Blanc de Morgex et de la Salle 2008, il bianco più alto d’Europa a piede franco

22/6/2020 624
Blanc de Morgex et de La Salle 2008
Blanc de Morgex et de La Salle 2008

Il gioco più bello per un appassionato di vino è simile a quello del bibliofilo: dimenticarsi le bottiglie come i librie scoprirle, magari per caso, dopo qualche anno. Stavolta dopo 12 stagioni, per fare posto a nuovi ingressi mi cade in mano questa bottiglie dal prezzo modesto, impossibile ricordarmi come sia finita in cantina. Ma tant’è, decido di portarla con me per il pranzo domenicale in riva al mare. Un destino particolare per questo bianco ottenuto dal vitigno Prie Blanc, considerato il più lto d’Europa perchè coltivato fra i 900 e i 1200 metri nei due comuni citati in etichetta.
Sulla carta, e tale consigliato, da bere fresco: uno, massimo due estati dopo la vendemmia.
Eppure, penso, questo vino ha particolarità assolutamente rare: nasce in alto alle falde del Monte Bianco, dunque tra le uve favorite dal global warming ed è a piede franco perchè a questa altezza la fillossera non attacca. Fosse dall’alta parte del confine, quanto valore commerciale gli darebbero i francesi?
Stappo convinto di essere ripagato bene dal tempo trascorso e non mi sbaglio: il tappo è perfettamente integro anche se ormai inumidito, ma tiene senza problemi. Il colore è un giallo paglierino carico, neanche dorato e il naso non ha alcun problema di ossidazione. Anzi, regala un singolare agrumato di buccia di mandarino insieme a note di camomilla, finocchietto.
Al  palato la sorpresa più bella: l’acidità ha tenuto il vino in piedi senza alcun problema, possiamo parlare di miracolo visto che l’alcol dichiarato è di 11,5 gradi?
Secondo me no. Il fatto è che in ITalia consideriamo i bianchi vini di serie B rispetto ai rossi, non siamo capaci di aspettarli nei tempi giusti e, in sodoni, li beviamo male. Come se angiassimo pulcini invece di polli.
Ora, sia chiaro, non è che siamo in presenza di un bianco eccessivamente complesso, dimenticavo la nota fumè in sottofondo, ma sicuramente in grado di dare grande soddisfazione sulla frittur di pesce appena pescato da una paranza cilentana.
La freschezza agrumata del vino si abbina alla perfezione, da manuale di sommelier, al piatto e passiamo una bella domenica convinti di bere una delle tante buone cose del nostro Paese ancora sconosciute ai più. Certo, 12 anni possono essere esagerati, ma un Prie Blanc, tra l’altro lavorato solo in acciaio dalla cantina coopertiva di Morgex, può dare migliori soddisfazioni dopo quattro, cinque anni dalla vendemmia senza probemi.
Insomma, una piccola grande bevuta, una bella sorpresa.

CAVE MONT BLANC DE MORGEX ET LA SALLE SOC.COOP.
Strada Des Iles, 31 11017 La Ruine – Morgex (AO) Italia
39 0165 800331
[email protected]

2 commenti

    Mondelli Francesco

    Premesso che il miglior “brodo”lo fa la gallina questa esperienza non mi sorprende affatto avendo assaggiato verdicchio fiano o friulano fatti per essere bevuti al massimo l’hanno successivo all’imbottigliamento ma vuoi per l’annata vocata o la bottiglia ben conservata li ho goduti anche vent’anni dopo.In questo caso particolare poi ha giovato l’acidità naturale accentuata oggi molto di moda e purtroppo a causa di temperature elevate artificialmente procurata FM

    22 giugno 2020 - 10:35Rispondi

    Enrico Malgi

    Ottimo vino senz’altro il Blanc de Morgex et de La Salle, Forse ancora poco famoso e sottovalutato. Con le stesse uve di Prie Blanc, raccolte in pieno inverno sotto la neve, si ottiene un grande passito chiamato Chaudelune. Un ice wine dolce, ma niente affatto stucchevole.

    22 giugno 2020 - 17:33Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.