Coronavirus. Il governo intervenga subito per ristoranti, bar, trattorie, pizzerie, panifici, pasticcerie e gastronomie prima che sia troppo tardi: anche questa è Italia!!!

18/3/2020 94.8 MILA
Il ministro dello Sviluppo economico, Stefano Patuanelli

C’è un settore chiuso in una stanza con il livello dell’acqua che si alza ogni giorno come nei peggiori incubi sino a togliere il respiro: bar, ristoranti, pizzerie, trattorie. Ma anche, più in generale, il settore del commercio.
Centinaia di migliaia, milioni, di persone che rendono ancora l’Italia un paese caratteristico e ricco, sentinelle e riferimenti nei quartieri.
Questo settore sta soffrendo più di tutti in questo momento e quello che mi colpisce è il fatto che nessuna forza politica se ne cura più di tanto sia in sede nazionale che in quella locale. Certo, la ristorazione nel suo insieme sconta in questo momento il suo individualismo, la poca capacità di fare massa.
Però toccherebbe comunque alla politica fare una sintesi.
Gli appelli si rinnovano e nei social traspare una preoccupazione crescente. Certo si tratta di persine perbene, non devasteranno ospedali e carceri e neanche faranno barricate nelle strade perché da sempre le hanno temute, forse per questo la loro morte silenziosa non fa paura.
E l’alta ristorazione? Ma di che si lamenta, è il commento di tanti, hanno guadagnato; questo si legge in giro
Io penso esattamente il contrario invece, e spero di sbagliarmi: sarà proprio la ristorazione stellata la prima a cedere il passo. Purtroppo.

La premessa è che qui non si si discutono i provvedimenti del governo. E neanche quelli che prenderà.
Poco più di una settimana fa la movida incalzava, il senso di immortalità che si prova quando si è giovani ha spinto in migliaia nella notte a non cambiare le proprie abitudini nelle grandi e nelle piccole città sino al divieto.
Oggi tutti gli scienziati ci dicono una sola cosa: non abbiamo altra strada se non mantenere la distanza per evitare lo tsunami dell’infezione. Nessuno di noi è immune.
Quello che davvero non mi fa dormire è uno scenario lombardo al Sud dove mancano strutture sanitarie da sempre saccheggiate e lo Stato sconta una assenza atavica dalle piccole alle grandi cose, persino nei segnali minimi (uno per tutti? Il più stupido che mi viene in mente? I controlli ai pass dei binari che a Napoli si sono fatti blandamente solo nelle ultime settimane e che a Roma e Milano ci sono da quasi un anno).

Bene dunque le misure che tutti dobbiamo rispettare. Senza deroga.

Ora guardiamo la cosa dal punto di vista di chi oltre a restare a casa non può aprire.
Non parliamo di un solo mese di inattività, parliamo anzitutto di una crisi sanitaria che lievita in una crisi economica da cui non ci siamo ripresi ormai da dieci anni e che ha portato già a tante chiusure, anche a causa di una mole incredibile di obblighi fiscali, controlli, vessazioni vere e proprie delle autorità locali (mi viene in mente la pedana che fu tolta dal comune di Napoli alla Caffetteria in piazza dei Martiri). Nel 2008 il reddito pro capite degli italiani era di 38mila dollari, nel 2018 era di 31mila dollari (evitare commenti perchè dollari e non euro, fatevi il calcolo).
Le pizzerie familiari possono reggere, ma quelle che hanno decine di dipendenti possono solo mandare a casa la gente sperando di riaprire il più presto. E questo vale per tutta la ristorazione. E, a catena, chi la fornisce e chi produce per essere distribuito, per chi la comunica, per i media che fanno pubblicità.
Già ma quando si riapre? Il 25 marzo quando si prevede il grande picco? Il 3 aprile che era la data di riapertura delle scuole? E’ pensabile che si liberi la circolazione prima di Pasqua, prima dei ponti del 25 aprile e del primo maggio con milioni di italiani che vagano su e giù per la nostra bella Penisola?? E’ pensabile che, quand’anche oggi si trovasse un farmaco miracoloso grazie alle preghiere del Papa e dell’Arcivescovo di Milano, lo potremmo usare come una tachipirina il 10 maggio? O il 20 giugno?

E quando lo tsunami sarà passato, alle soglie di una stagione senza turisti che da soli consentono ai grandi ristoranti stellati e agli alberghi di aprire in Versilia, in Penisola Sorrentina, a Taormina, sulla costa adriatica, chi potrà veramente riaprire?

E questo è ancora uno scenario ottimista, perché ho letto da più parti che secondo gli scienziati, da questa storia usciremo veramente tra non meno di un anno e dobbiamo ringraziare che non è esplosa a ottobre.

Bene, cosa può fare il governo in una Europa che ieri ha finalmente ha lasciato alle spalle il mantra del patto di stabilità?
Semplice: né più e né meno di quello che fa per tutti gli altri settori economici. Bloccare le scadenze fiscali nazionali e locali per il commercio e per le partite iva fino ad una certa soglia maturate nel 2019 e fare un piano di rientro delle stesse a partire dal 2021.
Dopo che abbiamo investito miliardi per il reddito di cittadinanza e per quota 100 con un dibattito che ci ha fatti le palle alla pizzaiola per mesi e mesi mentre non un euro andava alla Sanità e alla Scuola e alle Forze dell’ordine vuoi non investirli per un anno almeno di cassa integrazione per commessi, camerieri, pizzaioli, baristi, cuochi, stagionali, animatori, sommelier, direttori d’albergo?
Sono loro le categorie più deboli, tra l’altro le più giovani e dunque con meno risorse rispetto alle generazioni precedenti?
Possiamo calmierare il pagamento dei fitti e spalmarlo così come un tempo si bloccavano gli sfratti per evitare emergenze sociali?

Dove sta la destra che ha sempre sostenuto di difendere queste categorie? E perché la sinistra non ritiene questi temi altrettanto importanti di quelli della grande industria? Poi tutti bravi a farsi fotografare con la pizza e il mandolino.
Ma la pizza, la ristorazione, non è folklore: è economia, è capacità di sostenere le buone produzioni italiane che altrimenti sarebbero andate perse in questi anni, è la possibilità di dare orgoglio a ragazzi di 30, 20 anni dando loro una giacca, una divisa invece di farli scappare all’estero per fare i lavapiatti o, peggio, vederli attratti dai guadagni facili della munnezza gestita dai clan.

Io non ho alcun potere se non quello della parola, metto questo post nel web come prima si mettevano i biglietti nelle bottiglie. Spero che qualcuno ben più autorevole lo raccolga e lo faccia suo.
In bocca al lupo a tutti i ragazzi straordinari che ho conosciuto in questi anni, anche a quelli che mi hanno insultato sui social perché magari pensavano di essere (a torto) discriminati o perché li ho semplicemente delusi.
Del resto chi non fa non sbaglia
Spero che i vostri sogni che si stavano realizzando ripartano al più presto.
Perché non il futuro, ma il presente di questa nostra bellissima e fortissima Italia siete voi e spero che chi ha responsabilità istituzionali lo capisca e non giochi solo a fare il duro per conquistare consensi sulla paura.
A me piacciono i consensi costruiti sulla speranza e sulle cose da fare.

 

Ps: ringrazio Salvatore Grasso, titolare della pizzeria Gorizia 1916, ad avermi sollecitato e stimolato queste riflessioni.

12 commenti

    marco contursi

    io la vedo nera…..per tutti i settori del “lusso”, del “non necessario” perchè dopo un virus come questo per molti sarà un lusso pure mangiarsi una pizza alla riviera di Chiaia o comprarsi uno Swatch…..altro che pasto dal Noma o un Patek Philippe….spero che chi ha tanti soldi aiuti l’economia a ripartire, magari regalando a chi ha meno…. a tal proposito e se a qualcuno interessa, mi piace la nuova mercedes classe A, mangiare ogni sera in trattoria, i distillati pregiati, il Louis Moinet Meteoris Collection, ecc….

    18 marzo 2020 - 10:30

    alfonso di fabio

    È inutile fasciarsi la testa adesso, dobbiamo attendere il 25 marzo e con molta probabilità il 3 aprile per poter vedere se i bar possano riaprire, se non sarà possibile sicuramente con un nuovo decreto si aiuteranno anche queste categorie. Ma spargere richieste adesso solo per qualche like o qualche voto questa la chiamo “millanteria”

    18 marzo 2020 - 10:30

    frank

    alfonso di fabio: aspettiamo che le richieste non abbiano più senso? Aspettiamo come ha aspettato criminalmente il governo. Sveglia, please o hai paura che facciamo la bua ai nostri poveri politicanti?

    18 marzo 2020 - 12:04

    Franco massimo capovivo

    Buongiorno sono al collasso
    Sicuramente nn potrò piu aprire
    S’è la chiusura si prolungano oltre il 25

    18 marzo 2020 - 13:00

    Giancarlo

    Cosa avrebbe aspettato il governo?ha sbagliato a non chiudere le fabbriche ma altro era difficile immaginare.io sono medico e sia su science che su lancet ci sono studi sulla % degli asintomatici (75/80% del totale infettati) e sulla loro carica virale molto alta ed inaspettata visto che in letteratura non c’erano casi di trasmissione della malattia da parte della Sars(“cugino di quello attuale).questa è una pandemia molto poco contenibile anche per elevata contagiosità r0 da 2,8-3,4 ben più alta dell’influenza che come sappiamo è ingestibile se non con vaccinazioni di massa

    18 marzo 2020 - 13:11

    Giovanna

    Hai perfettamente ragione.

    18 marzo 2020 - 13:43

    giusepppe

    il problema è molto semplice finito questo problema ce ne sarà ancora uno piu grande la fame che verrà ,ma questo a chi ci governa poco importa, nn siamo tutelati come imprese piccole o grandi che siano, distolgono il problema mostrando sui canali televisivi immagini che ” andrà tutto bene” ma questo è l’ennesima prova che prendono per i fondelli.
    se abbiamo gli attributi finita quest’emergenza la prima cosa da fare è far cadere il governo ,elezioni fatte dal popolo ,mettere al comando persone competenti di finanza imprenditoriale ,persone che in europa ci rispettino per quello che siamo altrimenti uscita dall’europa , far valere la ns presenza ,siamo il paese con piu alti prodotti IGP e di eccellenze che tutti ci invidiano…
    per anni al potere è salito chiunque senza competenze alcuna e ora paghiamo le pene di tutto cio , è arrivato il momento di cambiare le cose ma di farle con la giusta cognizione.

    18 marzo 2020 - 15:06

    Hassan ali

    Ciao, prima di tutto salutare prego per la Italia anzi tutto il mondo Italia mi ha datto nuova vitta ti amo Italia 🇮🇹 Forza Italia Andrà tutto bene

    19 marzo 2020 - 01:35

    Giovanna

    Quando riapriranno le attività si tornerà a ritrovare i clienti ma chi viveva già in bilico avrà un’attività morta per coronavirus chi ha alberghi o agenzie di viaggio può chiudere direttamente e sperare di trovare lavoro per quest’anno non credo che il turismo sarà di moda e chi avrà le ferie si troverà ad averle spese in questo periodo apocalittico
    Auguri a tutti i papà

    19 marzo 2020 - 10:39

    Vittorio Camorri

    Grazie Luciano, sei la voce di tutti noi dimenticati e abbandonati. #andratuttobenemanonpertutti
    Ti prego continua a scrivere e denunciare..
    Grazie

    19 marzo 2020 - 13:00

    Io mi occupo di restaurant management (http://www.frachef.it/eventi/corso-restaurant-manager.html) ed una cosa che predico da sempre, anche dando modelli già pronti, è accantonare.

    Pare una cosa scontata, accantonare, ma nella ristorazione lo fanno in pochi e la maggior parte accantona poco e nulla, addirittura zero, neppure l’1% del fatturato.

    Accantonare è una noia, pare di non poterlo fare mai, ma chi lo fa, sa che a volte l’accantonamento è la salvezza. Ovvio, alla lunga i soldi accantonati finiscono, ma almeno un paio di mesi o tre senza incassare, si può sopravvivere. Difficilmente, ma si sopravvive.

    Mi auguro che almeno questa triste situazione serva per prendere consapevolezza del fatto che è il titolare dell’azienda che deve preoccuparsi della solidità e delle possibilità di sopravvivenza, perché le crisi non sono imprevisti, sono prevedibilissime e basta guardare il passato per accorgersene.

    Ovviamente mi spiace molto, moltissimo, per tutte le persone che avranno problemi col lavoro, sia dal lato imprenditore, sia da quello dipendente.

    19 marzo 2020 - 14:16

    Claudio

    io quello che non riesco a capire è per quale motivo il governo dice di aver fatto un decreto giusto che aiuta tutti……..si, dice che aiuta tutti, però per quanto riguarda la mia categoria (bar), chiusura totale (giustamente) per evitare il contagio, però i locali delle stazioni di servizio rimangono aperti con la marea di menefreghisti del virus che li riempiono…….forse la stazione di servizio ha il vaccino contro il virus…????
    Poi, sempre giustamente, i dipendenti (quelli finora non licenziati) non vanno a lavorare ma prendono regolarmente il loro stipendio sul loro conto e devono solo stare a casa, mentre una parte di noi stronzi commercianti oltre al fatto che (sempre giustamente) dobbiamo chiudere ci danno la luculliana somma di 600€ per campare………EVVIVA !!!! Quando andrò a fare spesa acquisterò tutti prodotti di prima qualità perché con 600€ oltre al fatto che posso tranquillamente pagare affitto (sia del locale che abitazione privata), utenze in entrambi i casi ecc. investirò anche in titoli di stato……tanto con 600€ posso fare questo e altro no…???? Spero che questa emergenza una volta finita porti il popolo italiano a capire ancora di più quale cazzo di governo si è di nuovo messo al potere senza che nessuno lo ha votato

    19 marzo 2020 - 17:18

I commenti sono chiusi.