Chianu Cruci 2018 Salina igp Caravaglio |GARANTITO IGP

16/5/2019 722
Antonino Caravaglio
Antonino Caravaglio

Vini Caravaglio. Capperi o malvasia? Questo è il dilemma che si vive a Salina dove entrambi danno molta soddisfazione a chi li produce. Antonino Caravaglio, quest’anno benemerito per la viticultura al Vinitaly,  ha risolto piantando capperi e viti negli ultimi vent’anni passando da cinque a tredici vitati per la precisione.
Questo vino nasce a Piano Croce, un piccolo territorio pianeggiante chiamato Valdichiesa che unisce i due vulcani dell’isola, sempre carezzato dal vento, una caratteristica che rende più facile la gestione biologica dell’agricoltura e non a caso Antonino Caravaglio ha subito imboccato questa strada. Anno dopo anno ha comprato i terreni, si è ingrandito e conduce la sua giornata da un polo all’altro dell’Isola di Salina dopo aver acquistato anche a Lipari e adesso a Stromboli con l’ex direttore del TG1 Andrea Montanari dove riporta la vite dopo alcuni decenni di assenza.
Per il cappero ha una idea tutta sua: meglio una dop Eolie che una solo Salina e sul piano della comunicazione è impossibile dargli torto vista la dimensione così piccola dell’Arcipelago.

Caravaglio - Salina 2018
Caravaglio – Salina 2018
Caravaglio - Salina 2018
Caravaglio – Salina 2018

Dalla sua caverna delle meraviglie, parliamo della cantina dello stellato Signum, Luca Caruso decide di iniziare a farci bere il territorio partendo proprio da questo bianco, ottenuto da malvasia delle Lipari all’80 per cento con un saldo di vitigni autoctoni tra cui prevale il Catarratto.
La tecnica è quella di una macerazione prolungata sulle bucce per poi tenerlo in sosta in vasca d’acciaio fino al momento dell’imbottigliamento.
Malvasia e Moscato vinificati in secco da sempre sono la mia passione e questo bicchiere mi colpisce non solo per i profumi esuberanti tipici del vitigno, ma soprattutto per la sostanza, il corpo, la complessità. Presentato come vino da aperitivo, secondo me ha molto da raccontare nei prossimi due tre anni, quando avrà raggiunto la maturità necessaria e al naso si comincerà a sentire il tipico effetto dei suoli vulcanici che arricchiscono il vino con il passare del tempo.
Al palato è amaro, fresco, ampio.
Un esempio concreto di cosa voglia dire biodiversità quando stappiamo una bottiglia di vino. Non è importante che sia la più buona del mondo quanto, piuttosto, che sia una chiave d’ingresso nel territorio che viviamo e ci faccia conoscere le bellezze le persone che ci vivono.

 

Sede a Malfa, Salina. Via Provinciale 33 Frazione Gramignazzi
Tel. 090 9844043
www.caravaglio.it
Ettari: 13 di prorpietà
Certificazione biologica

Vini Caravaglio

Un commento

    Francesco Mondelli

    (16 maggio 2019 - 07:29)

    Da sottoscrivere:la chiave d’ingresso nel territorio che viviamo.Grande sintesi.Complimenti sempre da FM.

I commenti sono chiusi.