrecciano poi a note minerali. Il sorso è morbido e delicato. Segue una buona dose di acidità regala al palato una fresca sensazione. La tensione gustativa prosegue con una progressione ritmata, seducente ed elegante.  Vino davvero interessante.

Io l’ho abbinato ad un bel risotto alla zucca, ma vanno bene anche una grigliata di pesce, carne bianca e latticini. Prosit!

 

Azienda Agricola F.lli Tullio Cataldo
Sede a Candela (Fg) – Contrada Piscioli
Tel e fax 081 2403614 – info@kandea.itwww.kandea.it
Enologo: Angelo Pizzi
Ettari vitati: 20 – Bottiglie prodotte: 120.000
Vitigni: aglianico, nero di troia, fiano, greco, falanghina e bombino bianco.

 

3 commenti

    pierobianco63

    (13 novembre 2016 - 09:53)

    ben arrivata a questa nuova Azienda pugliese
    ma la domanda sorge spontanea si tratta di fiano campano o di fiano Minutolo?

    Enrico Malgi

    (14 novembre 2016 - 09:16)

    Naturalmente si tratta dello stanziale fiano pugliese di origine irpina, con cui la Daunia confina. Il minutolo, come certamente saprà, si alleva in Valle d’Itria. Cordiali saluti.

    Enrico Malgi

    (14 novembre 2016 - 15:06)

    Ho dimenticato di aggiungere prima che il minutolo è proprio un vitigno a sé stante rispetto al fiano, perchè si tratta di una varietà aromatica prettamente pugliese, La confusione nasce dal fatto che ancora adesso sull’etichetta della bottiglia viene riportata erroneamente la dizione “Fiano Minutolo”.

I commenti sono chiusi.