Da Luciano Cucina Italiana a Roma, la nuova vita di Luciano Monosilio tra cacio e pepe, carbonara e pizze a canotto

13/9/2018 6.9 MILA
Luciano Monosilio
Luciano Monosilio

Da Luciano Cucina Italiana
Piazza del Teatro di Pompeo, 18
Telefono: 06 5153 1465
Sempre aperto

Chi si aspettava l’ennesimo, e inutile, ristorantino gourmet da genio inespresso è stato smentito sonoramente. Luciano Monosilio cucina la carbonara  con annessa ricetta la cacio e pepe, il pollo arrosto e propone le pizze a canotto di Elio Santosuosso, cilentano alla scuola di Giancarlo Casa. Il divorzio gastronomico dell’anno non poteva concludersi in maniera più netta e definitiva.

Da Luciano Cucina Italiana
Da Luciano Cucina Italiana

Luciano Monosilio, 33 anni da Albano Laziale si iscrive dunque al partito della semplicità e della tradizione. Il nuovo locale, nei pressi di Corso Vittorio Emanuele, domina la piazzetta dove, soprattutto dopo che i venditori ambulanti hanno lasciato campo libero dalle 15, l’ambiente è confortevole. La filosofia strizza l’occhio al nord nei materiali, nell’acqua di rubinetto servita in bottiglia, nel produrre in proprio quello che si cucina come nel caso della pasta, qui sulle orme di Giovanni Passerini a Parigi.

Da Luciano Cucina Italiana, il minipastificio
Da Luciano Cucina Italiana, il minipastificio

I clienti entrano incuriositi ed escono contenti. Il motivo è semplice, il segreto commerciale del successo gastronomico in questo momento: piatti della tradizione eseguiti con perizia tecnica, una tecnica che Luciano Monisilio ha “rubato” tra Crippa e Uliassi oltre che da Pierangelini.

Da Luciano Cucina Italiana
Da Luciano Cucina Italiana

Si parte con fritture tipiche, delizioso supplì e pizze a canotto di Elia Santosuosso. Già, il cornicione alto è il segno distintivo ormai di una generazione di pizzaioli, qui parte da un blend di 00 e di 01 al dieci per cento, lunga lievitazione. C’è il forno elettrico, ma come abbiamo avuto più volte modo di verificare, il risultato è piacevole.

Elia Santosuosso
Elia Santosuosso
Da Luciano Cucina Italiana, il suppli'
Da Luciano Cucina Italiana, il suppli’
Da Luciano Cucina Italiana, la margherita
Da Luciano Cucina Italiana, la margherita

La margherita è scioglievole nonostante la presenza di un po’ di integrale grazie ad una idratazione molto spinta e ben gestita. La Nerano invece mostra il vantaggio della collaborazione tra pizzaiolo e cuoco, con l’estrazione di sapore dalle zucchine non compromessa dalla cottura a 480 gradi e soprattutto non seppellita da quintali di fiordilatte come spesso usano quei pizzaioli che non ragionano sugli ingredienti ma orecchiano.

Da Luciano Cucina Italiana, la Nerano
Da Luciano Cucina Italiana, la Nerano
Da Luciano Cucina Italiana, carbonara e ricetta carbonara
Da Luciano Cucina Italiana, carbonara e ricetta carbonara

Imperdibile la mitica carnonara di Luciano Monosilio, un “45 giri” di successo di cui il nostro, e con lui anche Pipero, è alla fine rimasto prigioniero un po’ come gli attori di un personaggio. Però alla gente piace, già nei primi giorni di apertura è andata a ruba, perché non farla, perché non accontentare il cliente e preoccuparsi del sopracciglio inarcato del critico?

Da Luciano Cucina Italiana, tonnarelli cacio e pepe
Da Luciano Cucina Italiana, tonnarelli cacio e pepe

Luciano Monosilio e la pasta, una storia d’amore come recita la reclame. Le tagliatelle al ragù sono commoventi e valgono da sole il viaggio.

Da Luciano Cucina Italiana,tagliatlelle al ragu'
Da Luciano Cucina Italiana, tagliatlelle al ragu’
Da Luciano Cucina Italiana, pane e acqua
Da Luciano Cucina Italiana, pane e acqua

Fuori dal comfort food, o dal food porn se preferite, la mano tecnica galoppa felice e senza nascondersi negli antipasti: anche qui la capacità di mettere sullo stesso livello il vegetale e la carne è ammirevole.

Da Luciano Cucina Italiana, carpaccio di agnello
Da Luciano Cucina Italiana, carpaccio di agnello
Da Luciano Cucina Italiana, il polletto
Da Luciano Cucina Italiana, il polletto
Da Luciano Cucina Italiana, vitello tonnato
Da Luciano Cucina Italiana, vitello tonnato

CONCLUSIONE
La formula insomma è quella di Santo Palato, una trattoria vera ma moderna, che si distingue dalla munnezza turistica per la qualità della materia prima e la cordialità del servizio. Insomma quello che è sempre stata la trattoria italiana. Un segnale forte di tendenza destinato secondo noi a crescere perché nelle case ormai non si cucina più ma la gente ha nostalgia per questi piatti che per i giovani sono una scoperta. Venite qui, un buon piatto o anche due, un bicchiere di vino da una semplice e snella carta, anche la birretta. Lasciate 35, massimo 40 euro e ripartite felici.
La scommessa? Replicare questo modello, in Italia ma anche all’estero. Questo è lo stimolo che Luciano Monosilio ha ritrovato: sovranismo gastronomico. E questo sovranismo a noi piace :-)

Da Luciano Cucina Italiana, Roma

4 commenti

    luca

    (13 settembre 2018 - 14:41)

    “Insomma quello che è sempre stata la trattoria italiana”(dall’articolo)

    Fino a poco tempo fa venivamo snobbati e scherniti noi, quattro gatti, che difendevamo la grande “tradizione della cucina italiana”, travolta da un neo conformismo modaiolo e da un un gastrofighettismo che è diventato una nuova forma di bigottismo.
    Camionisti! Passatisti! Ultimamente…anche lo strausato Populisti!

    L’esaltazione senza freni della cucina stellare (la creatività spessissimo degradata a puro esibizionismo tecnico nato per stupire, a volte per intontire) è stato uno(non il solo) dei motivi del declino della classica Trattoria Italiana.

    E bravo Monosilio!!!
    che ha scelta una strada che sembra vecchia e sorpassata ma vedremo tra cent’anni quali saranno i piatti che ancora si faranno:
    vi ricordate più di dieci piatti della cucina stellare? Molti durano una stagione di menù.

    Ma hanno STUPITO !!!

    Noi, quelli della Trattoria Italiana, non ci stanchiamo mai di stupirci di fronte a un
    classico piatto, nazionale, regionale, tipico.
    A noi non non occorrono i fuochi d’artificio o un vuoto e ormai ritualistico pseudo impiattamento artistico(?)(l’arte, signori, è un’altra cosa).

    Noi, corriamo volentieri il rischio di essere insultati come populisti.

    Francesco Mondelli

    (13 settembre 2018 - 16:17)

    Una mia idea lanciata anche su questo blog è quella che un po’ di addetti ai lavori che sentano questa esigenza si consorzino per dar vita ad una guida sulla cucina italiana finalmente sganciata dalla Michelin perché credo che sia un sacrosanto diritto degli italiani essere giudicati con metro nazionale nonché regionale (come sta facendo ad esempio repubblica)se non altro per la peculiarità della nostra cucina che nulla ha da invidiare a nessuno.Chiaramente tirando dentro tutti a cominciare dalla ostrie per finer con i ristoranti top.PS,Con tutto il rispetto e la stima per i cugini francesi spagnoli danesi ecc. vorrei morire sicuro di lasciare ai miei figli un’eredità gastronomica orgogliosamente Italiana.FM.

    Francesco Mondelli

    (13 settembre 2018 - 16:19)

    Errata corrige .Osterie per finire….FM

    pasquale orlando

    (16 settembre 2018 - 10:37)

    la linea è chiara e forte ma non è il ritorno alla trattoria, spesso polverosa e arronzata. Piuttosto una nuova cucina che ha scoperto l’essenzialità con prodotti buoni ed esecuzioni eccellenti. I giovani fortunatamente ci stupiscono.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.