Bischerate d’estate 016, vestivamo alla marinara, come il mio risotto

9/7/2020 468
Risotto alla Marinara
Risotto alla Marinara

di Marco Galetti

Vestivamo alla marinara, come il mio risotto… chi ha letto il libro di Susanna Agnelli mi capirà, percepirà la mia sottile malinconia… certo erano altri tempi, altri modi, un’altra classe, il mondo andava più lentamente, la parola data aveva ancora un senso e l’onestà intellettuale era prerogativa di molti e non, come oggi, rarità fuori moda di cui vergognarsi… mah…

 

La premessa è che il risotto alla marinara era davvero molto buono quindi posso parlare a cuor leggero e a pancia piena, ma devo raccontare di come certi atteggiamenti scorretti di taluni ristoratori potrebbero avere un effetto boomerang altamente nocivo.

 

Prenoto io per voi, mi dice Claudio, conosco benissimo il proprietario…

Mi raccomando, gli dico, un angolo come si deve…

Vi ho fatto riservare un tavolo grande in veranda, in modo possiate godervi la serata, poi vi raggiungo con un’amica per il caffè e un distillato.

 

Il mio amico, durante il periodo estivo, prende quasi tutti i giorni cibo d’asporto in questo locale e, talvolta, quando non cena altrove o nel giardino della sua villa, si accomoda da solo o in compagnia in questo ristorante godendosi una buona bottiglia e dell’ottimo (devo convenire) pesce.

 

La logica dice, visto che chi mi manda spende migliaia di euro a stagione in questo locale in riviera, che l’accoglienza sarà non solo come si deve e come si dovrebbe, di più.

 

Invece mi hanno riservato un piccolo tavolo del [email protected], in una posizione del [email protected], dimostrando di non capire un [email protected]

 

Il mio amico ha preso metaforicamente per un orecchio il ristoratore sussurrandogli parole chiarificatrici.

5 commenti

    Francesco Mondelli

    Diverso sarebbe stato se l’avesse “mandato Picone “c’e un mondo dove vale ancora una “certa”raccomandazione.PS Ho la vaga impressione che qualche terrone sentendosi tradito dalla sua decisione non se ne è fatta una ragione ma abbia tramato con qualche stregone per sabotarle le meritate vacanze della bella stagione.FM

    9 luglio 2020 - 13:29Rispondi

    Marco Galetti

    Un uomo con i baffi furbo come una volpe…

    9 luglio 2020 - 13:38Rispondi

    Enrico Malgi

    Peccato, sono stato scoperto purtroppo. Per rimediare ti propongo, al ritorno dalle vacanze di lavoro salentine, di portarti in qualche ristorante di mia conoscenza. Vedrai che là starai benissimo. Ad onore del vero io te lo avevo detto, ma tu non mi hai dato ascolto: lascia stare siti diversi, vieni subito qui nel Cilento se vuoi godere un’ottima vacanza post-coronavirus. E come vedi hai avuto torto. Così impari la prossima volta. Mi dispiace soltanto per la tua gentile e dolce metà.

    9 luglio 2020 - 15:16Rispondi

    Marco contursi

    Vogliamo sapere il testo delle paroline chiarificatrici

    9 luglio 2020 - 15:50Rispondi

    Marco Galetti

    @Contursi, non me le ha riferite, in fondo ero più dispiaciuto per lui che per me, comunque ci sono tornato a cena e hanno cambiato marcia così hanno mantenuto un cliente e ne hanno acquisito un altro.
    @Malgi, il Cilento s’avvicina

    9 luglio 2020 - 19:04Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.