Carolin Martino entra nel consiglio direttivo delle Donne Del Vino


22/1/2023 187
Carolin Martino

La produttrice Carolin Martino è entrata a far pare del consiglio di amministrazione dell’Associazione

Nazionale Le Donne del Vino: rappresenterà la Basilicata per il triennio 2023-2025.
Per la prima volta, dalla nascita dell’Associazione, sarà rappresentata la regione Basilicata.

Carolin Martino è nata e cresciuta nel mondo del vino, tra botti e profumi di travasi ed ha sempre proiettato il proprio futuro in questo settore e nell’Azienda di famiglia.

Inizia la sua attività lavorativa subito dopo aver conseguito la laurea in Economia e Direzione delle Imprese, presso la LUISS, e il titolo di Sommelier Professionista, a Roma.

Sin dall’inizio affianca il padre nella gestione aziendale, contribuendo in modo sostanziale a tutti i successi che negli anni, l’azienda consegue. Tra le esperienze professionali di maggior rilievo, si segnala la Presidenza del “Consorzio di Tutela dell’Aglianico del Vulture”, di cui continua a rivestire la carica di consigliere.

E’ socia dell’Associazione Nazionale “Le Donne del Vino” da quasi venti anni ed ha contribuito alla nascita delle delegazione lucana quando ancora non esisteva in Basilicata. Da allora sono stati realizzati grandi progetti e ad oggi la delegazione lucana è attiva a livello regionale e nazionale.

Questo nuovo incarico, nel Consiglio nazionale, rappresenta per lei un importante momento di crescita professionale ma soprattutto l’occasione di contribuire in modo sempre più incisivo alle attività dell’associazione.

Completano il Cda che resterà in carica per il triennio 2023-2025: Marilisa Allegrini (Veneto), Pia Donata Berlucchi (Lombardia), Antonella Cantarutti (Friuli Venezia Giulia), Cristiana Cirielli (Friuli Venezia Giulia), Carolin Martino (Basilicata), Dominique Marzotto (Sicilia), Antonietta Mazzeo (Emilia Romagna), Jenny Vian Gomez (Abruzzo). Nel collegio dei probiviri, siedono Michela Guadagno (Campania), Elena Tessari (Veneto), Romina Togn (Trentino Alto Adige).

Ai vertici, Daniela Mastroberardino è la nuova presidente, che prende il posto di Donatella Cinelli Colombini. Al suo fianco siederanno la vice presidente vicaria Francesca Poggio (Piemonte), e le vice presidenti Marianna Cardone (Puglia) e Paola Longo (Lombardia).

«È tempo di guardare avanti – ha detto Mastroberardino appena eletta – senza dimenticare questi quasi 35 anni di eredità che ci vengono consegnati e che sono frutto del lavoro di tutte noi donne del vino, ma, in particolare, delle presidenti che mi hanno preceduto e che tanto hanno profuso, ognuna di loro con il proprio tratto distintivo. Un ringraziamento per tutte alle tre Presidenti che conosco meglio: Pia Donata Berlucchi, la prima presidente al cui fianco ho lavorato, alla mia conterranea Elena Martusciello, con cui ho condiviso tanti degli inizi della mia vita associativa, e a Donatella Cinelli Colombini, da cui ricevo il testimone dopo 7 anni straordinari».

Donne del Vino - nuovo Consiglio 2023-2025
Donne del Vino – nuovo Consiglio 2023-2025

CHI SONO LE DONNE DEL VINO

Le Donne del Vino sono l’associazione di enologia al femminile più grande del mondo. Nata nel 1988, conta oggi 1018 associate tra produttrici, ristoratrici, enotecarie, sommelier e giornaliste. Le Donne del Vino sono in tutte le regioni italiane coordinate in delegazioni. L’associazione è senza scopi di lucro e promuove la cultura del vino e il ruolo delle donne nella filiera produttiva del vino. Nel 2019 hanno costituito un network internazionale con 10 associazioni simili in altre parti del mondo. Durante la IIa Convention mondiale delle Donne del Vino ospitata al Simei Milano a novembre, hanno siglato un patto internazionale di collaborazione con le rappresentati di Amuva – Argentina, The Fabulous Ladies’ Wine Society-Australia, 11 Frauen und ihre Weine – Austria, Chile, Wow- Croazia, Femmes de Vin – Francia, Baia’s Wine – Georgia, Vinissima – Germania, Women in Wine – Nuova Zelanda, Las Damas del Pisco – Perù. Le Donne del Vino italiane promuovono indagini sul gender gap nelle cantine e sull’uso del vetro leggero. La collaborazione con università e strutture formative ha permesso un forte incremento dell’attività didattica in favore delle socie specialmente nei settori del marketing e della comunicazione. Dall’anno scolastico 2021-2022 è partita la sperimentazione del progetto D-Vino per introdurre l’insegnamento del vino negli istituti turistici e alberghieri direttamente organizzato dalle Donne del Vino. Le socie stanno realizzando il primo ricettario italiano che parte dal vino o dai vitigni autoctoni per descrivere i piatti della tradizione locale. Le azioni in favore della salvaguardia dell’identità locale e del patrimonio storico del vigneto italiano comprendono anche le degustazioni sui vini da “vitigni reliquia” e da “vigneti antichi”. Le Donne del Vino promuovono il turismo del vino en plein air con il progetto Camper Friendly. Contrastano la violenza sulle donne con raccolte di fondi, convegni e azioni di sensibilizzazione come #tunonseisola e il più recente sharing corner del sito per agevolare chi cerca lavoro. Maggiori notizie sono nel sito e nel blog www.ledonnedelvino.com oltre che nel mensile D-News inserto del Corriere Vinicolo.

Associazione Nazionale Le Donne del Vino

02 867577, www.ledonnedelvino.com, [email protected] Associazione Nazionale Le Donne del Vino delegazione Lucana Carolin Martino 342-7463095; [email protected]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.